Gli im­mi­gra­ti e i co­sti: quan­do la vi­ta uma­na ce­de il pri­ma­to ai nu­me­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni -

Vi­te o nu­me­ri? L'ac­co­glien­za ai ri­chie­den­ti asi­lo è si­cu­ra­men­te, da di­ver­so tem­po in mo­do ci­cli­co, il pez­zo for­te dei me­dia e di mol­ti po­li­ti­ci, ma non so­lo. È an­che il te­ma scot­tan­te con cui le am­mi­ni­stra­zio­ni co­mu­na­li si de­vo­no con­fron­ta­re in con­di­zio­ni di to­ta­le emer­gen­za e con un sup­por­to del­lo Sta­to mol­to li­mi­ta­to. Ov­via­men­te l'au­dien­ce la fan­no i co­mi­ta­ti del No, che me­glio rie­sco­no a col­pi­re l'im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo ge­ne­ran­do pau­re e ti­mo­ri di per­di­te del be­nes­se­re in­di­vi­dua­le. Que­sti stes­si co­mi­ta­ti, pe­ral­tro, non for­ni­sco­no al­cu­na so­lu­zio­ne al­ter­na­ti­va se non quel­la di ac­cu­sa­re lo Sta­to e l'eu­ro­pa di es­se­re to­tal­men­te in­ca­pa­ci di in­ter­ve­ni­re al­la fon­te ri­man­dan­do, in tal mo­do, la so­lu­zio­ne di un pro­ble­ma ad un al­tro pro­ble­ma di dif­fi­ci­le so­lu­zio­ne. Ma il da­to al­lar­man­te è che i de­no­mi­na­to­ri co­mu­ni di ogni di­bat­ti­to sem­bra­no es­se­re le sta­ti­sti­che e i con­ti eco­no­mi­ci. È pos­si­bi­le che la vi­ta di mi­glia­ia di es­se­ri uma­ni deb­ba es­se­re og­get­to di ra­gio­na­men­ti pu­ra­men­te eco­no­mi­ci? È pos­si­bi­le che l'ac­co­glien­za deb­ba es­se­re giu­sti­fi­ca­ta dal fat­to che ab­bia­mo bi­so­gno di ma­no­do­pe­ra di bas­so li­vel­lo o che, vi­ce­ver­sa, la non ac­co­glien­za deb­ba pa­ri­men­ti es­se­re giu­sti­fi­ca­ta da­gli ec­ces­si­vi co­sti che lo Sta­to è chia­ma­to a so­ste­ne­re? Ma è l'uo­mo, qua­lun­que sia il suo co­lo­re, al cen­tro dei no­stri pro­get­ti o i da­ti eco­no­mi­ci ad es­so ri­fe­ri­bi­li? Sem­bra qua­si che i no­stri ra­gio­na­men­ti, ruo­ti­no so­lo at­tor­no ai nu­me­ri e ai co­sti e, spes­so, sen­za co­no­scer­li ve­ra­men­te, né sa­per­li in­ter­pre­ta­re. Pe­rò li usia­mo con­ti­nua­men­te nei di­bat­ti­ti per da­re for­za a que­sto o a quell'ar­go­men­to, per ren­de­re “og­get­ti­ve e neu­tra­li” le no­stre ar­go­men­ta­zio­ni met­ten­do in se­con­do pia­no la sa­cra­li­tà del­la vi­ta uma­na. O non do­vrem­mo in­ve­ce pen­sa­re a quan­ti fug­go­no a cau­sa di con­flit­ti, per­se­cu­zio­ni po­li­ti­che o raz­zia­li, o per de­va­sta­zio­ni am­bien­ta­li che han­no por­ta­to a cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci ir­re­ver­si­bi­li con con­se­guen­ti cri­si ali­men­ta­ri? Ri­met­ten­do al cen­tro l'es­se­re uma­no, si può an­co­ra co­strui­re un'eti­ca pub­bli­ca, ri­co­no­sce­re che, co­sì co­me non era giu­sto sca­te­na­re le guer­re in Afri­ca e Me­dio-orien­te de­gli ul­ti­mi 15 an­ni, co­sì non è giu­sto re­spin­ge­re chi dal­le con­se­guen­ze di quel­le guer­re sta cer­can­do di scap­pa­re. E non per un astrat­to buo­ni­smo, ma per­ché dal­la di­fe­sa dei di­rit­ti - e quin­di dell'uma­ni­tà - dei mi­gran­ti, pas­sa la di­fe­sa dei di­rit­ti di tut­ti.

Pier Lui­gi Spon­ton

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.