«Ar­siè, il mio co­mu­ne spar­so per il mon­do»

Lu­ca Stra­paz­zon, sin­da­co del pae­se bel­lu­ne­se do­ve me­tà dei cit­ta­di­ni abi­ta in al­tre na­zio­ni

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest - Que­sti suoi cit­ta­di­ni ten­go­no, G. P.

ARSIE’ (BL) - Fa­re il sin­da­co con me­tà cit­ta­di­ni nel pro­prio ter­ri­to­rio e me­tà spar­si nei cin­que con­ti­nen­ti. L'espe­rien­za, al­quan­to sin­go­la­re, è quel­la che sta vi­ven­do Lu­ca Stra­paz­zon, a ca­po di una li­sta ci­vi­ca di cen­tro­de­stra che è pri­mo cit­ta­di­no di Ar­siè. Il pic­co­lo co­mu­ne bel­lu­ne­se, a po­chi chi­lo­me­tri sia da Fel­tre che dal­la Val­su­ga­na, si tro­va sul­le spon­de di un la­go e con­ta 2.368 abi­tan­ti re­si­den­ti. Ma all'este­ro ne vi­vo­no la bel­lez­za di 2.183. Pra­ti­ca­men­te un cit­ta­di­no sta in Ita­lia, un al­tro in gi­ro per il mon­do, vi­sto che l'in­ci­den­za de­gli emi­gra­ti è del 92% ri­spet­to al­la po­po­la­zio­ne ef­fet­ti­va­men­te pre­sen­te in que­sto lem­bo ai pie­di del­le mon­ta­gne. Un re­cord, per un co­mu­ne bi­fron­te. Da do­ve na­sce que­sto fe­no­me­no uni­co nel Ve­ne­to? «Dal pri­mo grup­po che par­tì nel 1870 dal­la fra­zio­ne di Fa­stro as­sie­me al par­ro­co don Do­me­ni­co Mu­na­ri, Da noi non c'era la­vo­ro suf­fi­cien­te per vi­ve­re, co­sì par­ti­ro­no per cer­car­lo in Sud Ame­ri­ca. Su quel­la epo­pea ha scrit­to un bel li­bro Egi­dio Dall'agnol, che rac­con­ta le fa­ti­che dell'emi­gra­zio­ne».

Ma non c'è so­lo il Bra­si­le. «In­fat­ti, aper­ta la stra­da, par­ti­ro­no mol­ti al­tri per mè­te an­che più vi­ci­ne, quel­le dell'emi­gra­zio­ne tra­di­zio­na­le: la Svi­zer­ra, la Fran­cia, il Bel­gio do­ve tro­va­ro­no la­vo­ro nel­le mi­nie­re». dall'este­ro, rap­por­ti con il pae­se d'ori­gi­ne? «Du­ran­te l'esta­te mol­ti ven­go­no in va­can­za, per­chè qui han­no an­co­ra ca­sa. Ma ci so­no tan­ti ni­po­ti che vo­glio­no ve­de­re il luo­go do­ve so­no na­ti i lo­ro non­ni o bi­snon­ni. Ma­ga­ri in Ita­lia non ci so­no mai sta­ti pri­ma ep­pu­re vo­glio­no ave­re la dop­pia cit­ta­di­nan­za, quan­do la di­scen­den­za ita­lia­na lo con­sen­te. E la pri­ma co­no­scen­za di Ar­siè l'han­no avu­ta dai rac­con­ti dei lo­ro pa­dri». Co­sa fa l'am­mi­ni­stra­zio­ne per te­ne­re vi­vi i le­ga­mi? «Nel 2009 ab­bia­mo fat­to un ge­mel­lag­gio con Vil­la­flo­res di Rio Gran­de do Sul per fa­vo­ri­re gli scam­bi cul­tu­ra­li tra il Bel­lu­ne­se e il Su­da­me­ri­ca. E' la re­gio­ne bra­si­lia­na do­ve si in­con­tra­no pe­rio­di­ca­men­te i di­scen­den­ti dei Dall'agnol, che si so­no mol­ti­pli­ca­ti e or­ga­niz­za­no una gran­de festa. Nel 2015 l'han­no fat­ta per la pri­ma vol­ta a Fa­stro da do­ve era par­ti­ta la fa­mi­glia, un in­con­tro mon­dia­le dei Dall'agnol in Ita­lia». Que­sti ita­lia­ni, in quan­to iscrit­ti all'ai­re, eser­ci­ta­no il di­rit­to di vo­to? «Quan­ti sia­no quel­li che vo­ta­no ef­fet­ti­va­men­te non lo. So sol­tan­to che ad ogni ele­zio­ne i miei im­pie­ga­ti de­vo­no spe­di­re qual­che cen­ti­na­io di car­tel­le elet­to­ra­li in gi­ro per il mon­do».

«Mol­ti tor­na­no du­ran­te l’esta­te»

SIN­DA­CO Lu­ca Stra­paz­zon

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.