Vio­len­za do­me­sti­ca, pia­ga sen­za fi­ne

Le don­ne ac­col­te dal Cen­tro di as­si­sten­za del Co­mu­ne que­st’an­no so­no già 155

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Raf­fae­le Ro­sa Fi­lo­me­na Spo­laor

Lo sfor­zo è già gran­de ma bi­so­gna fa­re di più, bi­so­gna gua­da­gna­re la fi­du­cia di chi ri­ma­ne vit­ti­ma, fa­cen­do re­te, as­si­cu­ran­do che do­po non sa­rà più co­me pri­ma. La vio­len­za do­me­sti­ca col­pi­sce an­co­ra trop­pe don­ne, in Ita­lia co­me nel Ve­ne­to e nel no­stro co­mu­ne. E a dir­lo so­no i nu­me­ri che an­che nel 2015 so­no ri­ma­sti co­stan­ti ri­spet­to all'an­no pre­ce­den­te. «Vio­len­za do­me­sti­ca e di ge­ne­re, aspet­ti me­di­ci e giu­ri­di­ci», è il te­ma del­la due gior­ni di stu­dio e di­bat­ti­to che l'or­di­ne dei Me­di­ci e de­gli Odon­to­ia­tri di Ve­ne­zia ha or­ga­niz­za­to per ve­ner­dì 14 e sa­ba­to 15 nel pa­di­glio­ne Ra­ma dell'ospe­da­le dell'an­ge­lo. In­con­tri, di­bat­ti­ti, se­mi­na­ri, ap­pro­fon­di­men­ti, te­sti­mo­nian­ze, in­ter­ven­ti in cui si cer­che­rà di da­re del­le ri­spo­ste sul te­ma, più che mai at­tua­le e che ve­de coin­vol­ti di­ret­ta­men­te le sin­go­le am­mi­ni­stra­zio­ni co­mu­na­li, le for­ze dell'or­di­ne, la ma­gi­stra­tu­ra, gli esper­ti.

«Nel 2015 so­no sta­te 4500 le don­ne, una ogni 550, che si so­no ri­vol­te ad un cen­tro an­ti­vio­len­za nel Ve­ne­to - spie­ga Gio­van­ni Leo­ni, pre­si­den­te dell'or­di­ne dei Me­di­ci e de­gli Odon­to­ia­tri -. Tut­te so­no sta­te pre­se in ca­ri­co dai 20 cen­tri an­ti­vio­len­za at­ti­vi. Nel 2015 i ser­vi­zi di ascol­to ne han­no ac­col­te 2637, una ogni mil­le re­si­den­ti. Una su 7 di que­ste, pre­se in ca­ri­co la pri­ma vol­ta. So­lo il 3% si af­fi­da ai ser­vi­zi poi va nel­le ca­se ri­fu­gio. Mag­gior par­te stra­nie­re tra i 18 e i 30 an­ni. Il pro­ble­ma esi­ste, va af­fron­ta­to con mag­gior for­za e so­prat­tut­to fa­cen­do re­te, tra chi ascol­ta, chi ca­pi­sce e chi cu­ra».

Nel Co­mu­ne di Ve­ne­zia la si­tua­zio­ne ag­gior­na­ta al 30 set­tem­bre di­ce che nel­le due ca­se per don­ne e mi­no­ri og­get­to di vio­len­za so­no at­tual­men­te ospi­ta­te 6 don­ne e 7 mi­no­ri. Le don­ne ac­col­te al cen­tro an­ti­vio­len­za con un pro­get­to at­ti­vo di usci­ta dal­la vio­len­za so­no in­ve­ce, nel 2016, 155. «Una ter­za ca­sa ri­fu­gio pur­trop­po è an­da­ta «bru­cia­ta» per col­pa di chi non ha ri­spet­ta­to gli ob­bli­ghi di ri­ser­va­tez­za e stia­mo muo­ven­do­ci as­sie­me ad Ater per tro­va­re una nuo­va so­lu­zio­ne - spie­ga la vi­ce­sin­da­ca Lu­cia­na Col­le che è an­che as­ses­so­re al­la ca­sa Per quan­to ri­guar­da la ge­stio­ne dei cen­tri an­ti­vio­len­za in ac­cor­do an­che con l'as­ses­so­re al­la coe­sio­ne so­cia­le Si­mo­ne Ven­tu­ri­ni stia­mo im­ple­men­tan­do gli sfor­zi e pro­ba­bil­men­te an­che i fon­di da de­sti­na­re a que­ste pro­ble­ma­ti­che».

SCIEN­ZA

LU­CIA­NA COL­LE

«Ser­vo­no fon­di con­tro il fe­no­me­no»

IN CRE­SCI­TA Non ten­de a di­mi­nui­re la vio­len­za sul­le don­ne den­tro le

mu­ra di ca­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.