Ven­tu­ra sot­to ac­cu­sa: «Da­te tem­po all’ita­lia»

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

RO­MA - Tem­po. Giam­pie­ro Ven­tu­ra lo ri­pe­te co­me un man­tra, la sua Na­zio­na­le, la sua gio­va­ne Ita­lia «ha bi­so­gno di tem­po» per­ché per pre­pa­ra­re par­ti­te im­por­tan­ti «tre gior­ni non ba­sta­no». La par­ti­ta di do­me­ni­ca se­ra con la Ma­ce­do­nia ha mo­stra­to li­mi­ti e dub­bi del­le scel­te del com­mis­sa­rio tec­ni­co az­zur­ro, co­stret­to an­co­ra una vol­ta a cam­bia­re in cor­sa per "rad­driz­za­re" le par­ti­te.

Po­co più di due me­si sul­la pan­chi­na az­zur­ra, l'ami­che­vo­le (con scon­fit­ta) con­tro la Fran­cia poi su­bi­to le qua­li­fi­ca­zio­ni per i mon­dia­li 2018 con le sfi­de con Israe­le, Spa­gna e Ma­ce­do­nia, quat­tro par­ti­te le­ga­te tra lo­ro da una se­que­la di er­ro­ri, a vol­te an­che mar­chia­ni (co­me quel­li di Chiel­li­ni con Fran­cia e Israe­le, quel­lo di Buf­fon con la Spa­gna o quel­li di Ver­rat­ti e Ber­nar­de­schi che han­no ri­lan­cia­to la Ma­ce­do­nia) un black out e poi la "ri­scos­sa" do­po aver pre­so qual­che sber­la. Ven­tu­ra (nel­la fo­to con Im­mo­bi­le) chie­de tem­po ed esal­ta il ca­rat­te­re del­la sua squa­dra. I pun­ti gli dan­no ra­gio­ne, ma le pre­sta­zio­ni, quel­le no. E ora, do­po le cri­ti­che di Sac­chi al­le qua­li il com­mis­sa­rio tec­ni­co ave­va già ri­spo­sto, so­no fi­ni­te sot­to ac­cu­sa an­che le sue scel­te ini­zia­li.

Il ct è ri­par­ti­to dal 3-5-2 di con­tia­na me­mo­ria ma in real­tà la sua idea di gio­co si ri­spec­chia nel 4-2-4 vi­sto l’al­tra se­ra, sep­pur con­fu­sa­men­te, ne­gli ul­ti­mi 25 mi­nu­ti: «Ci ab­bia­mo sem­pre pen­sa­to e non puoi ar­ri­var­ci in due gior­ni - ha spie­ga­to il ct L'in­gres­so di San­so­ne ave­va an­che que­sta fi­na­li­tà. Stia­mo la­vo­ran­do con to­ta­le di­spo­ni­bi­li­tà dei gio­ca­to­ri pe­rò ci vuo­le tem­po».

«Il ve­ro pro­ble­ma, se noi an­dia­mo a ve­de­re le par­ti­te dell'ita­lia dell'eu­ro­peo... sot­to­li­nea il ct az­zur­ro - quel­la era l'ita­lia che ave­va la­vo­ra­to in­sie­me per 40 gior­ni. An­che que­sta squa­dra ha i pre­sup­po­sti per fa­re be­ne, oc­cor­re so­lo un po’ di tem­po. C'è tan­to la­vo­ro da fa­re ma po­co tem­po, bi­so­gna da­re tem­po a que­sti ra­gaz­zi di di­ven­ta­re quel­lo che so­no gli al­tri».

In­tan­to la gio­va­ne Ita­lia di Ven­tu­ra pro­va a pren­de­re for­ma: nell'idea del ct c'è quel­lo di ave­re uno zoc­co­lo du­ro di gio­va­ni en­tro due an­ni ed in que­st'ot­ti­ca rien­tra­no an­che gli sta­ge per Un­der 23 che il tec­ni­co avrà a di­spo­si­zio­ne già dal pros­si­mo no­vem­bre, con il pla­cet dei club di Se­rie A. Pe­rò i dub­bi si fan­no cri­ti­che. La pri­ma ora di gio­co con la Spa­gna, il quar­to d'ora dell’al­tra se­ra con la Ma­ce­do­nia, le am­ne­sie dei gio­ca­to­ri più esper­ti, i "pec­ca­ti" di gio­ven­tù del­le spe­ran­ze az­zur­re, que­sta Ita­lia non con­vin­ce an­che se vin­ce ed è in te­sta al gi­ro­ne con la Spa­gna.

«Ab­bia­mo set­te pun­ti e que­sto è l'aspet­to più im­por­tan­te - sot­to­li­nea­va ca­pi­tan Buf­fon do­po la par­ti­ta in Ma­ce­do­nia - ma non so se tut­ti e set­te pun­ti so­no me­ri­ta­tis­si­mi. Bi­so­gna ve­de­re il bic­chie­re mez­zo pie­no ma fa­re an­che un ap­pro­fon­di­men­to più ge­ne­ra­le per ca­pi­re do­ve si può mi­glio­ra­re per­ché è in­ne­ga­bi­le che i mar­gi­ni so­no mol­to gran­di».

Il ct an­che in Ma­ce­do­nia ha cam­bia­to in cor­sa I "pec­ca­ti" di gio­ven­tù non spie­ga­no le in­cer­tez­ze

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.