Il Va­po­re, da un pal­co il ri­scat­to di Mar­ghe­ra

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura & Spettacoli - DI MAU­RI­ZIO DIA­NE­SE

«No, non si fi­da­va­no del fi­glio­lo. Trop­po gio­va­ne, trop­po ot­ti­mi­sta, trop­po con­vin­to che quel po­sto sot­to il ca­val­ca­via di Mar­ghe­ra aves­se un fu­tu­ro. Ma so­prat­tut­to non vo­le­va­no che io di­ven­tas­si, co­me lo­ro, schia­vo del bar e poi ave­vo un po­sto fis­so co­me re­spon­sa­bi­le dell'uf­fi­cio ac­qui­sti del­la Ca­do­ro». Ci pen­sò la so­rel­la Lu­cia, più vec­chia di ot­to an­ni di Ste­fa­no Pe­sce, a con­vin­ce­re i ge­ni­to­ri a mol­la­re la gui­da del lo­ca­le, il Bar Stop, che apri­va al­le pri­me lu­ci dell'al­ba, quan­do un eser­ci­to di ope­rai si ri­ver­sa­va ver­so Por­to Mar­ghe­ra. Chiu­se il Bar Stop (qui c'era la fer­ma­ta de­gli au­to­bus) e aprì il Va­po­re che an­che nel sim­bo­lo ri­cor­da un bat­tel­lo del Mis­sis­sip­pi, la pa­tria del jazz. E co­sì nel 1986 aprì il Va­po­re. «E fu un suc­ces­so che nes­su­no ave­va mes­so in con­to, nem­me­no io» rac­con­ta Ste­fa­no Pe­sce, 55 an­ni, ani­ma e cuo­re, as­sie­me a Mar­via Lo­vi­set­to, del lo­ca­le che ha con­tri­bui­to al­la na­sci­ta del­la nuo­va Mar­ghe­ra, una cit­tà nel­la cit­tà che a ca­val­lo del se­co­lo ha sfor­na­to scrittori co­me Gian­fran­co Bet­tin, fu­met­ta­ri di ta­len­to co­me Cia­ci el Kin­der e pro­fe­ti del fu­tu­ro co­me Lucio Spi­noz­zi, gu­ru del fu­ti­li­smo, ar­ti­sti fol­li co­me Spat­ten e mu­si­ci­sti co­me Sir Oli­ver Skar­dy dei Pi­tu­ra Fre­ska e mil­le al­tri. Il Va­po­re ha sa­pu­to ri­scat­ta­re Mar­ghe­ra con la for­za di un'idea, quel­la che ci si po­te­va an­che di­ver­ti­re, con la mu­si­ca e una bir­ra, sot­to il ca­val­ca­via, in un po­sto che è la quin­tes­sen­za dell'as­sur­do, stri­to­la­to dal­le mac­chi­ne e dal­la fab­bri­che, as­se­dia­to dai fu­mi e dai ru­mo­ri del­la cit­tà in­du­stria­le. «Ab­bia­mo fat­to 15 an­ni inin­ter­rot­ti di pie­no­ni. Mio pa­pà non vo­le­va cre­de­re ai suoi oc­chi, mia mam­ma in­ve­ce mi ha da­to una ma­no al bar, la mat­ti­na apri­va lei per­chè noi chiu­de­va­mo al­le 2 di not­te e al­le 8 c'era­no già i vec­chi clien­ti, quel­li che ve­ni­va­no per il caf­fè e l'om­bret­ta di bian­co». «Il bi­lan­cio di que­sti 30 an­ni? Mi sem­bra ie­ri che ab­bia­mo aper­to» di­ce sor­ri­den­do Mar­via Lo­vi­set­to.

«So­no sta­ti an­ni mol­to in­ten­si - pro­se­gue Pe­sce - ma ri­cor­do ogni gior­no. Per me è sta­ta una emo­zio­ne for­tis­si­ma il pri­mo con­cer­to im­por­tan­te, con Paul Millns, per me era un mi­to e riu­sci­re a por­tar­lo qui, sul pal­co del Va­po­re mi pa­re­va un so­gno. Pen­so poi che qui ha suo­na­to an­co­ra da mi­no­ren­ne Ste­fa­no Bol­la­ni, Vi­ni­cio Ca­pos­se­la ave­va ap­pe­na fat­to il pri­mo di­sco quan­do è ve­nu­to ad esi­bir­si a Mar­ghe­ra. Se pen­so che non c'era in­ter­net e che gli ar­ti­sti li con­tat­ta­vo per te­le­fo­no, chia­man­do con l'ap­pa­rec­chio a get­to­ni che c'era qui, den­tro il bar di mio pa­pà». Ma Ste­fa­no Pe­sce non si è ac­con­ten­ta­to del Va­po­re, ha in­ven­ta­to con Fri­chet­ti il Vil­la­ge nel 1999 e die­ci an­ni pri­ma il fe­sti­val del Pi­ra­ghet­to, poi nel 2004 ha aper­to al par­co del­la Bis­suo­la con Ama­dou il Ba­rat­to. E poi l'eti­chet­ta mu­si­ca­le srazz re­cord, la pri­ma ad an­da­re in in­ter­net già nel 1994. In­som­ma è sta­to un in­no­va­to­re che ha fat­to la sto­ria mu­si­ca­le e di co­stu­me di que­sta cit­tà. Pen­sa­re che non è mai fi­ni­ta in ris­sa. «A par­te quel­la vol­ta che uno sco­no­sciu­to mi ti­rò un “ca­gno­ne” per­chè vo­le­vo chiu­de­re al­le 2 e pas­sa di not­te. Ho chia­ma­to la po­li­zia ed ho sco­per­to che si chia­ma­va Ste­fa­no Pe­sce e che ave­va la mia stes­sa età». Ste­fa­no Pe­sce de­nun­cia Ste­fa­no Pe­sce che ha at­ter­ra­to con un pu­gno Ste­fa­no Pe­sce, non ma­le per un ver­ba­le di po­li­zia.

Il fi­glio più gran­de è Fi­lip­po, in­de­ci­so se se­gui­re le or­me del pa­dre, men­tre Mar­ghe­ri­ta è an­co­ra trop­po pic­co­la per il Va­po­re. «Io al­la lo­ro età fa­ce­vo già par­te del­la tap­pez­ze­ria al bar di mio pa­pà. Mi met­te­va­no den­tro la ve­tri­na del­le ca­ra­mel­le. Qui pos­so di­re che pra­ti­ca­men­te so­no na­to per­chè mia mam­ma mi ha par­to­ri­to nel­la ca­me­ra che si tro­va esat­ta­men­te so­pra l'at­tua­le pal­co del Va­po­re. Si ve­de che era de­sti­no».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.