Dai mes­si­ca­ni al ses­si­smo a lu­ci ros­se una lun­ga ca­te­na di gaf­fe del ty­coon

Ai ma­la­ti ter­mi­na­li: «An­da­te a vo­ta­re, non im­por­ta se poi non ci sa­re­te più»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

NEW YORK – (A.gua.) So­no tan­te che non è pos­si­bil­le elen­car­le tut­te. E al­cu­ne han­no ri­schia­to di pas­sa­re inos­ser­va­te. Ad esem­pio una del­le più atro­ci gaf­fe di Trump l’ha col­ta al vo­lo la Bbc, e nes­su­no ci avreb­be fat­to ca­so, da­to il gran­de can can del­le re­gi­stra­zio­ni sessiste a lu­ci ros­se: in un co­mi­zio nel Ne­va­da, la set­ti­ma­na scor­sa, Trump ha esor­ta­to an­che «i ma­la­ti ter­mi­na­li» ad an­da­re a vo­ta­re: «Non im­por­ta se do­po due set­ti­ma­ne non ci sa­re­te... An­da­te a vo­ta­re e poi noi vi di­re­mo che vi vo­glia­mo be­ne e vi ri­cor­de­re­mo per sem­pre». La man­can­za di sen­si­bi­li­tà di que­ste pa­ro­le non do­vreb­be più stu­pi­re. Trump ne ha snoc­cio­la­te sin da quan­do nel giu­gno 2015 è sce­so sul­la sca­la mo­bi­le del­la Trump To­wer per lan­cia­re la sua cam­pa­gna con il pri­mo di­scor­so raz­zi­sta e of­fen­si­vo in cui so­ste­ne­va che tut­ti gli im­mi­gra­ti mes­si­ca­ni «por­ta­no dro­ghe, por­ta­no cri­mi­ne, so­no stu­pra­to­ri». Da al­lo­ra è sta­to un con­ti­nuo, tan­to che la stam­pa Usa ha fat­to fa­ti­ca a star­gli die­tro. Ma Trump ne ha qua­si trat­to for­za con il suo pub­bli­co che le ve­de­va co­me pro­va di una sua spon­ta­nei­tà. Ci so­no le gaf­fe “per­so­na­li”, at­tac­chi di­ret­ti ai pro­pri ne­mi­ci, ci so­no sta­te mi­nac­ce e bu­fa­le di po­li­ti­ca, mil­lan­te­rie e aper­te di­chia­ra­zio­ni di raz­zi­smo e ses­si­smo. Gli at­tac­chi so­no co­min­cia­ti su­bi­to, con una raf­fi­ca con­tro il se­na­to­re re­pub­bli­ca­no John Mccain, un eroe di guer­ra che ri­ma­se pri­gio­nie­ro dei viet­cong, tor­tu­ra­to in mo­do sfi­gu­ran­te, «non è un eroe – spa­rò Trump - A me piac­cio­no quel­li che non si fan­no cat­tu­ra­re». Su­bi­to do­po ha cri­ti­ca­to la gior­na­li­sta Me­gyn Kel­ly che era sta­ta in­si­sten­te nel­le do­man­de, so­ste­nen­do che ave­va le me­strua­zio­ni e «si po­te­va ve­de­re il san­gue che le usci­va da­gli oc­chi». Mol­ti i giu­di­zi of­fen­si­vi sull’aspet­to fi­si­co dei ri­va­li, co­me Car­ly Fio­ri­na: «Guar­da­te quel­la fac­cia! Ma chi la vo­ta!». O i com­men­ti

LA SO­LU­ZIO­NE FI­NA­LE Per la sfi­dan­te sug­ge­rì

an­che l’uso del­le ar­mi

ol­trag­gio­si con­tro chi è in di­sac­cor­do con lui: pe­no­so l’at­tac­co con­tro un gior­na­li­sta di­sa­bi­le del New York Ti­mes, di cui ha fat­to l’imi­ta­zio­ne in un co­mi­zio, co­me fos­se uno spa­sti­co im­be­cil­le. O l’at­tac­co ve­le­no­so e raz­zi­sta con­tro i ge­ni­to­ri di un sol­da­to mu­sul­ma­no ca­du­to in Iraq, che lo ave­va­no cri­ti­ca­to.

Ma con­tro Hil­la­ry la peg­gio­re è sta­ta quan­do ha sug­ge­ri­to una pos­si­bi­le so­lu­zio­ne vio­len­ta con­tro di lei, sug­ge­ren­do che for­se «la gen­te del Se­con­do Emen­da­men­to» ave­va una so­lu­zio­ne per fer­mar­la. La «gen­te del se­con­do emen­da­men­to» so­no le per­so­ne ar­ma­te. At­tac­chi di mar­chio raz­zi­sta le ha fat­te con­tro un giu­di­ce che sta in­da­gan­do sul­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.