«Al­lun­go me­ri­to del­la di­fe­sa» Ti­fo­si: la cur­va re­sta in si­len­zio

Il Gazzetino (Venezia) - - Basket - Gia­co­mo Gar­bi­sa © riproduzione riservata

Con­ta­va­no i due pun­ti, che per­met­to­no all'uma­na Reyer di te­ne­re il pas­so di Milano do­po due gior­na­te, e so­no ar­ri­va­ti. Per il gio­co non è sta­ta la mi­glior Reyer, an­che se ha ri­tro­va­to la di­fe­sa tan­to ca­ra a coa­ch Wal­ter De Raf­fae­le. E pu­re l'am­bien­te non ha con­tri­bui­to a scal­da­re gli ani­mi: 3.386 gli spet­ta­to­ri per un sold out man­ca­to pro­prio al­la pri­ma in ca­sa, con la Cur­va Nord in si­len­zio 40' espo­nen­do so­lo lo stri­scio­ne «C. Reyer Ve­ne­zia 1872» in po­le­mi­ca con le di­chia­ra­zio­ni sul­la fu­sio­ne Bears Me­stre-ve­ne­zia in se­no al­la Reyer. Al­la fi­ne pe­rò gli oro­gra­na­ta l'han­no spun­ta­ta 84-69 e, do­po una pri­mo tem­po sen­za riu­sci­re a scrol­lar­si di dos­so Ca­po d'or­lan­do, nel­la ri­pre­sa è ar­ri­va­to l'al­lun­go de­ci­si­vo. «Sia­mo con­ten­ti del­la vit­to­ria, co­me sa­pe­va­mo era una par­ti­ta dif­fi­ci­le. L'ab­bia­mo gi­ra­ta gio­can­do a pun­teg­gi a noi più con­so­ni gra­zie a una di­fe­sa mol­to pre­sen­te. Nei pri­mi due quar­ti i mar­gi­ni di van­tag­gio so­no sta­ti mi­ni­mi, poi fra ter­zo e quar­to pe­rio­do ab­bia­mo in­fi­la­to un par­zia­le di 18-0 che ha chiu­so la ga­ra. Que­sta è la no­ta più im­por­tan­te, la di­fe­sa de­ve es­se­re il no­stro mar­chio di fab­bri­ca. Da qui ab­bia­mo tro­va­to la for­za per al­lun­ga­re». Guar­da il bic­chie­re mez­zo pie­no De Raf­fae­le per­ché l'ex­ploit of­fen­si­vo di Can­tù (99-92) è un'ec­ce­zio­ne, men­tre la re­go­la de­ve es­se­re la com­pat­tez­za di­fen­si­va e, an­che se l'in­com­ple­ta Ca­po d'or­lan­do non era il clien­te più sco­mo­do, le ri­spo­ste di Ress e com­pa­gni so­no sta­te in­co­rag­gian­ti. «In at­tac­co sia­mo an­da­ti mol­to a spraz­zi pren­den­do ti­ri aper­ti ma non at­tac­can­do i van­tag­gi ve­ri che ave­va­mo. A ot­to­bre è pe­rò nor­ma­le non es­se­re con­ti­nui sui 40', pe­rò vin­ce­re fa mo­ra­le e ci fa ca­pi­re che sia­mo sul­la stra­da giu­sta». Ejim ha fir­ma­to il break de­ci­si­vo con ot­to pun­ti a fi­ne ter­zo quar­to, Mc­gee si è con­fer­ma­to pre­zio­so, Hay­nes ha di­mo­stra­to di ave­re sem­pre più la squa­dra in ma­no. Chi non ha con­vin­to è an­co­ra Ha­gins che, cen­tro ti­to­la­re, ha chiu­so 19' sen­za rim­bal­zi e con 7 pun­ti di cui 5 dal­la lu­net­ta. «In que­sta par­ti­ta non par­lo dei sin­go­li, sia­mo sta­ti tut­ti al­ta­le­nan­ti in at­tac­co, ma co­stan­ti e pre­sen­ti di squa­dra quan­do ab­bia­mo mes­so il break». Non par­la di sin­go­li De Raf­fae­le ma, a do­man­da suc­ces­si­va, uno «strap­po» lo fa per Hay­nes. «Co­me tut­ti Hay­nes ha bi­so­gno di ac­cen­der­si, ma il suo pre­gio è pen­sa­re pri­ma agli al­tri che a se stes­so. Poi ha gran­de pro­pen­sio­ne nel di­fen­de­re sul­la pal­la».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.