Ber­lu­sco­ni al­la pro­va di Le­ga e Fra­tel­li d’ita­lia

Sal­vi­ni e Me­lo­ni vo­glio­no chia­rez­za sul­la po­si­zio­ne del leader de­gli az­zur­ri I pro­ble­mi di sa­lu­te po­treb­be­ro li­mi­tar­ne l’im­pe­gno nel­la cam­pa­gna re­fe­ren­da­ria

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

RO­MA - Rien­tra­to mer­co­le­dì not­te da­gli Sta­ti Uni­ti do­ve si è sot­to­po­sto a con­trol­li al cuore e for­se per fu­ga­re dub­bi sul­la sua sa­lu­te, Sil­vio Ber­lu­sco­ni ha de­ci­so di riu­ni­re og­gi a Milano (an­co­ra in for­se se ad Ar­co­re o a via Ro­va­ni) gli al­tri due leader del cen­tro­de­stra: Mat­teo Sal­vi­ni e Gior­gia Me­lo­ni. Un ver­ti­ce che fa se­gui­to al sum­mit del me­se scor­so in cui il Ca­va­lie­re con il co­sid­det­to 'duo le­pe­ni­sta' ave­va pro­gram­ma­to un nuo­vo gi­ro di ta­vo­lo per pro­se­gui­re nell'im­pe­gno co­mu­ne per il 'no' al re­fe­ren­dum.

La nuo­va riu­nio­ne dei tre leader ha comunque un obiet­ti­vo im­me­dia­to: ras­si­cu­ra­re quan­ti, so­prat­tut­to den­tro For­za Ita­lia, non so­no con­vin­ti fi­no in fon­do che l'ex pre­mier vo­glia real­men­te spen­der­si per il re­fe­ren­dum. Dub­bi che in real­tà non man­ca­no an­che al se­gre­ta­rio del­la Le­ga e al­la leader di Fra­tel­li d'ita­lia, scettici sul­le in­ten­zio­ni 'bar­ri­ca­de­re' del leader az­zur­ro. Ec­co per­ché og­gi, sia Me­lo­ni che Sal­vi­ni chie­de­ran­no spie­ga­zio­ni al di­ret­to in­te­res­sa­to. Cer­to, le con­di­zio­ni di sa­lu­te di Ber­lu­sco­ni che è sta­to co­stret­to a pro­lun­ga­re la sua per­ma­nen­za a New York do­po il ma­lo­re avu­to all'ar­ri­vo nel­la Gran­de Me­la, com­por­te­ran­no un im­pe­gno lon­ta­no dal­la pri­ma li­nea.

La cam­pa­gna del Ca­va­lie­re sa­rà so­prat­tut­to me­dia­ti­ca con in­ter­vi­ste te­le­vi­si­ve e spot. In dub­bio al­me­no per ora an­che la con­fe­ren­za pro­gram­ma­ti­ca di For­za Ita­lia ori­gi­na­ria­men­te pre­vi­sta per me­tà no­vem­bre e che avreb­be do­vu­to se­gna­re il rien­tro sul­la sce­na di Ber­lu­sco­ni, ma che an­co­ra non ha una da­ta cer­ta.

In­som­ma la stra­te­gia che l'ex ca­po del go­ver­no ha in men­te sul re­fe­ren­dum è an­co­ra tut­ta da de­fi­ni­re an­che se una co­sa ap­pa­re cer­ta: la vo­lon­tà del Ca­va­lie­re di te­ner aper­te di­ver­se stra­de. Un ven­ta­glio di pos­si­bi­li­tà di cui fa par­te an­che «l'ope­ra­zio­ne» che sta por­tan­do avan­ti Ste­fa­no Pa­ri­si con l'av­vio del tour di Me­ga­watt che da og­gi fi­no al­la se­con­da me­tà di no­vem­bre lo por­te­rà in gi­ro per tut­ta l'ita­lia.

L'in­ten­zio­ne dell'ex Dg di Con­fin­du­stria è quel­la di crea­re una pro­pria re­te sul ter­ri­to­rio da far 'pe­sa­re' nel mo­men­to in cui si do­vran­no co­strui­re le fu­tu­re al­lean­ze. Un pro­get­to boc­cia­to in to­to dai big di For­za Ita­lia. Le scin­til­le di mer­co­le­dì a Milano nel cor­so del con­fron­to tra Pa­ri­si e Gio­van­ni To­ti (da sem­pre so­ste­ni­to­re dell'al­lean­za con Fdi e Le­ga) fo­to­gra­fa­no al­la per­fe­zio­ne lo sta­to dei rap­por­ti tra i co­lon­nel­li az­zur­ri e l'ex can­di­da­to al co­mu­ne di Milano. E non è un ca­so che nel­le stes­se ore in cui Pa­ri­si è in Si­ci­lia, i ver­ti­ci del par­ti­to in­sie­me a quel­li di Fra­tel­li d'ita­lia e Car­roc­cio si ri­tro­ve­ran­no a Milano per dar vita ad una sor­ta di ma­ra­to­na ora­to­ria per il no al re­fe­ren­dum.

L'osti­li­tà nei suoi con­fron­ti non sem­bra pre­oc­cu­pa­re Pa­ri­si che an­zi con­ti­nua a pun­ta­re il di­to con­tro la 'vec­chia' clas­se di­ri­gen­te di For­za Ita­lia. L'ultima a fi­ni­re sul ban­co de­gli im­pu­ta­ti è la ri­for­ma del­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne tar­ga­ta Re­na­to Bru­net­ta. «Non ha fat­to nul­la», ac­cu­sa l'ex ma­na­ger «sia­mo il pe­nul­ti­mo pae­se Oc­se co­me di­gi­ta­liz­za­zio­ne».

IN­CER­TEZ­ZA Sal­vi­ni e la Me­lo­ni vo­glio­no sa­pe­re qua­le sa­rà l’im­pe­gno di Ber­lu­sco­ni nel­la cam­pa­gna re­fe­ren­da­ria

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.