Son­cin: «Sba­glia­mo trop­po»

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia Sport - Li­no Pe­ri­ni

Si in­ter­rom­pe sul na­sce­re la se­rie po­si­ti­va del­la Cal­vi, una vittoria ed un pa­reg­gio, con un nuo­vo 0-2 ester­no do­po quel­lo di Le­gna­go.

Un ri­sul­ta­to pe­san­te per­ché an­co­ra una vol­ta fi­glio di qual­che di­sat­ten­zio­ne di­fen­si­va e di po­ca con­cre­tez­za of­fen­si­va, una pe­ri­co­lo­sa co­stan­te in que­sto ini­zio di sta­gio­ne e che si sta ri­ve­lan­do de­ci­sa­men­te po­co ras­si­cu­ran­te sia in vi­sta del­la tra­sfer­ta mol­to osti­ca di Trie­ste, an­che in vir­tù di una clas­si­fi­ca de­fi­ci­ta­ria.

Ne par­lia­mo con mi­ster Gio­van­ni Son­cin che a men­te fred­da ana­liz­za que­sta ga­ra che gli la­scia l'ama­ro in boc­ca. «C'è un so­lo mo­do per rea­gi­re ed è il la­vo­ro. Dob­bia­mo la­vo­ra­re per mi­glio­ra­re in ogni re­par­to e smet­te­re di com­met­te­re er­ro­ri che in que­ste ca­te­go­rie si pa­ga­no. All'ini­zio dell'in­con­tro di Ar­zi­gna­no ab­bia­mo sof­fer­to la pres­sio­ne dei pa­dro­ni di ca­sa e so­lo gra­zie al­le pa­ra­te di For­tin sia­mo riu­sci­ti a man­te­ne­re in­vio­la­ta la no­stra por­ta. Ma do­po i pri­mi ven­ti mi­nu­ti di af­fan­no, sia­mo an­che riu­sci­ti a re­pli­ca­re con qual­che buo­na op­por­tu­ni­tà su pal­la inat­ti­va e con un pa­io di ri­par­ten­ze. Chiu­den­do be­ne co­sì il pri­mo tem­po sul pa­ri. A que­sto pun­to sem­bra­va che la squa­dra aves­se pre­so le mi­su­re dell'av­ver­sa­rio, ag­giu­sta­to le di­stan­ze tra i re­par­ti ed in­ve­ce ec­co le so­li­te am­ne­sie, di­sat­ten­zio­ni che ci co­sta­no la par­ti­ta. Per­ché si può an­che pren­de­re gol su pu­ni­zio­ne ma è sta­ta la rea­zio­ne che mi la­scia per­ples­so. Per una quin­di­ci­na di mi­nu­ti non sia­mo riu­sci­ti a rien­tra­re in par­ti­ta e nel vol­ge­re di po­co tem­po ab­bia­mo con­ces­so il se­con­do gol che ha uc­ci­so l'in­con­tro. Que­sto mi pre­oc­cu­pa, è su que­ste ri­pe­tu­te man­can­ze di con­cen­tra­zio­ne che dob­bia­mo as­so­lu­ta­men­te la­vo­ra­re, per non com­met­ter­ne più.»

C'è qual­co­sa su cui es­se­re ot­ti­mi­sti? «Que­sta squa­dra ha di­spu­ta­to un ot­ti­mo pre­cam­pio­na­to e si è rin­for­za­ta in ogni re­par­to. Dob­bia­mo cer­to cor­reg­ge­re qual­che er­ro­re, qual­che im­pre­ci­sio­ne che ogni re­par­to, e sot­to­li­neo ogni re­par­to, com­met­te re­go­lar­men­te, ma una scon­fit­ta non cam­bia lo sta­to del­le co­se. Sa­pe­va­mo che sa­reb­be sta­ta dif­fi­ci­le, che ogni par­ti­ta sa­reb­be sta­ta una bat­ta­glia, ma da qui a far­ne un dram­ma ce ne cor­re. La­vo­ria­mo a te­sta bas­sa, la­scia­mo­ci il pas­sa­to al­le spal­le e pen­sia­mo ad es­se­re pron­ti per la pros­si­ma par­ti­ta.»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.