La Clo­dien­se sof­fre il mal di ri­go­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Calcio - Mar­co Lan­za

La Clo­dien­se Chiog­gia­sot­to­ma­ri­na è tor­na­ta sa­ba­to da Ce­rea, do­po l'an­ti­ci­po di cam­pio­na­to, con una pe­san­te scon­fit­ta da di­ge­ri­re: do­po le tre vit­to­rie con­se­cu­ti­ve ini­zia­li so­no ar­ri­va­te due scon­fit­te si­cu­ra­men­te im­pre­vi­ste an­che se, al­me­no nel­la par­ti­ta di due gior­ni fa, si è trat­ta­to di uno scon­tro al ver­ti­ce tra pre­ten­den­ti al­la se­rie D. Ciò che mag­gior­men­te sta pre­oc­cu­pan­do il tec­ni­co Mas­si­mi­lia­no De Moz­zi è col­le­ga­to ai con­ti­nui er­ro­ri dal di­schet­to, an­che con­tro i ve­ro­ne­si ne è sta­to sba­glia­to uno; do­po il van­tag­gio dei pa­dro­ni di ca­sa pro­prio da­gli 11 me­tri, è toc­ca­to a Ma­la­gò far­si re­spin­ge­re il ti­ro dal por­tie­re Ber­to: «Mi aspet­to che da un mo­men­to all'al­tro qual­cu­no mi ven­ga a ri­fe­ri­re che so­no su "Scher­zi a par­te" per­chè è im­pos­si­bi­le - di­ce ama­reg­gia­to il tec­ni­co - ave­re sba­glia­to, Cop­pa com­pre­sa, 5 ri­go­ri su 6: ades­so dob­bia­mo es­se­re bra­vi ad usci­re da que­sta si­tua­zio­ne. I lo­ro at­tac­can­ti han­no com­mes­so mol­ti fal­li in­ten­zio­na­li nei qua­li i no­stri di­fen­so­ri po­te­va­no far­si ma­le, ci sta­va­no al­me­no due espul­sio­ni ol­tre che un al­tro ri­go­re per noi».

In me­ri­to al ri­go­re cal­cia­to il tec­ni­co ave­va la­scia­to il com­pi­to ai gio­ca­to­ri di de­ci­de­re chi avreb­be ti­ra­to, Va­lo­ri non ha pre­so l'ini­zia­ti­va di ri­pro­por­si e co­sì in set­ti­ma­na i ve­te­ra­ni Pra­do­lin, Mo­ret­to e Ma­la­gò ave­va­no già de­ci­so che il de­si­gna­to sa­reb­be sta­to que­st'ul­ti­mo, con Pra­do­lin vi­ce: «So che in me­ri­to ai ri­go­ri sba­glia­ti il mi­ster è mol­to con­tra­ria­to, in me­ri­to ai 90' in­ve­ce ci ha fat­to i com­pli­men­ti di­ce ca­pi­tan Ma­la­gò - per­chè ab­bia­mo in­ter­pre­ta­to be­ne le sue ri­chie­ste». Co­me van­no spie­ga­ti i due stop? «Dob­bia­mo mi­glio­ra­re in mol­ti aspet­ti, è pro­ba­bi­le che ora si sia per­sa an­che un po’ di fi­du­cia: sia­mo più dub­bio­si, per­de­re a Ce­rea co­mun­que ci sta; il cam­pio­na­to è lun­go. Stia­mo già pen­san­do al­la par­ti­ta di Cop­pa Ve­ne­to con­tro il Saonara Vil­la­to­ra e suc­ces­si­va­men­te la sfi­da al Cal­die­ro: so­lo vin­cen­do pos­sia­mo ri­tro­va­re l'en­tu­sia­smo». Per ri­tro­va­re le im­por­tan­ti vit­to­rie è pro­ba­bi­le che ci vo­glia tut­to l'or­ga­ni­co a di­spo­si­zio­ne, a Ce­rea si è fat­ta sen­ti­re l'as­sen­za di Ri­vi mol­to fun­zio­na­le al gio­co che mi­ster De Moz­zi ha già ben tra­smes­so ai suoi gio­ca­to­ri. Il den­tro-fuo­ri di Cop­pa è die­tro l'an­go­lo.

PRE­OC­CU­PA­TO Mas­si­mi­lia­no De Moz­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.