Ita­lia, in Ma­ce­do­nia ser­vo­no gio­co e pun­ti

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport - Ales­san­dro An­ge­lo­ni

L’ini­zio di un nuo­vo per­cor­so, quel­lo che do­vrà por­ta­re a un suc­ces­so fi­glio del­la bel­lez­za e di un cal­cio più co­rag­gio, co­min­cia dal­la fi­ne, cioè dal­la Ma­ce­do­nia. Sta­se­ra l’ita­lia ha tut­to da per­de­re e tut­to da pro­va­re. Spe­cie do­po che te la sei vi­sta brut­ta e ha ri­schia­to di usci­re dal­la sfi­da con la Spa­gna con le ossa rot­te. Spe­cie do­po che quei mo­stri che ti han­no "se­que­stra­to" nel­la tua me­tà cam­po e ti han­no fat­to tor­na­re in­die­tro di una tren­ti­na d’an­ni, quan­do il cal­cio ita­lia­no era più ric­co di sol­di ma po­ve­ro di co­rag­gio. Tra­di­zio­ne con­so­li­da­ta, che ha re­so l’ita­lia una del­le più vin­cen­ti se­le­zio­ni del mon­do ma mai ap­prez­za­ta fi­no in fon­do. Ab­bia­mo, al­lo Sta­dium, ri­vis­su­to stral­ci di ca­te­nac­cio. Ba­sta co­sì, gra­zie. Ar­chi­via­mo quel­la pre­sta­zio­ne, por­tan­do­ci die­tro tut­te le at­te­nuan­ti del ca­so.

L’ita­lia ri­par­ta di slan­cio e con pre­sup­po­sti di­ver­si: vin­ce­re in Ma­ce­do­nia è ob­bli­ga­to­rio, gio­ca­re be­ne una ne­ces­si­tà. Tut­to fa­ci­le: per­ché l’av­ver­sa­rio di sta­se­ra non ti fa tre­ma­re e per­ché ha an­co­ra ze­ro pun­ti in clas­si­fi­ca, ma è in que­sto ti­po di par­ti­te che si af­fi­la una men­ta­li­tà. E quel­la dell’al­tra se­ra con­tro la Spa­gna non va be­ne. Ven­tu­ra ave­va chie­sto più co­rag­gio e que­sto in­gre­dien­te do­vrà per for­za es­se­re evi­den­te sta­se­ra a Sko­p­je. Ter­za gior­na­ta di qua­li­fi­ca­zio­ne Mon­dia­le: Ma­ce­do­niai­ta­lia, men­tre la Spa­gna gio­ca con l’al­ba­nia, che sta fa­cen­do ve­de­re di am­bi­re ai pia­ni al­ti. Sta­se­ra la Na­zio­na­le di Ven­tu­ra po­treb­be tro­var­si al pri­mo po­sto, ma­ga­ri in coa­bi­ta­zio­ne con la for­ma­zio­ne di Lo­pe­te­gui. Per ades­so las­sù c’è quel­la di De Bia­si, che for­se ha mo­stra­to quel co­rag­gio che all’ita­lia è man­ca­to nel­la sfi­da del­lo Sta­dium. Ven­tu­ra in­tan­to per­de i pez­zi ma vuo­le che la sua Ita­lia sia più di­ver­sa, per ora so­lo nell’ani­ma e più in là nel mo­du­lo. Gian Pie­ro non vuo­le ri­schia­re: 3-5-2 era e 3-5-2 sa­rà, an­che se Chiel­li­ni si è in­for­tu­na­to e, pur aven­do scon­ta­to la squa­li­fi­ca con­tro la Spa­gna, non sa­rà del­la par­ti­ta di Sko­p­je.

Ro­ma­gno­li è an­da­to be­ne e gio­che­rà nei tre in­sie­me con Bar­za­gli e Bo­nuc­ci. Pel­lè è tor­na­to a ca­sa, in pu­ni­zio­ne e Mon­to­li­vo, po­ve­ri­no, ha su­bi­to l’en­ne­si­mo gra­ve in­for­tu­nio in az­zur­ro. Spa­zio a Can­dre­va, a Ver­rat­ti, che pian pia­no do­vrà di­ven­ta­re il mo­to­re gio­va­ne del­la nuo­va Na­zio­na­le, il per­no del fu­tu­ri­bi­le 4-2-4, che Ven­tu­ra fir­ma da tem­po ma che per ades­so in Na­zio­na­le ha do­vu­to ac­can­to­na­re. Da­van­ti spa­zio al­la cop­pia che nel fi­na­le con la Spa­gna ha da­to la sve­glia a tut­ti: Be­lot­ti e Im­mo­bi­le, con Eder che si gio­ca il po­sto con il pri­mo più che con il se­con­do. Bo­na­ven­tu­ra se la bat­te con Flo­ren­zi per il po­sto di Mon­to­li­vo. Pa­ro­lo è ir­ri­nu­cia­bi­le in que­sto mo­men­to, Buf­fon idem, no­no­stan­te il li­scio di To­ri­no. Vec­chio mo­du­lo e spi­ri­to nuo­vo, in at­te­sa del ve­ro cam­bio ge­ne­ra­zio­na­le.

C’è an­che da man­te­ne­re un’im­bat­ti­bi­li­tà lun­ghis­si­ma in ga­re di qua­li­fi­ca­zio­ne per Eu­ro­pei e Mon­dia­li: 52 par­ti­te, 38 vit­to­rie e 14 pa­reg­gi, 10 an­ni e un me­se di non scon­fit­te.

VER­SO RUSSIA 2018

Con­tro l’ul­ti­ma del gi­ro­ne sta­se­ra la vit­to­ria è d’ob­bli­go

LA FOR­MA­ZIO­NE Spa­zio a Can­dre­va e Ver­rat­ti In avan­ti Be­lot­ti e Im­mo­bi­le

AT­TE­SO Ci­ro Im­mo­bi­le sal­ta osta­co­li: con la Ma­ce­do­nia è chia­ma­to al gol

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.