Nell’ex bot­te­ga del Ti­zia­no usa­no la tec­ni­ca del Set­te­cen­to

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia -

En­tra­to in azien­da a 22 an­ni co­me ap­pren­di­sta di Ma­rio Ber­ta nel 1976, Ma­ri­no ha nel cas­set­to un di­plo­ma da pe­ri­to me­tal­lur­gi­co. Do­po al­cu­ni an­ni di ap­pren­di­sta­to, ha avu­to la pos­si­bi­li­tà di di­ven­ta­re un ot­ti­mo bat­ti­to­re, met­ten­do a frut­to an­che le co­no­scen­ze scolastiche, am­plian­do l'of­fer­ta dell'azien­da an­che agli ori le­ga­ti. Il me­to­do di bat­ti­tu­ra è lo stes­so in uso nel Set­te­cen­to. L'oro, do­po es­se­re sta­to fu­so, vie­ne la­mi­na­to in stri­sce poi ta­glia­te in pic­co­li qua­dra­ti, an­co­ra piut­to­sto spes­si, che ven­go­no in­se­ri­ti tra fo­gli di car­ta per­ga­mi­no. Bat­tu­ti una pri­ma vol­ta, le sin­go­le fo­glie ven­go­no poi di nuo­vo ta­glia­te in quat­tro e mes­se in astuc­ci che ven­go­no bat­tu­ti dal mae­stro per più di un'ora, con mar­tel­li che van­no dai tre agli ot­to chi­li. Quin­di, una vol­ta com­ple­ta­ta la bat­ti­tu­ra, le fo­glie ven­go­no ri­pas­sa­te al­le ta­gliao­ro che le con­fe­zio­na­no nei li­bret­ti pron­ti per la ven­di­ta.

«La co­sa più dif­fi­ci­le da im­pa­ra­re è te­ne­re il mar­tel­lo nel mo­do giu­sto - di­ce Ma­ri­no Me­ne­gaz­zo - per­ché il pol­so e il brac­cio de­vo­no es­se­re in li­nea e la ma­no de­ve sci­vo­la­re sul ma­ni­co, in mo­do da sfruttare il pe­so e il rim­bal­zo sul pac­chet­to». Poi c'è il dif­fi­ci­le com­pi­to del­le ta­gliao­ro, che de­vo­no im­pa­ra­re a sof­fia­re per­fet­ta­men­te la fo­glia per di­sten­der­la, ta­gliar­la e po­si­zio­nar­la nei li­bret­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.