«Una Ve­ne­zia per tut­ti? Parliamone»

In que­sta cit­tà la "per­ce­zio­ne" dei pro­ble­mi di mo­bi­li­tà emer­ge pri­ma

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano -

«Se in Ita­lia sia­mo an­co­ra trop­po in­die­tro è in pri­mis per un di­fet­to di edu­ca­zio­ne e cul­tu­ra che si tar­da a col­ma­re». Pre­met­te di non vo­ler­si er­ge­re a giu­di­ce, ma che la sua è la vo­ce di un cit­ta­di­no che dal 2001 ha cam­bia­to pro­spet­ti­va. D'al­tra par­te quan­do si par­la di ac­ces­si­bi­li­tà quel­la di Alex Za­nar­di, fre­sco re­du­ce dai trion­fi (due ori e un ar­gen­to) ai Gio­chi Pa­ra­lim­pi­ci di Rio de Ja­nei­ro, non è mai una vo­ce qual­sia­si.

«Da do­ve co­min­cia­mo? In­nan­zi­tut­to da un di­stin­guo, per­ché il «co­sa si può fa­re e co­me ven­go­no spe­se o spre­ca­te le ri­sor­se che ci so­no» è al­tra co­sa dal­la «per­ce­zio­ne» del pro­ble­ma. Di so­li­to una per­so­na ini­zia a ra­gio­na­re sull'ac­ces­si­bi­li­tà quan­do ne è sfio­ra­ta, ad esem­pio per l'in­vec­chia­men­to pro­prio o di chi si ha ac­can­to, una don­na quan­do è in­cin­ta o gi­ra con il pas­seg­gi­no, op­pu­re per la­vo­ro».

Nor­ma­li aspet­ti quo­ti­dia­ni, pro­ble­mi che a Ve­ne­zia - vi­sta la spe­ci­fi­ci­tà del­la cit­tà - emer­go­no pri­ma o in mo­do più mar­ca­to.

«Da an­ni il mio no­me è le­ga­to a Ve­ni­ce­ma­ra­thon e a mol­ti even­ti che so­no un'op­por­tu­ni­tà per pun­ta­re l'at­ten­zio­ne su un te­ma di cui, evi­den­te­men­te, non si par­la an­co­ra ab­ba­stan­za. Un ca­pi­to­lo a par­te me­ri­ta­no gli am­mi­ni­stra­to­ri pub­bli­ci del no­stro pae­se e del­le no­stre cit­tà, poi­ché la lo­ro vo­ca­zio­ne do­vreb­be es­se­re so­lo di ge­sti­re e mi­glio­ra­re il be­ne co­mu­ne».

Un ner­vo sco­per­to cui Za­nar­di fa se­gui­re esem­pi con­cre­ti.

«Pos­so ca­pi­re che sia com­pli­ca­to ade­gua­re ai di­ver­sa­men­te abi­li pa­laz­zi sto­ri­ci, con "tam­po­ni" spes­so dal for­te im­pat­to an­che vi­si­vo. Al con­tra­rio è in­con­ce­pi­bi­le che ar­chi­tet­ti nel 2016 non ab­bia­no, e sia con­sen­ti­to lo­ro di non ave­re, la con­sa­pe­vo­lez­za di do­ver pre­di­spor­re edi­fi­ci nuo­vi già ac­ces­si­bi­li a chiun­que. Un'as­sur­di­tà do­vu­ta all'igno­ran­za, chi è sta­to pre­mia­to con i vo­ti dai cit­ta­di­ni ha il do­ve­re di ri­flet­te­re e far­si una com­pe­ten­za in ma­te­ria».

Da una re­cen­te in­da­gi­ne dell'an­mil (as­so­cia­zio­ne na­zio­na­le la­vo­ra­to­ri mu­ti­la­ti e in­va­li­di la­vo­ro) Ve­ne­zia è al 95. po­sto su 106 pro­vin­ce ita­lia­ne quan­to a frui­bi­li­tà. In­tan­to il Co­mu­ne ha an­nun­cia­to di vo­ler mi­glio­ra­re le pas­se­rel­le sui pon­ti che Za­nar­di ben co­no­sce aven­do­le «sca­val­la­te» nel­la Ve­ni­ce­ma­ra­thon con la sua hand­bi­ke.

«Ve­ne­zia è un be­ne mon­dia­le e, cer­ta­men­te con la mi­glior in­te­gra­zio­ne ar­chi­tet­to­ni­ca pos­si­bi­le, dev'es­se­re go­di­bi­le da tut­ti. Nel mio pic­co­lo sto per ti­ra­re fuo­ri dal cas­set­to un pro­get­to-hand­bi­ke per ren­der­le eco­no­mi­ca­men­te al­la por­ta­ta di tut­ti per fa­vo­ri­re la pra­ti­ca spor­ti­va. E pen­so di met­ter­le a di­spo­si­zio­ne an­che di nor­mo­do­ta­ti che co­sì po­tran­no pe­da­la­re, con le brac­cia an­zi­ché con le gam­be, da una pro­spet­ti­va ine­di­ta e sti­mo­lan­te».

Do­me­ni­ca 23, gior­no del­la 31. Ve­ni­ce­ma­ra­thon, Alex Za­nar­di (che dal 14 al 16 ot­to­bre sa­rà al vo­lan­te del­la sua Bmw M6 Gt3 al Mu­gel­lo nel cam­pio­na­to Gran­tu­ri­smo) sa­rà as­sen­te giu­sti­fi­ca­to da­to il suo 50. com­plean­no. L'ul­ti­mo pen­sie­ro è per la ri­nun­cia del Co­mu­ne di Ro­ma a can­di­da­re la «cit­tà eter­na» al­le Olim­pia­di del 2024.

«Il no­stro pae­se ha qual­che pe­so sul­la co­scien­za, tut­ta­via aver ri­nun­cia­to per pau­ra che qual­co­sa po­tes­se an­da­re stor­to, in­ve­ce di lot­ta­re nei pros­si­mi 8 an­ni per non ri­pe­te­re i vec­chi er­ro­ri, è un pes­si­mo mes­sag­gio ver­so i no­stri gio­va­ni. So­prat­tut­to per­ché la mag­gior par­te de­gli ita­lia­ni è gen­te one­sta e que­sto è il va­lo­re da cui ri­par­ti­re per cre­sce­re cul­tu­ral­men­te».

Mar­co De Laz­za­ri

SIM­BO­LO Alex Za­nar­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.