«In svan­tag­gio per un no­stro er­ro­re Pec­ca­to per quel ri­go­re sba­glia­to»

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia Sport -

È un drib­bling sec­co quel­lo che Pip­po In­za­ghi ef­fet­tua nel do­po par­ti­ta la­scian­do ai pre­si­den­ti di­scus­sio­ni e po­le­mi­che. «Epi­so­di, la­men­te­le, io par­lo so­lo del­la par­ti­ta e di­co che con quat­tro pa­li e un ri­go­re sba­glia­to avrem­mo do­vu­to vin­ce­re e chiu­der­la pri­ma pur con­tro un'av­ver­sa­ria che me­ri­ta la clas­si­fi­ca che ha e l'ha con­fer­ma­to - il ram­ma­ri­co del tec­ni­co aran­cio­ne­ro­ver­de -. Il pri­mo tem­po? È sta­to di­scre­to, ci so­no sta­te buo­ne co­se, ab­bia­mo col­pi­to un pa­lo e pre­so la tra­ver­sa con Fer­ra­ri su ri­go­re. Pec­ca­to, non ne ave­va sba­glia­to uno in car­rie­ra ma è suc­ces­so, pa­zien­za. Pe­ral­tro non ab­bia­mo con­ces­so nem­me­no un ti­ro».

In­za­ghi ma­sti­ca ama­ro per il gol del van­tag­gio ospi­te a ini­zio ripresa.

«Pur­trop­po ab­bia­mo per­so una pal­la ba­na­le, in pra­ti­ca ce lo sia­mo fat­ti da so­li. Poi è ar­ri­va­to qua­si su­bi­to il 2-0 e a quel pun­to sia­mo sta­ti dav­ve­ro bra­vi a rea­gi­re, ri­pren­den­do un pa­reg­gio e ri­schian­do in se­gui­to di se­gna­re an­che il 3-2. Pec­ca­to per il pa­lo in­ter­no di Mo­reo, una gros­sa ma­no ce l'han­no da­ta Tor­to­ri e Gei­jo che han­no avu­to un bell'im­pat­to. Ciò con­fer­ma che for­se ci sa­ran­no pu­re squa­dre più for­ti di noi, ma il Venezia ha tan­tis­si­ma scel­ta e io so­no con­ten­to dei miei ra­gaz­zi e di co­me si stan­no com­por­tan­do».

Sul­le pa­ra­te sal­va risultati di Fac­chin il mi­ster la­gu­na­re non si scom­po­ne. «Bra­vo in 2-3 oc­ca­sio­ni nel fi­na­le, pri­ma pe­rò, ri­pe­to, non ave­va­mo con­ces­so ti­ri in por­ta. Con quat­tro at­tac­can­ti in cam­po ci sta con­ce­de­re qual­che con­tro­pie­de, più che al­tri di­spia­ce aver spre­ca­to tan­te oc­ca­sio­ni per­ché se­gnan­do­le tut­te avrem­mo po­tu­to vin­ce­re 6-2 - In­za­ghi è per­fet­ta­men­te in li­nea con Ta­co­pi­na -. Pec­ca­to aver do­vu­to pren­de­re quei due cef­fo­ni pri­ma di ini­zia­re a fa­re gran­di co­se».

Do­po il fi­schio fi­na­le In­za­ghi sul pra­to del Pen­zo si è bec­ca­to con l'al­le­na­to­re av­ver­sa­rio Pal­la­di­ni, ar­rab­bia­to con l'arbitro per il 2-2 di Ben­ti­vo­glio a det­ta dei ros­so­blù vi­zia­to da una de­ci­si­va spin­ta di ma­no.

«No, nes­sun bat­ti­bec­co, con Pal­la­di­ni sia­mo ami­ci e gli ho so­lo det­to che non sem­bra­va il ca­so di pro­te­sta­re co­sì ani­ma­ta­men­te. Pen­sia­mo su­bi­to al Te­ra­mo, con il gran­de di­spia­ce­re per l'in­for­tu­nio al pe­ro­ne di Fa­bia­no pro­prio quan­do sta­va per rien­tra­re. Ma tor­ne­rà più for­te di pri­ma». (m.del.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.