Mi­chie­let­to: «Cer­co la na­tu­ra uma­na»

Il Gazzetino (Venezia) - - L’agenda - Fi­lo­me­na Spo­laor

SCORZÈ - Gli in­te­res­sa rac­con­ta­re la vi­ta. È il re­gi­sta del mo­men­to, osan­na­to, con­te­sta­to, con­te­so dai tea­tri di mez­zo mon­do.

Da­mia­no Mi­chie­let­to, clas­se 1975, na­to a Scorzè, idea­to­re di al­le­sti­men­ti di pro­sa e di li­ri­ca dal­lo sguar­do fre­sco, au­da­ce, pro­vo­ca­to­rio, mo­ti­vo del­la sua ele­zio­ne nel 2015 a ve­ne­zia­no dell'an­no, con­fes­sa che quan­do è all'este­ro de­ve sem­pre tro­va­re un ri­sto­ran­te ita­lia­no.

Ha por­ta­to al­ta l'im­ma­gi­ne, l'estro e il gu­sto ar­ti­sti­co del­la cul­tu­ra ve­ne­zia­na nei più im­por­tan­ti tea­tri del mon­do. Que­sta sta­gio­ne è im­pe­gna­to in «Ca­val­le­ria Ru­sti­ca­na» e ne «I Pa­gliac­ci» al Co­vent Gar­den di Lon­dra, in «Otel­lo» a Vien­na, «Cen­driol­lon» a Ber­li­no e «La don­na del la­go» a Pe­sa­ro. L’al­tra se­ra è tor­na­to a Scorzè, di pas­sag­gio do­po il de­but­to all'ope­ra di Pa­ri­gi con «Sam­son e Da­li­la» di Saint-saens, per ri­ce­ve­re l'am­bi­to Pre­mio «Paul Har­ris Fel­low», con­fe­ri­to­gli dal Ro­ta­ry Club di Noa­le, mas­si­ma ono­ri­fi­cen­za ita­lia­na a chi ha con­tri­bui­to con la sua pro­fes­sio­ne nel dif­fon­de­re re­la­zio­ni ami­che­vo­li.

Ha qual­che ri­cor­do del le­ga­me con il suo pae­se?

«Cre­do di aver vis­su­to una di­men­sio­ne sel­va­ti­ca dell'in­fan­zia all'aria aper­ta, che mi por­to den­tro nel la­vo­ro a tea­tro. Mi piac­cio­no le co­se «spor­che», tra­du­zio­ne del­la pa­ro­la in­gle­se «grit­ty», nel sen­so del "met­te­re le ma­ni" co­me quan­do ero bam­bi­no».

Se­con­do lei la cul­tu­ra è più va­lo­riz­za­ta all'este­ro?

«L'ar­te de­ve an­da­re ol­tre la na­zio­na­li­tà. La mu­si­ca e il tea­tro so­no un lin­guag­gio uni­ver­sa­le, che in­se­gna a es­se­re sen­si­bi­li, at­ten­ti, e a di­ven­ta­re dei cit­ta­di­ni mi­glio­ri. La ca­pa­ci­tà di es­se­re uma­ni è un gran­de va­lo­re del­la cul­tu­ra in una so­cie­tà in cui c'è mol­ta vio­len­za e un mo­do ag­gres­si­vo, com­pe­ti­ti­vo di co­mu­ni­ca­re. Pren­do spon­ta­nea­men­te le sto­rie per ca­pi­re le mo­ti­va­zio­ni del­la na­tu­ra uma­na e del­le re­la­zio­ni che dan­no vi­ta ai per­so­nag­gi».

È ve­ro che all'este­ro ci so­no più fi­nan­zia­men­ti?

«Si, i tea­tri del­la Ger­ma­nia han­no mol­ti più sol­di, ma in Ita­lia c'è suf­fi­cien­te de­na­ro per fa­re co­se bel­le. L’im­por­tan­te è ave­re del­le per­so­ne pre­pa­ra­te. I sol­di so­no im­por­tan­ti, ma so­no le idee che li fan­no cir­co­la­re».

Al­cu­ne sue re­gie so­no sta­te de­fi­ni­te scan­da­lo­se, so­prat­tut­to per i ri­fe­ri­men­ti ses­sua­li e al­la vio­len­za del­la so­cie­tà at­tua­le.

«La pri­ma vol­ta so­no sta­to ma­le, poi nes­sun ef­fet­to. La cri­ti­ca del pub­bli­co è par­te del­la pas­sio­ne tea­tra­le». Sa­rà pos­si­bi­le ve­der­lo al­la Fe­ni­ce, il 4 no­vem­bre, per la nuo­va re­gia «Aqua­gran­da».

«All’este­ro ci so­no più fi­nan­zia­men­ti, ma l’im­por­tan­te è ave­re le idee»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.