Ro­ma 2024, fi­ne dei gio­chi Ma­la­gò: fi­gu­rac­cia mon­dia­le

Il pre­si­den­te del Coni: «Mai riu­sci­to a par­la­re con la Rag­gi Per­si sol­di e 177.000 po­sti. Ora il Cio a Mi­la­no nel 2019»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

RO­MA - Fi­ne dei Gio­chi. La cor­sa di Ro­ma 2024 si in­ter­rom­pe uf­fi­cial­men­te, il Coni, do­po il no del con­si­glio co­mu­na­le, ha bloc­ca­to la can­di­da­tu­ra olim­pi­ca e il co­mi­ta­to pro­mo­to­re pre­sie­du­to da Lu­ca di Mon­te­ze­mo­lo chiu­de. «È il gior­no del­la chia­rez­za» esor­di­sce il pre­si­den­te Gio­van­ni Ma­la­gò, e an­che quel­lo dell'ad­dio com­mos­so a un pro­get­to in cui al­me­no il mon­do del­lo sport ave­va cre­du­to for­te­men­te. Dal co­mi­ta­to olim­pi­co è par­ti­ta la let­te­ra al Cio «con la qua­le in­ter­rom­pia­mo il per­cor­so di can­di­da­tu­ra di Ro­ma 2024» spie­ga Ma­la­gò, sot­to­li­nean­do che «il Cio ri­co­no­sce co­me in­ter­lo­cu­to­ri isti­tu­zio­na­li sol­tan­to i co­mi­ta­ti olim­pi­ci. Chiun­que può scri­ve­re al Cio, ma l'uni­ca let­te­ra che con­ta è quel­la del pre­si­den­te del Coni», con chia­ro ri­fe­ri­men­to al­la mis­si­va in­via­ta dal­la sin­da­ca del­la ca­pi­ta­le, Vir­gi­nia Rag­gi, in cui si met­te­va ne­ro su bian­co il No dell'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le.

Uno scel­ta fat­ta «mio mal­gra­do e a ma­lin­cuo­re» di­ce il ca­po del­lo sport che pre­met­te, nel gior­no de­di­ca­to a tut­ti i chia­ri­men­ti sul­la tri­bo­la­ta vi­cen­da, di non vo­ler fa­re po­le­mi­ca, ma non ri­spar­mia sti­let­ta­te con­tro chi ha de­ci­so di bloc­ca­re il pro­get­to. «Ora c'è da ri­mar­gi­na­re la fe­ri­ta, ma c'è an­che bi­so­gno di tor­na­re cre­di­bi­li - ag­giun­ge nel suo lun­go di­scor­so e per que­sto ho de­ci­so di can­di­da­re Mi­la­no per ospi­ta­re la ses­sio­ne del Cio del 2019. È la pri­ma da­ta uti­le vi­sto che nel 2017 la ses­sio­ne si ter­rà a Li­ma e nel 2018, an­no olim­pi­co, sa­rà a Pyeon­g­chang. Ne ho par­la­to col go­ver­na­to­re Ma­ro­ni e col sin­da­co Sa­la che si so­no det­ti en­tu­sia­sti». Un pas­so «per riav­vi­ci­na­re l'ita­lia do­po que­sta inac­cet­ta­bi­le in­ter­ru­zio­ne di Ro­ma 2024». E il pen­sie­ro va ai No elen­ca­ti dal­la sin­da­ca il 21 set­tem­bre scor­so, do­po il man­ca­to in­con­tro pro­prio con Coni e co­mi­ta­to pro­mo­to­re. «Si è ri­nun­cia­to ai sol­di del Cio e a 177mi­la po­sti di la­vo­ro - ha pro­se­gui­to Ma­la­gò - que­sto è da ir­re­spon­sa­bi­li. Ho pro­va­to a par­la­re an­che con Gril­lo, ma nien­te. D'ora in avan­ti con­cen­tre­re­mo sfor­zi e in­te­res­si esclu­si­va­men­te sui no­stri as­set che a Ro­ma so­no il Cen­tro di pre­pa­ra­zio­ne olim­pi­ca e il Par­co del Fo­ro Ita­li­co. Mi au­gu­ro che ci sia una stra­te­gia al­ter­na­ti­va dell'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le per­ché dei sol­di del Cio 100 mi­lio­ni sa­reb­be­ro sta­ti de­sti­na­ti agli im­pian­ti del­le pe­ri­fe­rie».

Le mo­da­li­tà di quel No ar­ri­va­to sen­za un fac­cia a fac­cia pe­rò non so­no pia­ciu­te. «C'è un te­ma di edu­ca­zio­ne - di­ce Ma­la­gò non so­no mai riu­sci­to a par­la­re con la sin­da­ca da quan­do è sta­ta elet­ta: se l'aves­si in­con­tra­ta le avrei det­to che avrei fat­to di tut­to per por­ta­re i Gio­chi a Ro­ma e ave­vo tre no­mi per il co­mi­ta­to or­ga­niz­za­to­re, un ve­ro dream team. Ne­rio Ales­san­dri pre­si­den­te, su­per­vi­sio­ne a Ren­zo Pia­no ed En­ri­co Ca­tal­di. E in­ve­ce il co­mi­ta­to pro­mo­to­re da og­gi è uf­fi­cial­men­te in li­qui­da­zio­ne. Ma ci ren­dia­mo con­to del­la fi­gu­rac­cia?».

Il pre­si­den­te del Co­mi­ta­to olim­pi­co na­zio­na­le, Gio­van­ni Ma­la­gò: «Dob­bia­mo tor­na­re cre­di­bi­li»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.