«Mio fi­glio di­sa­bi­le da 2 an­ni vit­ti­ma dei bul­li: ora si ri­fiu­ta di tor­na­re a scuo­la»

Una mam­ma de­nun­cia at­ti di bul­li­smo in una ele­men­ta­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - Fran­ce­sco Cam­pi

Ap­pe­na 10 an­ni e, no­no­stan­te la sua di­sa­bi­li­tà psi­co­mo­to­ria, vit­ti­ma di so­pru­si da par­te dei bam­bi­ni che fre­quen­ta­no la sua stes­sa scuo­la ele­men­ta­re. E im­pos­si­bi­li­ta­to a cam­bia­re isti­tu­to. Que­sto quan­to emer­ge dal rac­con­to del­la ma­dre, che, do­po l'ul­ti­mo epi­so­dio, si è re­ca­ta in que­stu­ra ed ha de­nun­cia­to il tut­to, non esi­tan­do a par­la­re di at­ti di bul­li­smo nei con­fron­ti del fi­glio che si sa­reb­be­ro ve­ri­fi­ca­to nel cor­so de­gli ul­ti­mi due an­ni: «Una vol­ta - rac­con­ta - è sta­to col­pi­to ai te­sti­co­li, un'al­tra vol­ta è sta­to fru­sta­to sul­la schie­na con una cor­da, in due oc­ca­sio­ni è sta­to spin­to e fat­to ca­de­re e una vol­ta è tor­na­to a ca­sa con un orec­chio tu­me­fat­to. Due set­ti­ma­ne fa, poi, l'ul­ti­mo epi­so­dio: una spin­ta che l'ha fat­to ca­de­re a ter­ra vio­len­te­men­te spac­can­do­si il lab­bro e ri­por­tan­do un'ec­chi­mo­si ad un ginocchio. Quan­do so­no an­da­ta a pren­der­lo all'usci­ta non ve­ni­va fuo­ri. È sta­ta una sua com­pa­gna di clas­se, e non la mae­stra, a dir­mi che si era fat­to ma­le e che il bi­del­lo lo sta­va me­di­can­do».

La mam­ma a que­sto pun­to non ce l'ha più fat­ta e, do­po che il me­di­co che ha vi­si­ta­to il pic­co­lo (ri­scon­tran­do le­sio­ni gua­ri­bi­li in 10 gior­ni), ha de­ci­so di pas­sa­re all'azio­ne. «Non vo­glio col­pe­vo­liz­za­re nes­su­no spie­ga - ma vo­glio che il pro­ble­ma del bul­li­smo sia af­fron­ta­to per quel­lo che è e non sia mi­ni­miz­za­to o smi­nui­to». Da quell'ul­ti­mo fat­to il pic­co­lo, che fre­quen­ta la quar­ta ele­men­ta­re in un isti­tu­to ro­di­gi­no, non è più an­da­to a scuo­la. «È ri­ma­sto trau­ma­tiz­za­to - spie­ga la ma­dre - Il gior­no do­po la mae­stra mi ha chia­ma­to per sa­pe­re se fos­se ri­ma­sto a ca­sa per via del­la ca­du­ta e, quan­do le ho ri­spo­sto che era pro­prio per quel­lo, ha pro­va­to a sdram­ma­tiz­za­re di­cen­do che era so­lo un pic­co­lo ta­glio su un lab­bro».

Per la ve­ri­tà, spie­ga la don­na, già lo scor­so an­no ave­va par­la­to con il cor­po do­cen­te sot­to­li­nean­do la pe­ri­co­lo­si­tà di sot­to­sti­ma­re la por­ta­ta di quan­to emer­so e le mae­stre ave­va­no av­via­to l'ini­zia­ti­va di una sor­ta di «pa­ten­te a pun­ti» per san­zio­na­re e stig­ma­tiz­za­re al­cu­ni com­por­ta­men­ti. «Ma non è cam­bia­to nul­la», com­men­ta la mam­ma. E, pa­ra­dos­so nei pa­ra­dos­si, an­che il cam­bio del­la scuo­la al mo­men­to sem­bra es­se­re un osta­co­lo in­sor­mon­ta­bi­le: la ri­spo­sta che mi han­no da­to le di­re­zio­ni di­dat­ti­che è che non ci so­no po­sti per cam­bia­re clas­se a mio fi­glio, vi­sta an­che la ne­ces­si­tà di un in­se­gnan­te di so­ste­gno. Pur­trop­po, la di­sa­bi­li­tà vie­ne vi­sta so­lo co­me un pro­ble­ma».

VIO­LEN­ZE Epi­so­di di bul­li­smo in una scuo­la de­nun­cia­ti dal­la mam­ma di una ra­gaz­zi­no di­sa­bi­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.