Re­fe­ren­dum, l’uni­ca spe­ran­za ne­gli elet­to­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni - DI MA­RIO AJELLO

Mai co­me que­sta vol­ta ha ra­gio­ne Ma­ri­lyn Mon­roe che, nel "Prin­ci­pe e la bal­le­ri­na", di­ce­va: "Il gio­co elet­to­ra­le è un ve­ro spas­so per­ché non si sa mai pri­ma chi vin­ce". Il re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le del 4 di­cem­bre è pro­prio co­sì: dall'esi­to im­pre­ve­di­bi­lis­si­mo. L'uni­ca cer­tez­za sta nel fat­to che si sta già ri­ve­lan­do - e la ten­den­za sa­rà im­pos­si­bi­le da in­ver­ti­re in cor­so d'ope­ra - l'en­ne­si­ma or­da­lia all'ita­lia­na. Al­me­no co­sì la si vi­ve nel Pa­laz­zo e nel mon­do cul­tu­ra­le e vip­pi­sti­co (i na­ni e bal­le­ri­ne sem­pre pron­ti ad es­se­re in­gag­gia­ti per una Cau­sa che non me­ri­ta mai la ma­iu­sco­la) che ruo­ta mon­da­na­men­te in­tor­no al­la po­li­ti­ca. Tut­ti si af­fan­na­no per ab­bat­te­re "l'oli­gar­ca" - che sa­reb­be, ma fi­gu­ria­mo­ci, Ren­zi - men­tre lui e i suoi pa­ven­ta­no chis­sà qua­li di­sa­stri epo­ca­li nel ca­so vin­ces­se il No. La mi­su­ra, che nel­la po­li­ti­ca ita­lia­na non si tro­va mai, an­che sta­vol­ta sem­bra ir­rin­trac­cia­bi­le. La scim­miot­ta­tu­ra, tut­ta au­to­re­fe­ren­zia­le, di to­ni e cli­mi da '48 po­treb­be far sor­ri­de­re e in­ve­ce è l'en­ne­si­mo se­gna­le di quel­lo sta­to di ec­ci­ta­zio­ne per­ma­nen­te in cui vi­ve il ce­to po­li­ti­co. L'uni­ca spe­ran­za è che que­sto ti­po di umo­re non di­ven­ti con­ta­gio­so pres­so i nor­ma­li cit­ta­di­ni, spes­so ri­ve­la­ti­si più ma­tu­ri di chi li go­ver­na. Ba­ste­reb­be, da qui al 4 di­cem­bre, fer­mar­si un at­ti­mo a pen­sa­re al me­ri­to del­la que­stio­ne - co­me può il si­ste­ma po­li­ti­co di­ven­ta­re più fun­zio­na­te, con il No o con il Sì? - e poi de­ci­de­re di con­se­guen­za. Sen­za fin­ge­re di cre­de­re che poi ar­ri­vi l'apo­ca­lis­se o l'el­do­ra­do.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.