La scuo­la: bim­bo fe­ri­to, un in­ci­den­te

«È ca­du­to men­tre scen­de­va le sca­le». Ma la mam­ma in­si­ste: vit­ti­ma di bul­li­smo. Mi­glia­ia di con­tat­ti sul web

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità -

La di­ri­gen­te sco­la­sti­ca of­fre una ver­sio­ne di­ver­sa dell’«in­ci­den­te», ma la de­nun­cia di una mam­ma po­le­sa­na del­le vio­len­ze su­bi­te da suo fi­glio, 10 an­ni ap­pe­na, per ope­ra dei ba­by bul­li è de­fla­gra­ta a Rovigo, su­sci­tan­do an­che l’in­te­res­se di tra­smis­sio­ni co­me "Chi l’ha vi­sto". In­tan­to, su Fa­ce­book, il po­st del­lo scor­so 8 ot­to­bre con tan­to di fo­to del­le fe­ri­te al lab­bro e al ginocchio, con­ti­nua a rim­bal­za­re di pa­gi­na in pa­gi­na, aven­do già rac­col­to ben ol­tre i mil­le li­ke, av­vi­ci­nan­do­si al­lo stes­so nu­me­ro di con­di­vi­sio­ni ed i com­men­ti che con­ti­nua­no ad ag­giun­ger­si di mi­nu­to in mi­nu­to. Se vo­le­va pro­vo­ca­re una rea­zio­ne, sen­za dub­bio ci è riu­sci­ta. «En­ne­si­ma (ma ul­ti­ma) ag­gres­sio­ne su­bi­ta a scuo­la, quar­ta ele­men­ta­re scri­ve­va - Die­ci gior­ni di pro­gno­si. De­ci­do di pub­bli­ca­re per de­nun­cia­re che il fe­no­me­no del bul­li­smo av­vie­ne sem­pre pri­ma, mol­te vol­te tra il las­si­smo di isti­tu­zio­ni e fa­mi­glie. Io la mia de­nun­cia l'ho fat­ta e non mi li­mi­te­rò so­lo a quel­la. Ag­giun­go che da 10 gior­ni sto cer­can­do una scuo­la di­spo­ni­bi­le ad ac­co­glie­re, ma sem­bra non ci sia. È un bam­bi­no con di­sa­bi­li­tà, quin­di ri­sul­ta dif­fi­ci­le tro­va­re un po­sto. Chiun­que vo­glia so­ste­ne­re con me la bat­ta­glia, dar­mi con­si­glio o in­for­ma­zio­ni è tan­to tan­to gra­di­to, gra­zie».

Il pi­glio del­la mam­ma sem­bra quel­lo di chi è di­spo­sto a dar vi­ta ad una ve­ra e pro­pria cro­cia­ta: «È un pro­ble­ma cul­tu­ra­le spie­ga - quel­lo che mi in­te­res­sa e che non si sot­to­va­lu­ti più il fe­no­me­no del bul­li­smo che già si ma­ni­fe­sta al­le ele­men­ta­ri. Tan­to più gra­ve se nei con­fron­ti di un di­sa­bi­le. Pur­trop­po qui da noi si ten­de da un la­to a com­pa­ti­re, dall'al­tro a mi­ni­miz­za­re».

La di­ret­tri­ce sco­la­sti­ca del­la scuo­la, da par­te sua, of­fre una let­tu­ra di­ver­sa dei fat­ti e, «pur non vo­len­do af­fat­to mi­ni­miz­za­re vi­sta la de­li­ca­tez­za di quan­to so­stie­ne la si­gno­ra», fa pre­sen­te che la mam­ma non l'ha con­tat­ta­ta ed ha sco­per­to tut­to leg­gen­do­lo sul gior­na­le. «A me ri­sul­ta che ci sia sta­to un in­ci­den­te spie­ga - men­tre i bam­bi­ni sta­va­no scen­den­do le sca­le, con il bam­bi­no che è ca­du­to e si è rot­to un lab­bro. La mam­ma dell'al­tro bam­bi­no ed il pic­co­lo stes­so si so­no det­ti for­te­men­te di­spia­ciu­ti. Un fat­to spia­ce­vo­le, ma da qui a par­la­re di bul­li­smo ce ne cor­re».

La ma­dre del bim­bo di­sa­bi­le, pe­rò, non è del­lo stes­so av­vi­so. Ed è pron­ta ad an­da­re avan­ti nel­la sua bat­ta­glia.

Ec­co le fo­to: lab­bro rot­to e una bot­ta al ginocchio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.