Ita­lia­ni del Sud da Lon­dra ar­ri­va­no le scu­se

Il Gazzetino (Venezia) - - Economia Finanza - Ma­rio Ajel­lo

Dun­que, ades­so, ol­tre che pe­no­so e ver­go­gno­so per l’in­ghil­ter­ra, è an­che pa­ra­dos­sa­le che pro­prio lag­giù ven­ga re­stau­ra­to, in chia­ve an­ti-ita­lia­na, il Re­gno del­le Due Si­ci­lie. Non c’è nul­la di più an­ti-sto­ri­co, con in più una buo­na do­se di igno­ran­za e di raz­zi­smo, nel­la vi­cen­da del mo­du­lo per l’iscri­zio­ne sco­la­sti­ca in cui le au­to­ri­tà in­gle­si chie­do­no ai no­stri emi­gra­ti di che ti­po di et­nia sia­no i lo­ro fi­gli: «Ita­lian», «Ita­lian Any Others», «Ita­lian Na­po­li­tan» (ed evi­den­te­men­te gli in­gle­si non san­no che in in­gle­se si di­ce «nea­po­li­tan» con la «e») e «Ita­lian Si­ci­lian»? Co­me se gli ita­lia­ni del Sud fos­se­ro i nuo­vi pa­ria agli oc­chi de­gli in­gle­si e il no­stro Mez­zo­gior­no, che i bri­tan­ni­ci era­no so­li­ti in­vi­dia­re per la sua cen­tra­li­tà nel Mar Me­di­ter­ra­neo, fos­se la ter­ra dell’«hic sunt leo­nes». Poi il go­ver­no di Lon­dra si è scu­sa­to con noi ma il ca­so re­sta. Ver­reb­be da di­re che die­tro que­sto epi­so­dio paz­ze­sco ci sia quel 52 per cen­to di in­gle­si che han­no scel­to l’usci­ta dall’eu­ro­pa nel giu­gno scor­so e so­no per lo più an­zia­ni che, co­me pri­ma pul­sio­ne iso­la­zio­ni­sta, se la pren­do­no con i bam­bi­ni. Di si­cu­ro que­sta tro­va­ta, che do­vreb­be su­sci­ta­re l’in­di­gna­zio­ne non so­lo dell’am­ba­scia­to­re ita­lia­no ma dell’in­te­ro go­ver­no a co­min­cia­re dal pre­si­den­te del Con­si­glio, sve­la quan­to il vo­to sul­la Bre­xit sia sta­to mo­ti­va­to da umo­ri pro­fon­di che agi­ta­no la pan­cia dell’in­ghil­ter­ra e che l’ex pre­mier Ca­me­ron, ac­ce­ca­to da per­so­na­li ra­gio­ni po­li­ti­ci­ste, non ha sa­pu­to ve­de­re. Pren­der­se­la con i fi­gli dei no­stri emi­gra­ti, con gli stu­den­ti, con quel­le ge­ne­ra­zio­ni già di fat­to glo­ba­liz­za­te, e ap­pli­ca­re a lo­ro il ri­gur­gi­to iso­la­zio­ni­sta, il mi­to ve­te­ro-con­ser­va­to­re e in fon­do ni­chi­li­sta del­la pic­co­la pa­tria, e pro­prio da par­te di chi è sta­to un gran­de im­pe­ro mul­ti­raz­zia­le, rap­pre­sen­ta una ver­go­gna nel­la ver­go­gna. E con­tie­ne tut­to l’abis­so in cui sem­bra pre­ci­pi­ta­to il Re­gno Uni­to. Do­ve la cal­ma è scar­sa. La po­li­ti­ca sta im­plo­den­do. L’eco­no­mia è in­cer­ta. Co­sì co­me lo è il fu­tu­ro de­gli in­gle­si fuo­ri dal­la Ue. Che nel vo­to del­la Bre­xit è sta­ta ri­fiu­ta­ta in bloc­co ma cer­te aree geo­gra­fi­che del con­ti­nen­te e i po­po­li che le abi­ta­no so­no evi­den­te­men­te più de­te­sta­bi­li di al­tre se­con­do i nuo­vi pa­la­di­ni Bri­tain Fir­st. Di que­sta sor­ta di apar­theid ap­pli­ca­to a se stes­si e in­flit­to in que­sto ca­so ai na­po­le­ta­ni e ai si­ci­lia­ni del tut­to im­me­ri­te­vo­li di que­sto trat­ta­men­to. Che vie­ne da vi­ci­no ma si por­ta die­tro i più vie­ti pre­giu­di­zi tra­di­zio­na­li del ti­po: ita­lian spa­ghet­ti, ita­lian ma­fia, ita­lian cor­rup­tion, ita­lian di­sho­ne­sty. Quan­do fu scel­ta la Bre­xit, gli ita­lia­ni si sen­ti­ro­no tra­di­ti nel lo­ro amo­re per l’in­ghil­ter­ra. E al­la lu­ce di que­sto epi­so­dio, non da Great Bri­tain ma da Lit­tle Bri­tain, ave­va­no ra­gio­ne. Ora le giu­sti­fi­ca­zio­ni del go­ver­no lon­di­ne­se han­no il sa­po­re del po­stic­cio. E so­ste­ne­re che i va­ri mar­chi et­ni­co-ter­ri­to­ria­li ap­pli­ca­ti agli ita­lia­ni ri­guar­di­no so­lo gli aspet­ti lin­gui­sti­ci e non quel­li raz­zia­li non va be­ne lo stes­so. Per­ché gli in­gle­si do­vreb­be­ro sa­pe­re che an­che la lin­gua in Ita­lia è uni­ta­ria, do­po i tan­ti sfor­zi di al­fa­be­tiz­za­zio­ne com­piu­ti in 150 an­ni e più, e se il na­po­le­ta­no e il si­ci­lia­no sia­no ve­ri e pro­pri idio­mi e non sem­pli­ci dia­let­ti non può cer­to sta­bi­lir­lo una pre­si­de del Gal­les. C’è da di­re pe­rò che, in­di­ret­ta­men­te, an­che noi ita­lia­ni ab­bia­mo qual­che re­spon­sa­bi­li­tà nel fat­to che ve­nia­mo di­pin­ti co­me un Pae­se di­so­mo­ge­neo e trop­po pie­no di dif­fe­ren­ze tra il Nord e il Sud. Il di­va­rio eco­no­mi­co-so­cia­le tra le due par­ti del­la Pe­ni­so­la, in que­sti an­ni, non è di­mi­nui­to ma au­men­ta­to. La que­stio­ne me­ri­dio­na­le non è più da tem­po in ci­ma all’agen­da del­la po­li­ti­ca, se non per ini­zia­ti­ve epi­so­di­che. E il le­ghi­smo e la pro­pa­gan­da de­vo­lu­zio­na­ria han­no con­tri­bui­to a da­re dell’ita­lia all’este­ro un’im­ma­gi­ne di di­su­ni­tà che co­mun­que, al di là dei li­mi­ti ap­pe­na no­ta­ti, non cor­ri­spon­de af­fat­to al­la real­tà. Se non nel­lo sguar­do an­neb­bia­to de­gli in­gle­si che, in­cer­ti e spae­sa­ti or­mai ri­spet­to al­la pro­pria iden­ti­tà, fan­no or­ren­de sche­da­tu­re su quel­la de­gli al­tri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.