Car­lot­to, un se­rial kil­ler nel­la Ve­ne­zia sven­du­ta

Il duel­lo tra "il Tu­ri­sta" e un ex com­mis­sa­rio in un noir pie­no di col­pi sce­na sem­pre sul fi­lo dell’in­ve­ro­si­mi­glian­za

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura &spettacoli - DI SER­GIO FRI­GO An­na Ren­da

L'ul­ti­mo li­bro di Mas­si­mo Car­lot­to è co­me un bo­li­de lan­cia­to lun­go una di­sce­sa pie­na di cur­ve, che a ogni svol­ta ac­ce­le­ra, sfio­ran­do pe­ri­co­lo­sa­men­te il vuo­to. A un cer­to pun­to un enor­me mas­so in­ter­rom­pe la stra­da, man­ca so­lo lo schian­to... ma all'ul­ti­mo istan­te il gui­da­to­re ster­za in de­ra­pa­ta, im­boc­ca a tut­ta velocità con uno stri­do­re di la­mie­re una gal­le­ria nel­la roc­cia a la­to del­la stra­da, di cui lui so­lo co­no­sce­va l'esi­sten­za, e scom­pa­re nel buio. Il pro­ta­go­ni­sta de “Il tu­ri­sta” è un se­rial kil­ler im­pren­di­bi­le per­ché pie­na­men­te con­sa­pe­vo­le del­la sua pa­to­lo­gia, in gra­do di ge­stir­la per evitare la ga­le­ra, ma per nien­te in­ten­zio­na­to a gua­rir­ne: gli dà trop­po pia­ce­re sof­fo­ca­re le sue vit­ti­me, ne­ces­sa­ria­men­te pia­cen­ti e do­ta­te di bor­set­te di gran mar­ca, di cui si im­pa­dro­ni­sce do­po ogni omi­ci­dio per per­qui­sir­le a fon­do, im­pos­ses­san­do­si, ol­tre che del­la vi­ta del­le don­ne uc­ci­se, an­che dei lo­ro dei lo­ro se­gre­ti, e in un cer­to sen­so del­le lo­ro ani­me. Abel Car­ta­ge­na, co­sì ci chia­ma nel­la vi­ta rea­le, mu­si­co­lo­go te­de­sco con mo­glie e aman­te e di­scre­to gruz­zo­lo la­scia­to­gli in ere­di­tà da una ma­dre... com­pren­si­va, de­ve il suo no­mi­gno­lo al fat­to di agi­re in cit­tà sem­pre di­ver­se: a Ve­ne­zia pe­rò do­vrà fa­re suo mal­gra­do un'ec­ce­zio­ne, per­ché do­po aver uc­ci­so ca­sual­men­te una po­li­ziot­ta in in­co­gni­to fi­ni­rà coin­vol­to in una guer­ra di spie, di­ven­tan­do vit­ti­ma a sua vol­ta di una re­te di brutali agen­ti de­via­ti al ser­vi­zio del cri­mi­ne, che lo use­ran­no co­me ar­ma le­ta­le con­tro i lo­ro ne­mi­ci, de­gli 007 in­ter­na­zio­na­li non me­no vio­len­ti e spre­giu­di­ca­ti. L'av­ver­sa­rio ve­ro del Tu­ri­sta è pe­rò Pie­tro Sam­bo, un ex com­mis­sa­rio espul­so dal­la po­li­zia per aver in­ta­sca­to una tan­gen­te, ma “ri­pe­sca­to” dai ser­vi­zi per le sue do­ti di abi­le se­gu­gio e per­fet­to co­no­sci­to­re del­la cit­tà: Sam­bo è un uo­mo so­stan­zial­men­te ret­to, co­stret­to da­gli even­ti e dai mec­ca­ni­smi per­ver­si del po­te­re ad agi­re fuo­ri dal­la leg­ge, dal­la sua stes­sa mo­ra­le e per­si­no dal sen­so di uma­ni­tà. A lui spet­te­rà l'in­gra­to ono­re di con­ti­nua­re la cac­cia al se­rial kil­ler an­che ol­tre i con­fi­ni di que­ste pa­gi­ne. Ma c'è un'al­tra pro­ta­go­ni­sta di que­sto th­ril­ler, af­fol­la­to di don­ne bel­le e ter­ri­bi­li e ani­ma­to da con­ti­nui col­pi di sce­na che l'au­to­re, co­me il pi­lo­ta ci­ta­to all'ini­zio, do­mi­na al­la per­fe­zio­ne pur sfio­ran­do con­ti­nua­men­te il ba­ra­tro (quan­to­me­no dell'in­ve­ro­si­mi­le): si trat­ta di Ve­ne­zia, lo­ca­tion in­di­spen­sa­bi­le co­me nei ro­man­zi di Al­ber­to On­ga­ro, e co­me in quel­li ol­trag­gia­ta dall'as­se­dio dei tu­ri­sti (quel ti­to­lo non dev'es­se­re un ca­so...) e dall'avi­di­tà di trop­pi abi­tan­ti (non so­lo ve­ne­zia­ni, co­me ve­dre­mo), che per sol­di, tan­ti e ri­go­ro­sa­men­te in ne­ro, ne sven­do­no l'ani­ma. Per­ché al fon­do di ogni li­bro di Car­lot­to, c'è la con­sa­pe­vo­lez­za che il noir è per ec­cel­len­za un li­bro di de­nun­cia so­cia­le.

LA FRA­SE «Ve­ne­zia non è fat­ta per di­ven­ta­re ter­re­no di scon­tro tra ban­de. L'ab­bia­mo sem­pre di­fe­sa per im­pe­di­re che brut­ta gen­te ci met­tes­se ra­di­ci»

Il tu­ri­sta Mas­si­mo Car­lot­to Riz­zo­li 18 eu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.