Re­fe­ren­dum, ul­ti­ma ris­sa la si­ni­stra Pd: vo­tia­mo no

Strap­po nei de­mo­cra­ti­ci, Ber­sa­ni e D’ale­ma gui­da­no il fron­te dei con­tra­ri Ren­zi: nel par­ti­to mi at­tac­ca­no da tre an­ni, se per­de il sì l’ita­lia re­sta fer­ma

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Clau­dio Ma­rin­co­la

Go­tor: la col­pa è so­lo del pre­mier, dei suoi strap­pi uno do­po l’al­tro

La cre­pa che sca­va un sol­co tra ren­zia­ni e mi­no­ran­za dem è ir­ri­du­ci­bi­le. Se­pa­ra due iden­ti­tà or­mai di­stin­te che re­ste­ran­no ta­li an­che do­po la pro­ba­bi­le aper­tu­ra sul­la leg­ge elet­to­ra­le che ver­rà espli­ci­ta­ta dal pre­mier nel­la di­re­zio­ne na­zio­na­le di og­gi po­me­rig­gio. Il co­pio­ne è già scrit­to: un ma­tri­mo­nio che si sta sfa­ri­nan­do e che nes­su­na te­ra­pia di cop­pia po­trà sal­va­re. Ber­sa­ni e Spe­ran­za han­no fat­to sal­ta­re il ta­vo­lo con un ti­mer ad oro­lo­ge­ria. Un se­con­do pri­ma che Ren­zi mo­stras­se le car­te. L’ex se­gre­ta­rio pri­ma an­co­ra di uf­fi­cia­liz­za­re il suo dis­sen­so sul re­fe­ren­dum ave­va mes­so in cam­po i De­mo­cra­ti­ci per il No af­fi­dan­do­si al suo ex por­ta­vo­ce Di Tra­glia.

«Ber­sa­ni? In to­ta­le ci so­no sta­te 6 let­tu­re, al­la Ca­me­ra ha vo­ta­to sì tre vol­te a que­sta ri­for­ma, se cam­bia opi­nio­ne al re­fe­ren­dum ognu­no si fa­rà la pro­pria idea del per­ché - ha riav­vol­to il na­stro Ren­zi, ospi­te ie­ri a L’are­na di Gi­let­ti, su Rai1 - Que­sta ri­for­ma è sta­ta un me­se nel­le uni­ver­si­tà, poi in Cdm e in Par­la­men­to, non l’ho scrit­ta da so­lo al pc, a Ri­gna­no sull’ar­no». E an­co­ra: «A me in­te­res­sa che i cit­ta­di­ni sap­pia­no, non si vo­ta sul­la no­stra fac­cia, la mia e di Ber­sa­ni, ma su una co­sa su cui poi non si ri­vo­ta più, non pas­sa più».

Per ras­si­cu­ra­re i mer­ca­ti Ren­zi pro­va a ri­di­men­sio­na­re l’im­por­tan­za del vo­to per ras­si­cu­ra­re i mer­ca­ti e al­lon­ta­na­re i gu­fi eu­ro­pei: «Se vin­ce il No non cam­bia nul­la, non ar­ri­ve­rà la pe­ste». Il pre­si­den­te del Con­si­glio si sen­te sot­to at­tac­co («da tre an­ni e mez­zo mi dan­no con­tro, è il lo­ro uni­co obiet­ti­vo») ma con­ti­nua a non usa­re pa­ro­le che pos­sa­no ri­sul­ta­re de­fi­ni­ti­ve. For­mal­men­te sul­la Co­sti­tu­zio­ne non è sta­ta im­po­sta al­cu­na di­sci­pli­na di par­ti­to. Ma le in­di­ca­zio­ni di vo­to con­tra­rie e di­stin­te san­ci­sco­no una se­pa­ra­zio­ne di fat­to. E già vo­la­no i pri­mi strac­ci. Il mi­ni­stro del­la Cul­tu­ra Da­rio Fran­ce­schi­ni la­scia in­ten­de­re che Ber­sa­ni è sta­to «mos­so da al­tro». Che il te­ma ve­ro «nel Pd e fuo­ri dal Pd» è usa­re il re­fe­ren­dum «per con­tra­sta­re Ren­zi». «Per­ché fa­re una bat­ta­glia su una ri­for­ma im­por­tan­te per il fu­tu­ro del Pae­se? - si chie­de Fran­ce­schi­ni - Ci so­no le pri­ma­rie e il con­gres­so del pd per sfi­dar­lo». A fa­ri ac­ce­si, il mi­ni­stro in­vo­ca un

ri­pen­sa­men­to. A fa­re spen­ti chis­sà se lo pen­sa e lo spe­ra dav­ve­ro per­ché in cer­ti ca­si la se­pa­ra­zio­ne è il ma­le mi­no­re. E que­sto or­mai lo pen­sa­no in tan­ti. Tan­to più che la cam­pa­gna re­fe­ren­da­ria com­por­te­rà al­tro spar­gi­men­to di san­gue. Sia­mo so­lo agli ini­zi. La spac­ca­tu­ra può di­ven­ta­re in­col­ma­bi­le. Col­pa di chi, è la te­si dei ren­zia­ni, vuo­le tra­sfor­ma­re il vo­to del 4 di­cem­bre in un Ar­mag­ge­don. Un giu­di­zio fi­na­le sul pre­mier. Che poi vor­reb­be di­re an­ti­ci­pa­re il con­gres­so che si svol­ge­rà nel 2017, far­lo du­ra­re due me­si con il ri­schio di lo­go­rar­si tut­ti.

In que­sto cli­ma c’è da scommettere che il fio­ret­to ver­rà mes­so da par­te per usa­re la cla­va. Il sot­to­se­gre­ta­rio al­la pre­si­den­za del Con­si­glio, Lu­ca Lot­ti, già pro­ta­go­ni­sta nei gior­ni scor­si di uno scon­tro al ca­lor bian­co con d’ale­ma è tor­na­to al­la ca­ri­ca. Pri­ma con­si­glian­do all’ex sin­da­co di Ro­ma Igna­zio Ma­ri­no di «chiu­der­si in ca­sa e non usci­re più». Poi ri­cor­dan­do che sia D’ale­ma che Ber­sa­ni vo­le­va­no la fi­ne del bi­ca­me­ra­li­smo per­fet­to ed il Se­na­to del­le au­to­no­mie, «chis­sà per­ché ora han­no cam­bia­to idea...». E il pre­si­den­te Mat­teo Or­fi­ni ri­cor­da i tem­pi in cui «mol­ti di­ri­gen­ti del Pd ti in­se­gna­va­no che l’er­ro­re da non fa­re è sca­ri­ca­re le pro­prie di­vi­sio­ni sul­le isti­tu­zio­ni». Si an­drà avan­ti a col­pi di ba­zoo­ka. La Di­re­zio­ne di og­gi po­treb­be ri­ser­va­re al­tri col­pi di sce­na. . La mi­no­ran­za non sem­bra di­spo­ni­bi­le a me­dia­re su even­tua­li aper­tu­re per una mo­di­fi­ca la­st mi­nu­te dell’ita­li­cum. «Il tem­po è sca­du­to». La pro­po­sta di de­si­gna­re vi­ce­se­gre­ta­ri e ca­pi­grup­po chia­ma­ti a fa­re da esplo­ra­to­ri per son­da­re le pro­po­ste de­gli al­tri par­ti­ti è ar­ri­va­ta fuo­ri tem­po mas­si­mo. «La col­pa del­la rot­tu­ra - in­si­ste il se­na­to­re Mi­guel Go­tor - è so­lo di Ren­zi, è il prin­ci­pa­le com­pi­to del se­gre­ta­rio di­sat­te­so co­stan­te­men­te con uno strap­po do­po l’al­tro».

FER­RI COR­TI

Mat­teo Ren­zi va al­la guer­ra: or­mai la rot­tu­ra è in­sa­na­bi­le, si va al­la scis­sio­ne, vo­glio­no far­mi fuo­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.