Reyer, vec­chi vi­zi e nuo­ve vir­tù

Agli oro­gra­na­ta ser­vo­no tren­ta mi­nu­ti per pie­ga­re l’in­ce­rot­ta­ta Ca­po d’or­lan­do La man­can­za del gio­co in­ter­no si fa sen­ti­re an­che que­st’an­no: Ha­gins "im­pal­pa­bi­le"

Il Gazzetino (Venezia) - - Altri - Ste­fa­no Ba­ba­to © riproduzione riservata

C’è sta­ta par­ti­ta fin­chè Ca­po d’or­lan­do ha te­nu­to fi­si­ca­men­te con la Reyer che è ri­ca­du­ta, gio­co­for­za, nei suoi vec­chi vi­zi: nien­te gio­co in­ter­no e tut­to o qua­si af­fi­da­to al ti­ro da fuo­ri. Per ve­de­re un po’ di tran­si­zio­ne e di rit­mo c’è vo­lu­to il com­pren­si­bi­le e am­pia­men­te pre­ven­ti­va­bi­le ca­lo de­gli av­ver­sa­ri che al­la lun­ga han­no pa­ga­to le as­sen­ze (Die­ner, Ni­ce­vic e Fi­ti­pal­do) e un ro­ster me­dia­men­te me­dio­cre, spe­cie per quan­to ri­guar­da il re­par­to lun­ghi.

Ed è per que­sto mo­ti­vo che ci si aspet­ta­va da Ha­gins un se­gna­le di "vi­ta" vi­ci­no al fer­ro con­si­de­ran­do che ie­ri al Ta­lier­cio do­ve­va ve­der­se­la, sot­to ca­ne­stro, con An­to­nio Ian­nuz­zi (que­sto pas­sa il con­ven­to di Ca­po d’or­lan­do), che non è pro­pria­men­te Dwight Ho­ward. In­ve­ce nien­te. Nei 20 mi­nu­ti in cui De Raf­fae­le l’ha schie­ra­to in cam­po, il nuo­vo lun­go del­la Reyer è sta­to coin­vol­to po­chis­si­mo nei gio­chi in at­tac­co, mo­stran­do gran­di li­mi­ti (ma non è col­pa sua se è "al­to" po­co più di 2 me­tri e pe­sa 30 chi­li ba­gna­to) in post bas­so e an­che nel li­be­rar­si per i gio­chi in pick’n roll. E nem­me­no in di­fe­sa ha in­can­ta­to. In com­pen­so Ha­gins è riu­sci­to a si­gla­re un re­cord dif­fi­cil­men­te bat­ti­bi­le cre­dia­mo: in 20 mi­nu­ti il lun­go ti­to­la­re del­la Reyer non ha cat­tu­ra­to nem­me­no un rim­bal­zo. An­che im­pe­gnan­do­si, per tut­ti gli al­tri lun­ghi che gio­ca­no nel cam­pio­na­to ita­lia­no sa­rà dif­fi­ci­le egua­gliar­lo. E non si trat­ta di por­ta­re pa­zien­za per­chè sia­mo so­lo al­la se­con­da gior­na­ta di cam­pio­na­to. Quel­lo è ov­vio, co­me è ov­vio che si può sem­pre mi­glio­ra­re e quan­do ac­ca­drà sa­re­mo i pri­mi a ri­co­no­scer­lo. Ma si trat­ta piut­to­sto di va­lu­ta­re che for­se, e ri­pe­tia­mo for­se, sot­to ca­ne­stro al­la Reyer ser­vi­va sì un gio­ca­to­re esplo­si­vo ma con un bel po’ di mu­sco­li in più e ma­ga­ri an­che con qual­che cen­ti­me­tro in più (ti­po La­wal) che fa tut­ta la dif­fe­ren­za del mon­do a li­vel­lo di equi­li­bri. An­che per­chè, se que­sto è il trend, si ri­schia di ri­tro­var­si a me­tà cam­pio­na­to con Ejim e Ort­ner spre­mu­ti co­me li­mo­ni (aiu­ti si­ste­ma­ti­ci). In­som­ma, se Ha­gins è que­sto, per De Raf­fae­le far qua­dra­re i con­ti non sa­rà fa­ci­lis­si­mo, spe­cie con le squa­dre più at­trez­za­te nel "pit­tu­ra­to".

Che Reyer-ca­po d’or­lan­do sa­reb­be sta­ta una brut­ta par­ti­ta lo si po­te­va an­che im­ma­gi­na­re: non a ca­so coa­ch Di Car­lo l’ave­va pre­det­to al­la vi­gi­lia. Ci so­no vo­lu­ti in­fat­ti qua­si 30 mi­nu­ti per­chè la Reyer cam­bias­se fi­nal­men­te fac­cia con Ca­po d’or­lan­do che fi­no a quel mo­men­to era ri­ma­sta in par­ti­ta gra­zie ad Ar­chie, a Perl e ad una di­fe­sa mol­to di­spen­dio­sa. A spac­ca­re la par­ti­ta in due è sta­to Ejim con due bom­be con­se­cu­ti­ve e una schiac­cia­ta che ha por­ta­to gli oro­gra­na­ta sul 62 a 49 in un quar­to se­gna­to an­che da un ot­ti­mo Mc­gee, mol­to bra­vo a crea­re le giu­ste spa­zia­tu­re per i com­pa­gni, e dal­la par­zia­le ma im­por­tan­te ri­na­sci­ta di Pe­ric che ha rias­sa­po­ra­to il gu­sto di cer­ti mo­vi­men­ti e so­lu­zio­ni, sia in post al­to che in an­go­lo. E per la Reyer que­sto, in pro­spet­ti­va, è mol­to im­por­tan­te.

Gli oro­gra­na­ta nell’ul­ti­mo quar­to han­no au­men­ta­to ul­te­rior­men­te la pres­sio­ne di­fen­si­va (so­prat­tut­to su­gli ester­ni), spor­can­do più pal­lo­ni tra­sfor­ma­ti spes­so in con­tro­pie­di se­con­da­ri fi­na­liz­za­ti più da­gli ester­ni (i ti­ri da 3 di Hay­nes e Mc Gee) che dai lun­ghi (73 a 51

al 35’).

Nel gar­ba­ge ti­me fi­na­le la Reyer ha con­ces­so qual­co­sa agli av­ver­sa­ri por­tan­do a ca­sa co­mo­da­men­te il mat­ch.

Mol­to so­li­da an­che la par­ti­ta di Bra­mos in at­tac­co (stu­pen­da la mec­ca­ni­ca al ti­ro all’usci­ta dai bloc­chi) e an­che in di­fe­sa co­me è pia­ciu­to an­co­ra una vol­ta To­nut, fat­ta ec­ce­zio­ne per un pa­io di scel­te di­scu­ti­bi­li in at­tac­co pre­se for­se con un piz­zi­co di suf­fi­cien­za. Ma com­ples­si­va­men­te, ri­pe­tia­mo, è pia­ciu­to. Nel sen­so che sta ac­qui­sen­do sem­pre più so­li­di­tà, so­prat­tut­to men­ta­le. Mol­to be­ne an­che Ort­ner, un al­tro gio­ca­to­re ri­spet­to al­la scor­sa sta­gio­ne.

Co­me si­gni­fi­ca­ti­vo è sta­to l’esor­dio in cam­pio­na­to di ca­pi­tan Ress, il cui in­gres­so in cam­po è sta­to ac­col­to da un’ova­zio­ne. Po­chi mi­nu­ti ma co­me sem­pre gio­ca­ti con te­sta e cuo­re in at­te­sa di rag­giun­ge­re la for­ma mi­glio­re do­po il lun­go stop.

CON­FER­MA To­nut a ca­ne­stro

A SE­GNO So­pra Hay­nes al ti­ro, a de­stra Bra­mos e sot­to Mc Gee

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.