«Era una fe­sta, non fa­te po­li­ti­ca»

Ve­ne­ran­do: «Le uni­che no­te sto­na­te? Se­pa­ra­ti­sti & C. E so­lo un bar ha col­la­bo­ra­to»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Ful­vio Fen­zo Me­lo­dy Fu­sa­ro

L’eroe di Me­stre è tor­na­to al la­vo­ro. «Quat­tro ur­gen­ze in una so­la mat­ti­na, pos­sia­mo sen­tir­ci fra un’ora?» chie­de Ro­ber­to Ve­ne­ran­do, il den­ti­sta me­stri­no che ve­ner­dì scor­so è riu­sci­to a ri­por­ta­re in piaz­za Fer­ret­to mi­glia­ia di ex fre­quen­ta­to­ri del "sa­lot­to" cit­ta­di­no quan­do an­co­ra ci pas­sa­va­no gli au­to­bus, se non le au­to. Ha ti­ra­to il fia­to nel wee­kend per mo­do di di­re, vi­sto che ha ri­spo­sto a tut­ti i mes­sag­gi di rin­gra­zia­men­to che gli so­no ar­ri­va­ti in que­ste ore ma ha an­co­ra li­tri di adre­na­li­na nel san­gue da smal­ti­re. E an­che una cer­ta, ina­spet­ta­ta de­lu­sio­ne: «Era da lu­glio che la­vo­ra­vo su que­sta se­ra­ta. Tut­to avrei vo­lu­to, tran­ne che fos­se stru­men­ta­liz­za­ta po­li­ti­ca­men­te».

C’era il sin­da­co Bru­gna­ro, ma an­che al­tri po­li­ti­ci cit­ta­di­ni (tra cui il ca­po­grup­po Pd An­drea Fer­raz­zi) ed espo­nen­ti de­gli au­to­no­mi­sti, al­cu­ni con tan­to di ma­gliet­ta "Me­stre Co­mu­ne", che han­no col­to la pal­la al bal­zo per far­si in­ter­vi­sta­re da gior­na­li e tv, co­me i se­pa­ra­ti­sti Ste­fa­no Chia­ro­man­ni e Mar­co Si­tran. «Già la pre­sen­za del sin­da­co non è pia­ciu­ta a mol­ti, e io al po­sto di Bru­gna­ro non sa­rei sa­li­to sul pal­co per par­la­re al mi­cro­fo­no - af­fer­ma Ve­ne­ran­do ri­co­no­scen­do che il Co­mu­ne ha co­mun­que con­ces­so tut­te le au­to­riz­za­zio­ni per la se­ra­ta -, ma avrei evi­ta­to di par­la­re di po­li­ti­ca o di "Me­stre Co­mu­ne" per­ché quel­la di ve­ner­dì era una fe­sta. Per di­re quel­le co­se ave­va­no al­tri 364 gior­ni dell’an­no da sce­glie­re».

Clas­se 1964, si di­ce for­tu­na­to di aver fat­to par­te di una ge­ne­ra­zio­ne che ha pas­sa­to l’in­fan­zia ne­gli an­ni del be­nes­se­re, at­tra­ver­sa­to i ’70 e vis­su­to "la fe­li­ci­tà de­gli an­ni ’80". «Non ri­cor­do di aver avu­to un so­lo ami­co che era di­soc­cu­pa­to - ri­pren­de - in­ve­ce og­gi, quan­do cam­mi­no per Me­stre, ve­do gen­te tri­ste. Aver in qual­che mo­do or­ga­niz­za­to que­sta se­ra­ta in cui tut­ti era­no fe­li­ci è il più bel ri­cor­do che con­ser­ve­rò per il re­sto del­la mia vi­ta». "Or­ga­niz­za­to" pur non es­sen­do un pier­re, ma un pro­fes­sio­ni­sta che da ago­sto, do­po il la­vo­ro, ha fat­to tut­ti i gior­ni l’una di not­te de­streg­gian­do­si tra il grup­po Fa­ce­book "Ri­tro­via­mo­ci in piaz­za", il te­le­fo­no, i con­tat­ti ri­tro­va­ti do­po tan­ti an­ni. L’al­tro gior­no gli ar­ri­va­ta una ri­chie­sta da Mon­se­li­ce, do­ve vo­glio­no or­ga­niz­za­re un even­to si­mi­le, per far­si spie­ga­re co­me de­vo­no fa­re. «E poi ci so­no quel­li, e so­no tan­ti, che chie­do­no di con­ti­nua­re, di an­da­re avan­ti e di or­ga­niz­za­re al­tre co­se per Me­stre, ma que­sto non è il mio la­vo­ro. C’è gen­te che non ve­de l’ora di usci­re e che, l’al­tra se­ra, ha di­mo­stra­to di ave­re tan­ta ener­gia den­tro. E se è ve­ro che ve­ner­dì è man­ca­ta la ge­ne­ra­zio­ne da­gli an­ni Due­mi­la, c’è pe­rò da di­re che nel­la no­stra ge­ne­ra­zio­ne era­va­mo co­sì tan­ti che non c’era nem­me­no po­sto per tut­ti ne­gli asi­li».

Quin­di, per il fu­tu­ro, spa­zio a chi vuo­le ti­rar fuo­ri del­le idee, co­me ha chie­sto Er­ne­sto Pan­cin, pre­si­den­te dell’ae­pe, l’as­so­cia­zio­ne dei pub­bli­ci eser­ci­zi? «Lo spe­ro, ma non so­no co­sì ot­ti­mi­sta - con­clu­de Ro­ber­to Ve­ne­ran­do -. Per "Ri­tro­via­mo­ci in piaz­za" l’uni­co che si è da­to da fa­re in ma­nie­ra en­co­mia­bi­le è sta­to il Bar Sport di piaz­za Fer­ret­to, an­che se poi ci han­no gua­da­gna­to tut­ti gli ope­ra­to­ri del­la piaz­za. L’ho già det­to e lo ri­pe­to: io ho so­lo ti­ra­to il sas­so, ades­so spe­ria­mo che an­che al­tri si dia­no una mos­sa».

«Fos­si sta­to il sin­da­co, non sa­rei sa­li­to sul pal­co»

PIE­NA CO­ME UN TEM­PO «La spe­ran­za ora è che qual­cu­no si dia una mos­sa per ri­por­ta­re un po’ di vi­ta in cit­tà» so­stie­ne Ro­ber­to Ve­ne­ran­do

DEN­TI­STA 52ENNE

Ro­ber­to Ve­ne­ran­do è sta­to

l’idea­to­re dell’even­to di ve­ner­dì scor­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.