CAOS E RI­FIU­TI, CIT­TÀ STU­PRA­TA

Il Gazzetino (Venezia) - - L’agenda -

Ca­ro cro­ni­sta, tro­va­re un ce­sti­no a Ve­ne­zia è co­me par­te­ci­pa­re ad una cac­cia al te­so­ro. Ci si im­bat­te tra cal­li, pon­ti e cam­pi, fin­tan­to che, con un po' di for­tu­na, una vol­ta tro­va­to un con­te­ni­to­re di im­mon­di­zie, l'ama­ra sco­per­ta: è già stra­ri­pan­te e zoz­zo. Ec­co che la no­stra ama­ta cit­tà di­ven­ta una di­sca­ri­ca. Tu­ri­sti che man­gia­no, be­vo­no, tal­vol­ta an­che cu­ci­na­no tran­quil­la­men­te per stra­da, la­scian­do tut­ti i ri­fiu­ti sui sca­li­ni del­le chie­se, nei poz­zi, in mez­zo ai cam­pi, o do­ve me­glio cre­do­no. E fi­ni­to il lo­ro pa­sto e pi­scia­no in to­ta­le li­ber­tà. Tan­ta at­ten­zio­ne al­la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta dei sin­go­li ve­ne­zia­ni con re­la­ti­ve mul­te sa­la­tis­si­me per chi sba­da­ta­men­te e in buo­na fe­de com­met­te uno sba­glio, ma a chi ri­du­ce la no­stra cit­tà peg­gio di tut­ti i ces­si de­gli au­to­grill mes­si in­sie­me, chi ci pen­sa? Par­lia­mo poi dell'out­fit di una gran par­te di tu­ri­sti che nei me­si esti­vi si sen­to­no li­be­ri di vi­si­ta­re la no­stra cit­tà in co­stu­me da ba­gno, ma­ga­ri con­ce­den­do­si un sa­no "ba­gnet­to" nei no­stri ca­na­li. Ma i vi­gi­li che ci mul­ta­va­no ogni vol­ta che da bim­bi ci "az­zar­da­va­mo" a per­cor­re­re i no­stri ama­ti cam­pi in bi­ci­clet­ta do­ve so­no fi­ni­ti? E gli stes­si che han­no tol­to i ban­chet­ti di mais in Piaz­za San Mar­co per­ché ro­vi­na­va­no il de­co­ro del­la no­stra cit­tà, quan­do pen­sa­no di far svo­la­re le cen­ti­na­ia di ven­di­to­ri am­bu­lan­ti di ba­ston­ci­ni sel­fie, trot­to­li­ne co­lo­ra­te, pu­paz­zi di fa­ri­na e al­tre co­se ana­lo­ghe che ti dan­no il ben­ve­nu­to da Piaz­za­le Ro­ma e ti ac­com­pa­gna­no fi­no al cuo­re pul­san­te di Ve­ne­zia? Sem­bra di es­se­re a Di­sney­land. Con l'uni­ca e sot­ti­le dif­fe­ren­za che uno è un fin­to par­co gio­chi men­tre la no­stra cit­tà è una cru­da e tri­ste real­tà. È a dir po­co scan­da­lo­so che il no­stro pre­zio­so ar­ti­gia­na­to lo­ca­le stia scom­pa­ren­do la­scian­do spa­zio a quei ter­ri­fi­can­ti ne­go­zi di ma­sche­re e ve­tro ci­ne­se da po­co più di un eu­ro. Ve­ne­zia è una cit­tà or­mai stu­pra­ta quo­ti­dia­na­men­te e ha bi­so­gno ur­gen­te­men­te di es­se­re cu­ra­ta e sal­va­ta, per tor­na­re al suo ma­gni­fi­co splen­do­re. Al mo­men­to, mi rin­cre­sce ama­ra­men­te dir­lo, ma: no ghea po­de­mo pro­prio far!

M.V. Ve­ne­zia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.