E tra i re­pub­bli­ca­ni par­te la cor­sa al­lo sgan­cia­men­to

Il Gazzetino (Venezia) - - Esteri -

NEW YORK - Le di­stan­ze si al­lun­ga­no. E uno dei più im­por­tan­ti so­ste­ni­to­ri del par­ti­to re­pub­bli­ca­no, Ste­ven Law, de­scri­ve in mo­do ef­fi­ca­ce lo sta­to d’ani­mo: «I re­pub­bli­ca­ni so­no in­trap­po­la­ti in un ci­ne­ma in­va­so dal­le fiam­me e stan­no tut­ti cer­can­do di gua­da­gna­re l’usci­ta di si­cu­rez­za». Il no­do-trump è ve­nu­to al pet­ti­ne, ora che dal suo pas­sa­to van­no emer­gen­do vi­cen­de tor­bi­de, e il par­ti­to si tor­ce le ma­ni men­tre ve­de non so­lo la po­po­la­ri­tà del can­di­da­to al­la Ca­sa Bian­ca scen­de­re, ma an­che quel­la di de­pu­ta­ti e se­na­to­ri. Lo stes­so son­dag­gio che dà Hil­la­ry in van­tag­gio, re­gi­stra che l’opi­nio­ne pub­bli­ca vuo­le con il 49% con­tro il 42 che il Con­gres­so va­da ai de­mo­cra­ti­ci. Co­sì, Paul Ryan, spea­ker del­la Ca­me­ra, ter­za fi­gu­ra po­li­ti­ca nel fir­ma­men­to di Wa­shing­ton (do­po il pre­si­den­te e il vi­ce) tie­ne una con­fe­ren­ce call con i suoi de­pu­ta­ti e al­la fi­ne spie­ga che lui stes­so non fa­rà più cam­pa­gna per Trump, an­che se non ri­ti­re­rà l’ap­pog­gio. Ryan in­ten­de in­ve­ce de­di­ca­re le sue ener­gie a «com­bat­te­re con­tro Hil­la­ry Clin­ton», e con­clu­de: «Fa­te quel che vi sem­bra op­por­tu­no per con­ser­va­re il vo­stro seg­gio e la mag­gio­ran­za re­pub­bli­ca­na». Ognu­no per sé, in­som­ma. Ma co­sa pos­so­no fa­re i de­pu­ta­ti, che cor­ro­no in di­stret­ti do­ve Trump con­ser­va la sua ba­se fe­de­lis­si­ma? Se è ve­ro che Trump non rie­sce a con­qui­sta­re al­tri elet­to­ri, è an­che ve­ro che lo zoc­co­lo du­ro del 35% che lo ave­va vo­ta­to al­le pri­ma­rie, gli re­sta fe­de­le e non ap­prez­za che il par­ti­to di­scu­ta di co­me al­lon­ta­nar­si da lui.

Il 49% di ame­ri­ca­ni vuo­le il pas­sag­gio del Con­gres­so ai de­mo­cra­ti­ci

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.