Trump-clin­ton, duel­lo al ve­le­no

Il mi­liar­da­rio: «Con me Hil­la­ry in ga­le­ra». Ma la can­di­da­ta dei de­mo­cra­ti­ci vo­la a +11% nei son­dag­gi

Il Gazzetino (Venezia) - - Esteri -

WA­SHING­TON - Hil­la­ry Clin­ton pun­ta­va all'au­to­com­bu­stio­ne di Do­nald Trump, che pe­rò non è ar­ri­va­ta. No­no­stan­te il vi­deo ses­si­sta, no­no­stan­te le ac­cu­se so­pra le ri­ghe lan­cia­te­le dal ty­coon («sei il dia­vo­lo con il cuo­re pie­no di odio»), le mi­nac­ce shock («se io fos­si pre­si­den­te ti man­de­rei in ga­le­ra») e la vit­to­ria del­la can­di­da­ta de­mo­cra­ti­ca nel se­con­do duel­lo in di­ret­ta tv (do­me­ni­ca not­te in Ita­lia), giu­di­ca­ta net­ta in ma­nie­ra una­ni­me.

Per­ché il can­di­da­to re­pub­bli­ca­no, no­no­stan­te tut­to, re­sta a gal­la e non ri­nun­cia fi­no al­la fi­ne a par­la­re ai suoi, a quel­la ba­se che ri­bol­le di in­sof­fe­ren­za ver­so l'esta­blish­ment e che lo ha por­ta­to fin qui, sull'uscio del­la Ca­sa Bian­ca, get­tan­do pe­rò il par­ti­to nel caos. A me­no di un me­se dall'elec­tion day dell'8 no­vem­bre, è esplo­so lo scon­tro tra il can­di­da­to di­ge­ri­to a fa­ti­ca e lo spea­ker del­la Ca­me­ra Paul Ryan, la più al­ta ca­ri­ca elet­ta del Grand Old Par­ty: an­che se non è ar­ri­va­to a ri­ti­ra­re uf­fi­cial­men­te il suo en­dor­se­ment per il ty­coon, Ryan ha fat­to sa­pe­re sen­za mez­zi ter­mi­ni di non ave­re più in­ten­zio­ne di di­fen­der­lo.

Pro­prio sa­ba­to scor­so Ryan sa­reb­be do­vu­to com­pa­ri­re sul pal­co con il can­di­da­to nel cor­so di un even­to elet­to­ra­le nel suo Wi­scon­sin, ma do­po la dif­fu­sio­ne del vi­deo scan­da­lo ave­va su­bi­to ri­ti­ra­to la sua ade­sio­ne. Poi una ad una le 'de­fe­zio­ni' e le con­dan­ne dei big re­pub­bli­ca­ni se­gui­te al­la pub­bli­ca­zio­ne di quel vi­deo. Ie­ri, se­con­do in­di­scre­zio­ni, in una riu­nio­ne a por­te chiu­se lo spea­ker del­la Ca­me­ra ha fat­to sa­pe­re di non vo­ler più fa­re cam­pa­gna per e con Do­nald Trump. Non so­no ba­sta­te quin­di le scu­se di ie­ri se­ra per quel­le fra­si re­gi­stra­te nel 2005, che Trump ha li­qui­da­to co­me «chiac­chie­re da spo­glia­to­io». Pun­tan­do in­ve­ce il di­to con­tro le tre­sche di Bill Clin­ton, ex pre­si­den­te e Se­con­do duel­lo tv tra Hil­la­ry

Clin­ton e Do­nald Trump. I

son­dag­gi dan­no in te­sta di 11 pun­ti l’ex

fir­st la­dy. A pe­na­liz­za­re il ma­gna­te i ve­le­no­si e scom­po­sti at­tac­chi,

an­che per­so­na­li, al­la

av­ver­sa­ria ma­ri­to di co­lei che aspi­ra a tor­na­re al­la Ca­sa Bian­ca co­me pri­ma pre­si­den­te don­na de­gli Usa, fi­no a por­ta­re le «ac­cu­sa­tri­ci» di Bill nell'au­di­to­rium del di­bat­ti­to. Uno dei duel­li te­le­vi­si­vi più ve­le­no­si di sem­pre è sta­to de­scrit­to lo scon­tro con­su­ma­to­si a St. Louis tra i due can­di­da­ti che si pro­pon­go­no all'ame­ri­ca con tut­to il lo­ro pe­san­te ba­ga­glio. È sta­to pe­rò Trump a te­ne­re al­ta la ten­sio­ne, pro­te­so tut­to il tem­po in at­tac­co, per­ché pur me­no ner­vo­so e in­di­sci­pli­na­to che nel pri­mo round il 9 ot­to­bre non ha ri­nun­cia­to al­la suo obiet­ti­vo: de­mo­li­re Hil­la­ry Clin­ton. Fi­no a quel­la fra­se scon­cer­tan­te e sen­za pre­ce­den­ti che ha su­sci­ta­to lo sde­gno da più par­ti: «Se fos­si pre­si­den­te no­mi­ne­rei un pro­cu­ra­to­re spe­cia­le per in­da­ga­re l'uso del ser­ver pri­va­to» e «tu sa­re­sti in ga­le­ra». Una re­sa dei con­ti con­su­ma­ta in di­ret­ta tv e con cui Trump ha fi­ni­to per mo­stra­re il fian­co all'av­ver­sa­ria, che lo ha in­fil­za­to sul­la po­li­ti­ca este­ra: «Sei un re­ga­lo per l'isis», e un ispi­ra­to­re del­le in­ter­fe­ren­ze rus­se co­me non se ne era­no mai vi­ste «per in­fluen­za­re le ele­zio­ni a fa­vo­re di Trump».

E non bi­so­gna ave­re no­stal­gia di Ro­nald Rea­gan per ca­pi­re che sot­to que­sta raf­fi­ca di col­pi Trump 'po­li­ti­ca­men­te' per i re­pub­bli­ca­ni vec­chio stam­po non sta in pie­di. L’ine­vi­ta­bi­li­tà dei nu­me­ri ve­do­no vo­la­re Hil­la­ry. Do­po il pa­re­re una­ni­me de­gli os­ser­va­to­ri, so­no ar­ri­va­ti i ri­sul­ta­ti dell'ul­ti­mo son­dag­gio Nbc/wsj con­dot­to do­po la dif­fu­sio­ne del vi­deo con le fra­si ses­si­ste di Trump ma pri­ma del duel­lo tv: la can­di­da­ta de­mo­cra­ti­ca stac­ca il ri­va­le di 11 pun­ti per­cen­tua­li con il 46% del­le pre­fe­ren­ze con­tro il 35% di Do­nald.

SCON­TRO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.