Ca­po­ra­la­to an­che nel­le vi­gne di Sting, a sua in­sa­pu­ta

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità -

PRA­TO - Da an­ni ap­pro­fit­ta­va­no di chi ha bi­so­gno di la­vo­ra­re ma non ha un per­mes­so di sog­gior­no, di chi fug­ge dal­la guerra ed è in at­te­sa di una ri­spo­sta al­la sua richiesta di asi­lo. Persone che cer­ca­no di ave­re qual­che sol­do in ta­sca, di­spo­ste per que­sto a la­vo­ra­re 15 ore al gior­no, per 4/5 eu­ro l'ora.

Era pro­prio un'or­ga­niz­za­zio­ne cri­mi­na­le, gui­da­ta da ita­lia­ni e da un grup­po di pa­ki­sta­ni, quel­la sco­per­ta dal­la pro­cu­ra di Pra­to che ha coordinato una com­ples­sa in­da­gi­ne sul ca­po­ra­la­to nel­le vi­gne, ma non so­lo, e che ha por­ta­to all'ese­cu­zio­ne di 11 mi­su­re cau­te­la­ri: cin­que persone so­no fi­ni­te agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri (tra lo­ro tre am­mi­ni­stra­to­ri dell'azien­da agri­co­la Co­li spa di Ta­var­nel­le Val di Pe­sa, in pro­vin­cia di Fi­ren­ze) e sei han­no l'ob­bli­go di di­mo­ra.

In al­cu­ni ca­si le azien­de si fi­da­va­no di chi pro­cu­ra­va lo­ro il per­so­na­le, sen­za sa­pe­re che si trat­ta­va di 'ca­po­ra­la­to'. È il ca­so del­la rock­star Sting, ti­to­la­re di te­nu­te nel­la zo­na, che, co­me han­no sco­per­to gli in­ve­sti­ga­to­ri, ave­va avu­to di­ver­si la­vo­ra­to­ri nel­la sua azien­da (tra Fi­ren­ze, Sie­na e Arez­zo). Sting, che vi­ve a Fi­gli­ne Val­dar­no, nel Fio­ren­ti­no, «era all'oscuro di tut­to». L'ipo­te­si di rea­to per i cin­que ai do­mi­ci­lia­ri è «as­so­cia­zio­ne a de­lin­que­re fi­na­liz­za­ta all'ac­qui­si­zio­ne di ma­no­do­pe­ra clan­de­sti­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.