IL GRAN­DE NARCISISTA IN­NA­MO­RA­TO DEL­LE BAR­RI­CA­TE

La pa­ra­bo­la del gran­de at­to­re. Ono­ri a den­ti stret­ti dai par­ti­ti. Pro­fon­do lut­to so­lo tra i Cin­que Stelle

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - DI MA­RIO AJEL­LO

Quel­li che lo pian­go­no di più, po­li­ti­ca­men­te par­lan­do, so­no i gril­li­ni. Il Pd ere­de spu­rio del Pci che se non nei mo­men­ti in cui do­ve­va li­scia­re il pe­lo al­la con­te­sta­zio­ne gio­va­ni­le e al mondo ex­tra­par­la­men­ta­re non lo hai gran­ché sop­por­ta­to - lo pian­ge (...)

Se­gue dal­la pri­ma pa­gi­na

(...) co­me un gran­de ita­lia­no che se ne va, ma nien­te più di que­sto. An­che per­ché nel­la si­ni­stra ren­zia­na l’ac­cu­sa che Da­rio Fo ha ri­vol­to a Roberto Be­ni­gni («Ver­rà in qual­che mo­do ri­pa­ga­to») per il suo Sì al­la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le, bru­cia co­me un’of­fe­sa. Per i dem più che per Be­ni­gni che ie­ri ha sa­lu­ta­to così il col­le­ga: «Tut­ti gli dob­bia­mo qual­co­sa».

E il cen­tro­de­stra? Da Bru­net­ta al re­di­vi­vo Fi­ni, non si fa che ri­ba­di­re - con tut­to il ri­spet­to - la di­stan­za che ha sem­pre se­pa­ra­to que­sta par­te po­li­ti­ca dall’an­ti-ber­lu­sco­ni­smo e dal go­sci­smo di cui il Pre­mio No­bel ap­pe­na scom­par­so è sta­to fie­ro te­sti­mo­nial pron­to a sa­li­re su ogni bar­ri­ca­ta. L’ultima su cui si è is­sa­to è sta­ta quel­la del Mo­vi­men­to 5 stelle. Com­par­ve a so­pre­sa sul pal­co a piaz­za Duo­mo il 19 febbraio 2010 in un Vaf­fa Day e gri­dò ai gril­li­ni: «Que­sta sem­bra la festa del­la Li­be­ra­zio­ne, co­me nel 1945». Da al­lo­ra, idil­lio to­ta­le con qual­che ti­mi­da cri­ti­ca ne­gli ul­ti­mi tem­pi: «Non fa­te le cor­ren­ti co­me i so­li­ti par­ti­ti». E così, ec­co ora Da­vi­de Ca­sa­leg­gio, il fi­glio di Gian­ro­ber­to, so­li­ta­men­te ap­par­ta­tis­si­mo, sta­vol­ta scri­ve su Fa­ce­book: «Da­rio è sta­to un uo­mo straor­di­na­rio an­che uma­na­men­te. Gli di­co gra­zie, per aver con­di­vi­so così tan­to del­la sua ar­te con noi». Bep­pe Gril­lo con cui si co­no­sce­va­no da 40 an­ni: «E’ una per­di­ta stra­zian­te. Da­rio non era una opeer­so­na li­be­ra era la li­ber­tà. E ora sia­mo or­fa­ni di una per­so­na ec­cel­sa e il­li­mi­ta­ta». Tut­ti ma pr­prio tut­ti o qua­si, tra big e peo­nes gril­li­ni, da Di Ma­io al­la Lom­bar­di, da Fi­co a tut­ti gli al­tri, non stan­no fa­cen­do che esal­ta­re le vir­tù del lo­ro «com­pa­gno di stra­da» e do­po aver per­so il gu­ru Ca­sa­leg­gio que­st’an­no ades­so han­no per­du­to an­che Fo e si sen­to­no sen­za più pa­dri no­bi­li. E lui ne­gli ul­ti­mi an­ni lo è sta­to per lo­ro: an­che se i mi­li­tan­ti pen­ta­stel­la­ti non riu­sci­va­no a ma­sche­ra­re la no­ia del lun­ghis­si­mo vi­deo­mes­sag­gio che l’at­to­re ha in­via­to a fi­ne set­tem­bre al­la festa del mo­vi­men­to a Pa­ler­mo. E comunque di bar­ri­ca­ta in bar­ri­ca­ta, dai tem­pi dell’ul­tra-si­ni­stra e del de­lit­to Ca­la­bre­si (a pro­po­si­to del qua­le Fo ha sem­pre pre­so le di­fe­se di Adria­no So­fri e de­gli al­tri di Lot­ta Con­ti­nua) fi­no al­la sco­per­ta del gril­li­smo co­me nuo­va fron­tie­ra: «Le po­le­mi­che sui po­li­ti­ci cor­rot­ti le ho fat­te da sem­pre. Pe­rò da­to che esi­sto­no ora­to­ri bal­bu­zien­ti, umo­ri­sti tri­sti, par­ruc­chie­ri cal­vi, po­treb­be­ro an­che esi­ste­re po­li­ti­ci one­sti».

E pen­sa­re che la pa­ra­bo­la po­li­ti­ca di Fo era co­min­cia­ta a Sa­lò. Si ar­ruo­lò vo­lon­ta­rio nei pa­ra­ca­du­ti­sti del­la Re­pub­bli­ca So­cia­le a Va­re­se. «Lo fe­ci per sal­va­re la pel­le», di­rà poi. Con lui c’era an­che En­ri­co Ma­ria Sa­ler­no. Fo sa­reb­be poi sta­to fon­da­to­re di Soc­cor­so Ros­so, quel­lo che al­la Sta­ta­le oc­cu­pa­ta eb­be il suo ba­gno di fol­la nel 1969, quel­lo che all’ini­zio de­gli an­ni di piom­bo co­me mol­ti al­tri era por­ta­to a cre­de­re che le Bri­ga­te Ros­se fos­se­ro dei com­pa­gni che sba­glia­no, quel­lo che an­dò nel 1975 in Ci­na ad am­mi­ra­re il co­mu­ni­smo ver­sio­ne Mao, non si per­de­va un’oc­cu­pa­zio­ne di fab­bri­ca, ti­fa­va De­mo­cra­zia Pro­le­ta­ria («Il pic­co­lo par­ti­to dal­le gran­di ra­gio­ni») e fa­ce­va con­vi­ve­re in lui mo­vi­men­ti­smo e nar­ci­si­smo. han­no sem­pre con­vis­su­to in lui. Po­te­va non es­se­re An­ti-tav, Da­rio­ne? No, e in­fat­ti lo è sta­to. Po­te­va es­se­re a favore del Sì al re­fe­ren­dum del prossimo 4 di­cem­bre? Ma fi­gu­ria­mo­ci, e in­fat­ti già com­pa­io­no san­ti­ni con su scrit­to: «Io vo­to No per­ché Da­rio e Fran­ca vo­te­ran­no No an­che da las­sù».

Tut­to il suo im­pe­gno Fo lo giu­sti­fi­ca­va ci­tan­do Vol­tai­re: «L’uo­mo sen­za idee è un im­be­cil­le». Alle ul­ti­me am­mi­ni­stra­ti­ve, an­che ven­den­do i suoi qua­dri co­me fon­te di fi­nan­zia­men­to elet­to­ra­le, si è spe­so so­prat­tut­to per Chia­ra Ap­pen­di­no. As­sai me­no per Vir­gi­nia Rag­gi, che comunque ie­ri lo ha sa­lu­ta­to così: «Ciao Da­rio, por­te­re­mo avan­ti le tue idee».

Dal pun­to di vi­sta re­li­gio­so, era un ateo dub­bio­so che si at­ti­rò i ful­mi­ni del Va­ti­ca­no più vol­te e so­prat­tut­to per il «Mi­ste­ro buf­fo» nel 1977 in cui la Cu­ria vi­de ne­gli sber­lef­fi a Bo­ni­fa­cio VIII un at­tac­co a Pao­lo VI. Si è sem­pre van­ta­to, Fo, di sta­re dal­la par­te op­po­sta a quel­la del po­te­re. Chis­sà se è sta­to pro­prio così.

VE­RO­NA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.