Con­trat­ti, 900 mi­lio­ni per gli sta­ta­li. Poi toc­che­rà a Co­mu­ni e Re­gio­ni

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

RO­MA - Cir­ca 900 mi­lio­ni di eu­ro per rin­no­va­re i con­trat­ti de­gli sta­ta­li, do­po set­te an­ni di bloc­co. È que­sta la ci­fra che po­treb­be emer­ge­re in ma­no­vra, a va­le­re sul trien­nio 2016-2018. In ca­sci­na già ci so­no 300 mi­lio­ni, som­ma che era sta­ta in­di­vi­dua­ta con l'ul­ti­ma leg­ge di Sta­bi­li­tà. Non è pe­rò esclu­so un ri­toc­co al rial­zo, ma­ga­ri spo­sta­to sul 2018. In­fat­ti, ol­tre all'am­mon­ta­re pre­ci­so, oc­cor­re­rà ca­pi­re an­che co­me le ri­sor­se sa­ran­no di­stri­bui­te, po­sto che quel che vie­ne mes­so in bi­lan­cio il pri­mo an­no si tra­sci­na su quel­li suc­ces­si­vi, an­che se non c'è più bi­so­gno di stan­ziar­lo in ma­no­vra. In al­tre pa­ro­le l'au­men­to sti­pen­dia­le se­gue una pro­gres­sio­ne. Lo stan­zia­men­to si ri­fe­ri­sce so­lo al­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne cen­tra­le, cir­ca la me­tà del to­ta­le dei di­pen­den­ti pub­bli­ci con­trat­tua­liz­za­ti. Quin­di i Co­mu­ni e le Re­gio­ni do­vran­no met­te­re in bud­get al­tret­tan­to. Re­sta pe­rò nell'oc­chio del ci­clo­ne la ri­for­ma del­la di­ri­gen­za tar­ga­ta Ma­dia, con­tro la qua­le i dirigenti pub­bli­ci an­nun­cia­no uno scio­pe­ro di 5 ore il 24 ot­to­bre. Se­con­do l'una­dis, die­tro la ri­for­ma c'è «l'idea di an­ni­chi­li­re, as­ser­vi­re, sot­to­met­te­re la di­ri­gen­za pub­bli­ca e poi la ri­for­ma pia­no pia­no in­ve­sti­rà an­che al­tri set­to­ri».

Se ar­ri­va una schia­ri­ta sui fon­di, i no­di da scio­glie­re re­sta­no quin­di di­ver­si, an­che per quel che ri­guar­da le re­go­le. Da quel che tra­pe­la si sta cer­can­do di ca­pi­re co­me al­len­ta­re le ma­glie del­la leg­ge Brunetta, che ai sin­da­ca­ti non pia­ce af­fat­to, so­prat­tut­to nel­la par­te in cui di­vi­de il pub­bli­co im­pie­go per fa­sce di me­ri­to o de­me­ri­to. La me­tà dei pre­mi an­dreb­be al 25% più bra­vo e il re­sto al 50% che sta a me­tà stra­da, nien­te al re­stan­te quar­to, con le "pa­gel­le" più bas­se. Fi­no­ra la for­mu­la, che ri­sa­le al 2009, non è sta­ta mai ap­pli­ca­ta an­che per­ché non c'è sta­to più al­cun rin­no­vo. Ora il pro­ble­ma si po­ne con for­za, vi­sto che ci sa­reb­be la vo­lon­tà di pun­ta­re pro­prio sul­la re­tri­bu­zio­ne di ri­sul­ta­to.

Sem­bra­no in­ve­ce tra­mon­ta­te ipo­te­si co­me quel­la del con­trat­to pon­te o di un rin­no­vo spo­sta­to sul trien­nio 2015-2017. E pa­re an­che dif­fi­ci­le in­se­ri­re un tet­to per i rin­no­vi. Atro fron­te aper­to è il tur­no­ver: aspet­tan­do le scel­te che ver­ran­no fat­te nel­la ma­no­vra, Ma­dia an­nun­cia un ul­te­rio­re sbloc­co, do­po i vin­co­li al­za­ti per fa­vo­ri­re il rias­sor­bi­men­to de­gli esu­be­ri del­le Pro­vin­ce.

LEG­GE BRUNETTA I sin­da­ca­ti vo­glio­no cam­bia­re i cri­te­ri di ri­par­ti­zio­ne dei pre­mi

P.A. Ma­rian­na

Ma­dia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.