«Po­te­va­mo vin­ce­re 6 a 2 Ri­di­co­lo at­tac­ca­re l’arbitro»

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia Sport -

Un Joe Ta­co­pi­na co­sì scu­ro in vol­to non si era mai vi­sto, e la pri­ma vol­ta è ar­ri­va­ta nel mat­ch che è coin­ci­so con il suo pri­mo com­plean­no da pa­tron del Venezia. A far­lo sbot­ta­re non il ro­cam­bo­le­sco 2-2, ben­sì le ac­cu­se (ri­fe­ri­te­gli) mos­se «ur­bi et or­bi» dal pre­si­den­te del­la Sam­be­ne­det­te­se. «È sem­pli­ce­men­te ri­di­co­lo po­le­miz­za­re su­gli arbitri, ma so­prat­tut­to è inu­ti­le - la re­pli­ca a mu­so di Ta­co­pi­na al «col­le­ga» (nem­me­no in­cro­cia­to in sa­la stam­pa) Fran­co Fe­de­li per­ché tut­ti al­tri­men­ti do­po ogni par­ti­ta pos­sia­mo at­tac­car­ci agli epi­so­di, che in­ve­ce fan­no sem­pli­ce­men­te par­te del cal­cio e co­me ta­li van­no ac­cet­ta­ti pun­to e ba­sta. I due ri­go­ri? È la pri­ma vol­ta dall'ini­zio del cam­pio­na­to che ce ne è sta­to fi­schia­to uno a fa­vo­re. La ve­ri­tà è che avrem­mo po­tu­to vin­ce­re 6-2». Il nu­me­ro uno aran­cio­ne­ro­ver­de non pren­de gran­ché be­ne nem­me­no le os­ser­va­zio­ni dei cro­ni­sti mar­chi­gia­ni sul­la man­ca­ta su­pe­rio­ri­tà di un Venezia «di clas­se» ri­spet­to a una Samb «tut­ta ago­ni­smo». «Que­sta è sta­ta so­lo una par­ti­ta, se la ri­gio­chia­mo por­tia­mo a ca­sa i tre pun­ti no­ve vol­te su die­ci e sen­za di­scus­sio­ni - la sua si­cu­rez­za -. Lo di­co an­che se il pri­mo tem­po non ab­bia­mo fat­to be­ne e non so per­ché. C'è sta­to bi­so­gno di an­da­re sot­to di due gol per ve­de­re un gran­de Venezia ne­gli ul­ti­mi 20': quel­la è la squa­dra che vor­rei ve­de­re sem­pre e che po­treb­be con­sen­tir­ci di fa­re be­ne, fermo re­stan­do che pro­prio per gli epi­so­di non è pos­si­bi­le vin­ce­re sem­pre». Di si­cu­ro gli aran­cio­ne­ro­ver­di de­vo­no rin­gra­zia­re un Fac­chin pro­ta­go­ni­sta di va­rie pa­ra­te de­ter­mi­nan­ti. «Ve­ro, pe­rò io ri­ba­di­sco che il Venezia de­gli ul­ti­mi 20'ha mo­stra­to tut­te quan­te le sue po­ten­zia­li­tà. Mi di­spia­ce non aver vi­sto pri­ma la stes­sa squa­dra, an­da­re sot­to di due gol può co­sta­re ca­ris­si­mo, in­ve­ce rad­driz­zar­la con quel­la for­za mi la­scia sen­sa­zio­ni estre­ma­men­te po­si­ti­ve». Sta­vol­ta a se­gna­re so­no sta­ti due cen­tro­cam­pi­sti, Pe­der­zo­li e Ben­ti­vo­glio, men­tre gli at­tac­can­ti con­ti­nua­no a non tro­va­re la via del gol. «Non so­no pre­oc­cu­pa­to, ab­bia­mo per­so a Por­de­no­ne e pa­reg­gia­to con la Sam­be­ne­det­te­se ma sia­mo sem­pre vi­ci­no al­la vet­ta. È an­co­ra pre­stis­si­mo, cer­to vor­rei sem­pre i tre pun­ti, pe­rò con­ti­nuia­mo a mo­stra­re un ot­ti­mo cal­cio».

Mar­co De Laz­za­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.