La ven­det­ta di Ma­ri­no: ora in cam­po per il "no"

Mai più can­di­da­to a Ro­ma ma pron­to per la fron­da an­ti-ren­zi

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

RO­MA - Do­po es­se­re usci­to dal tun­nel del ca­so scon­tri­ni, l'ex sin­da­co di Ro­ma Igna­zio Ma­ri­no tor­na in cam­po per il No al re­fe­ren­dum. Esclu­de di vo­ler­si ri­can­di­da­re in Cam­pi­do­glio o in Re­gio­ne La­zio, ma con­fer­ma il suo im­pe­gno per la cit­tà «che co­no­sce e che ama». La ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le «in gran par­te non è com­pren­si­bi­le, ma so­prat­tut­to è inef­fi­ca­ce e non rag­giun­ge lo sco­po», af­fer­ma. «Non com­men­to le co­se che fa Ma­ri­no - ri­spon­de il com­mis­sa­rio del Pd Ro­ma, Mat­teo Or­fi­ni - Se mi­li­te­rà per il No al re­fe­ren­dum sta­rà con D'ale­ma, in boc­ca al lu­po... Io mi­li­to per il sì».

La stra­te­gia dem è quel­la di igno­ra­re il “ca­so Ma­ri­no”, i ver­ti­ci del Pd al­la di­re­zio­ne di do­ma­ni ri­ba­di­ran­no che «l’alie­no» è an­da­to a ca­sa per­ché in­ca­pa­ce di go­ver­na­re la Ca­pi­ta­le, non per la vi­cen­da de­gli scon­tri­ni. L’ex sin­da­co di Ro­ma è en­tra­to di di­rit­to nel Pan­theon dei “mi­glio­ri ne­mi­ci”, al pa­ri di D’ale­ma: «Sta­rà con lui, au­gu­ri», gli man­da a di­re Or­fi­ni. Ge­lo to­ta­le e po­co im­por­ta che Ma­ri­no (ie­ri ha ra­du­na­to i suoi a ce­na) me­di­ti ven­det­ta e at­tac­chi il re­fe­ren­dum. In un mo­men­to de­li­ca­to nei rap­por­ti con la ma­gi­stra­tu­ra, do­po le ten­sio­ni sul­la ri­for­ma del pro­ces­so pe­na­le, lo stes­so Ren­zi che pur in pas­sa­to si è espres­so su po­si­zio­ni ga­ran­ti­ste e con­tro il giu­sti­zia­li­smo, si li­mi­te­rà – spie­ga­no dal Pd – a ri­ba­di­re che oc­cor­re una ri­fles­sio­ne sull’uso di­stor­to dell’av­vi­so di ga­ran­zia, chia­man­do in cau­sa an­che la po­li­ti­ca e cer­ta stam­pa. «La po­li­ti­ca si fa coi giu­di­zi po­li­ti­ci ed è for­ca­io­li­smo be­ce­ro far­la con gli av­vi­si di ga­ran­zia ma un pes­si­mo sin­da­co non di­ven­ta un buon go­ver­nan­te per il so­lo fat­to di es­se­re sta­to as­sol­to», di­ce il ren­zia­no Par­ri­ni.

Il tour di Ma­ri­no per spie­ga­re le ra­gio­ni del No al re­fe­ren­dum del 4 di­cem­bre «è già ini­zia­to da di­ver­si me­si», di­ce l’ex sin­da­co, ov­ve­ro da quan­do ha co­min­cia­to a pre­sen­ta­re in gi­ro per l'ita­lia il li­bro "Un mar­zia­no a Ro­ma": «Al di là del fat­to che io vo­glia par­la­re an­che del­la ri­for­ma, non è mai suc­ces­so che qual­cu­no du­ran­te le pre­sen­ta­zio­ni non si sia al­za­to per par­la­re del pros­si­mo im­por­tan­te ap­pun­ta­men­to na­zio­na­le. Se mi uni­rò in qual­che tap­pa ai co­mi­ta­ti del no? Per ora non ho ap­pun­ta­men­ti di que­sto ti­po». Pe­rò, vi­sta la lun­ga co­no­scen­za, la pas­sa­ta con­ver­gen­za po­li­ti­ca e la sti­ma re­ci­pro­ca tra Ma­ri­no e Mas­si­mo D'ale­ma è plau­si­bi­le pre­ve­de­re che al­la fi­ne due si in­con­tri­no in qual­che ap­pun­ta­men­to pub­bli­co, ma­ga­ri pro­prio a Ro­ma. «Ad og­gi - sot­to­li­nea Or­fi­ni - non ci so­no pez­zi or­ga­niz­za­ti del par­ti­to a Ro­ma che la­vo­ra­no per il No al re­fe­ren­dum. Poi bi­so­gna ve­de­re il qua­dro na­zio­na­le. Noi stia­mo or­ga­niz­zan­do la ma­ni­fe­sta­zio­ne per il Sì che si ter­rà il 29 ot­to­bre a piaz­za del Po­po­lo».

Ma c'è chi scom­met­te che il chi­rur­go dem a bre­ve scen­de­rà in cam­po - con D'ale­ma e gli av­ver­sa­ri del pre­mier - per for­ma­re una nuo­va fron­da con­tro Mat­teo Ren­zi den­tro il Pd, chi cre­de pos­sa pre­sen­ta­re una mo­zio­ne al con­gres­so romano del Pd (che do­vreb­be ce­le­brar­si a feb­bra­io) e chi, tra i suoi sup­por­ter, lo ve­de ad­di­rit­tu­ra co­me pros­si­mo pre­si­den­te del Con­si­glio.

FESTEGGIATO Igna­zio Ma­ri­no do­po l’as­so­lu­zio­ne

DEMOCRATICO

Mat­teo Or­fi­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.