Ve­ne­zia sci­vo­la al 5. po­sto «Si de­ci­de al­la di­stan­za»

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia Sport - Mar­co De Laz­za­ri

Nes­su­na fu­ga, nem­me­no ab­boz­za­ta, po­che sor­pre­se e Par­ma e Pa­do­va co­me prin­ci­pa­li de­lu­sio­ni. Do­po ot­to gior­na­te il gi­ro­ne B è di gran lun­ga il più in­cer­to del­la Le­ga Pro: nel grup­po A l'ales­san­dria è in te­sta con 22 pun­ti, nel C Fog­gia e Lec­ce con 20, nel B in­ve­ce da ie­ri co­man­da a quo­ta 17 pro­prio la Sam­be­ne­det­te­se, che do­po il 2-2 di sa­ba­to al Pen­zo ha bat­tu­to 2-0 il Pa­do­va nel re­cu­pe­ro.

Il tut­to con 9 squa­dre rac­col­te in ap­pe­na 5 pun­ti, fi­no ai 12 di un Par­ma che è ca­du­to per 2-1 al Tar­di­ni an­che con­tro la Fe­ral­pi­sa­lò.

«Sia­mo tut­ti lì, one­sta­men­te non mi aspet­ta­vo nien­te di di­ver­so e, al di là del­la stra­te­gia esti­va di sca­ri­car­si a vi­cen­da i fa­vo­ri del pro­no­sti­co - am­met­te il ds Gior­gio Pe­ri­net­ti - de­vo di­re di non aver mai cre­du­to al pos­si­bi­le stra­po­te­re del Par­ma, né che un'al­tra squa­dra po­tes­se fa­re cor­sa a sè».

Gli sten­ti dei du­ca­li ol­tre a stu­pi­re smen­ti­sco­no il pre­si­den­te del­la Sam­be­ne­det­te­se, Fran­co Fe­de­li, il qua­le do­po il 2-2 del Pen­zo era esplo­so par­lan­do di cam­pio­na­to già as­se­gna­to con ri­fe­ri­men­to pro­prio a Par­ma e Ve­ne­zia. «Il Par­ma dall'ini­zio ha dif­fi­col­tà di ma­no­vra, a Por­de­no­ne pur riu­scen­do a vin­ce­re ave­va sof­fer­to più del Ve­ne­zia. In più oc­ca­sio­ni Noc­cio­li­ni ave­va tol­to le ca­sta­gne dal fuo­co, lu­ne­dì non c'era ed è ar­ri­va­ta la scon­fit­ta. Quan­to al­le po­le­mi­che di­co so­lo il cal­cio è co­sì, ora toc­ca a te do­ma­ni a me, e co­mun­que a noi han­no da­to il pri­mo ri­go­re all'ot­ta­va gior­na­ta, quin­di...».

La Fe­ral­pi è se­con­da con Por­de­no­ne e Gub­bio, a -1 dal­la vet­ta e a +1 da Ve­ne­zia, Reg­gia­na e Bas­sa­no. «Di tut­te que­ste for­ma­zio­ni l'uni­ca ve­ra sor­pre­sa è il Gub­bio che sta an­dan­do ol­tre le pre­vi­sio­ni, la Sam­be­ne­det­te­se era in­ve­ce più pre­ve­di­bi­le, men­tre il Pa­do­va non sta ri­spet­tan­do le pro­mes­se. Ve­dre­mo an­che se e co­me in­ci­de­rà il mer­ca­to di gen­na­io, co­mun­que og­gi la Fe­ral­pi su tut­ti è stra­ri­pan­te per gio­co e con­di­zio­ne. Poi bi­so­gne­rà ve­de­re quan­to reg­ge­rà e in che con­di­zio­ni sa­re­mo tut­ti nel­le ul­ti­me 8 gior­na­te».

Gli aran­cio­ne­ro­ver­di di Pip­po In­za­ghi (sa­ba­to al Pen­zo op­po­sti al Te­ra­mo, ore 16.30) do­po aver as­sa­po­ra­to la vet­ta so­li­ta­ria so­no lì nel muc­chio. «Ho sem­pre det­to che il Ve­ne­zia può vin­ce­re sul­la di­stan­za, per­ché le mag­gio­ri pos­si­bi­li­tà di scel­ta di una ro­sa ric­ca, che og­gi for­se crea­no qual­che pro­ble­mi­no, al­la lun­ga ci con­sen­ti­ran­no di ave­re più gam­ba del­le al­tre nel mo­men­to clou. Un pre­sup­po­sto im­por­tan­te per pen­sa­re di ve­de­re emer­ge­re il no­stro tas­so tec­ni­co che non tut­ti han­no. Fi­no­ra stia­mo an­che sop­pe­ren­do be­ne a squa­li­fi­che e in­for­tu­ni, me­ri­to di un grup­po coe­so che sa reg­ge­re l'al­ter­nan­za in­ter­na con­cen­tran­do­si su­gli aspet­ti da mi­glio­ra­re».

Ie­ri al Ta­lier­cio dop­pia se­du­ta, per il Te­ra­mo re­cu­pe­ra Ma­lo­mo men­tre ca­pi­tan Do­miz­zi sa­rà mo­ni­to­ra­to gior­no per gior­no.

LE­GA PRO gir. B

8

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.