Im­pie­ga­ta pre­ca­ria, ana­gra­fe a ri­schio an­che al­la Giu­dec­ca

L’uf­fi­cio è ge­sti­to da un’uni­ca di­pen­den­te che non vie­ne so­sti­tui­ta se as­sen­te

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - To­ma­so Bor­zo­mì

Un car­tel­lo in­vi­ta a te­le­fo­na­re pri­ma

Ma il nu­me­ro non è in elen­co

Tro­va­no con­fer­ma le vo­ci che da Mu­ra­no par­la­va­no di una chiu­su­ra per l’uf­fi­cio ana­gra­fe del­la Giu­dec­ca. A parlare chia­ro è il si­bil­li­no car­tel­lo espo­sto sul can­cel­lo di in­gres­so: «Si av­ver­te la cit­ta­di­nan­za che l'uf­fi­cio è ge­sti­to da un sin­go­lo di­pen­den­te che at­tual­men­te non può es­se­re so­sti­tui­to. Per­tan­to in ca­so di as­sen­za di que­st'ul­ti­mo l'uf­fi­cio ana­gra­fe rimane chiu­so». Il car­tel­lo in­vi­ta a sin­ce­rar­si del­la pre­sen­za del di­pen­den­te, pro­se­guen­do così: «Si con­si­glia di ve­ri­fi­ca­re la re­go­la­re aper­tu­ra te­le­fo­nan­do al n. 041-2410475». Peccato che per ave­re il nu­me­ro ci si deb­ba re­ca­re sul po­sto o chia­ma­re l'uf­fi­cio cen­tra­le, da­to che nel­la pa­gi­na del si­to del Co­mu­ne ci so­no Mu­ra­no, Bu­ra­no, Pel­le­stri­na e Li­do, ma non vi è trac­cia del ser­vi­zio ana­gra­fe al­la Giu­dec­ca. La si­tua­zio­ne è no­ta an­che ai di­pen­den­ti, ba­sta te­le­fo­na­re all'uf­fi­cio cen­tra­le di Ca’ Lo­re­dan per sen­tir­si di­re: «Le con­si­glio di chia­ma­re pri­ma di an­da­re». Un sug­ge­ri­men­to ap­pa­ren­te­men­te spas­sio­na­to, ma che av­vi­sa gli uten­ti che non è det­to che il per­so­na­le sia lì. Già, per­ché in ca­so di ma­lat­tia, fe­rie o im­prov­vi­sa man­can­za, l'uf­fi­cio dell'iso­la rimane chiu­so e gli uten­ti ri­man­go­no al pa­lo. Non a ca­so, a ca­val­lo di maggio e lu­glio scor­si l'uf­fi­cio ana­gra­fe, già im­po­ve­ri­to del­la se­zio­ne sta­to ci­vi­le, è ri­ma­sto chiu­so per pa­rec­chi gior­ni, la­scian­do gli abi­tan­ti in ba­lìa de­gli even­ti, sen­za ri­ce­ve­re risposte chia­re sul ser­vi­zio. A ciò si ag­giun­ga il fat­to che l'ester­no dell'uf­fi­cio è pri­vo di illuminazione e og­get­to di at­ti van­da­li­ci, co­me te­sti­mo­nia­no al­cu­ni ve­tri che ie­ri era­no ben vi­si­bi­li sul pa­vi­men­to da­van­ti al­la por­ta d'in­gres­so.

E così un'al­tra chiu­su­ra sem­bra ab­ban­do­na­re la Giu­dec­ca, da­to che l'uni­ca di­pen­den­te pa­re sia pre­ca­ria e in sca­den­za di con­trat­to a di­cem­bre. Un da­to ana­cro­ni­sti­co: l'iso­la va in con­tro­ten­den­za ri­spet­to al re­sto del­la cit­tà, poi­chè si sta ri­po­po­lan­do di bam­bi­ni e gio­va­ni. Per­tan­to, a me­no che il Co­mu­ne non de­ci­da per l'as­sun­zio­ne, vi­sto che, co­me re­ci­ta il car­tel­lo: «il di­pen­den­te at­tual­men­te non può es­se­re so­sti­tui­to», per i giu­dec­chi­ni non ci sa­rà mol­to da fa­re, se non ras­se­gnar­si a per­de­re un al­tro ser­vi­zio, do­po i re­cen­ti nuo­vi ta­gli ai tra­spor­ti not­tur­ni. (t.c.) Se­con­do in­con­tro, ie­ri se­ra nel­la sa­la San Leo­nar­do, di «Ve­ne­zia è il mio fu­tu­ro», l'as­so­cia­zio­ne che si oc­cu­pa di ascol­ta­re i re­si­den­ti, se­stie­re per se­stie­re, per ac­qui­si­re una pa­no­ra­mi­ca det­ta­glia­ta sul­la cit­tà e for­mu­la­re pro­po­ste in me­ri­to ai flus­si tu­ri­sti­ci, al­la re­si­den­zia­li­tà e a quan­to Ve­ne­zia può an­co­ra es­se­re e pro­muo­ve­re. «For­mu­le - han­no det­to gli espo­nen­ti dell'as­so­cia­zio­ne per smuo­ve­re un Co­mu­ne sta­ti­co, al pa­ri del­lo Sta­to». Sa­la ol­tre­mo­do gre­mi­ta, ma po­chi i gio­va­ni. Ha ini­zia­to la pre­si­den­te di Ita­lia No­stra, Li­dia Fer­suo­ch, che ha ri­cor­da­to l'im­po­si­zio­ne dell'une­sco di av­via­re la ri­so­lu­zio­ne dei pro­ble­mi ve­ne­zia­ni, pe­na la can­cel­la­zio­ne del­la cit­tà dall'elen­co dei pa­tri­mo­ni dell'uma­ni­tà. «Ve­ne­zia è il mio fu­tu­ro ha det­to Li­dia Fer­suo­ch do­vreb­be es­se­re un in­no al­la gio­ia, al­la fe­li­ci­tà di po­ter vi­ve­re a Ve­ne­zia. Del­lo spo­po­la­men­to si par­la or­mai da 50 an­ni e pro­pon­go che tut­te le as­so­cia­zio­ni la­vo­ri­no in­sie­me per un pro­get­to co­mu­ne: la ste­su­ra di una se­rie di pro­po­ste da in­via­re al­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne. Le cau­se del­la si­tua­zio­ne so­no no­te a tut­ti: spe­cu­la­zio­ne e sfrut­ta­men­to eco­no­mi­co del­la cit­tà». Ma­ri­na Ro­di­nò, se­gre­ta­ria del­la se­zio­ne Pd di Can­na­re­gio, ha pre­so in esa­me pro­prio que­sto se­stie­re, pre­sen­tan­do una sta­ti­sti­ca de­gli al­log­gi pub­bli­ci esi­sten­ti e del­la ti­po­lo­gia de­gli at­tua­li abi­tan­ti. Car­lo Bel­tra­me, del Mo­vi­men­to 25 Apri­le ha il­lu­stra­to l'ar­se­na­le co­me po­ten­zia­le con­te­ni­to­re mu­sea­le, cul­tu­ra­le e di ri­cer­ca. Infine Mat­teo Sec­chi, per Ve­nes­sia.com, ha ri­lan­cia­to la ma­ni­fe­sta­zio­ne «Tol­go il di­stur­bo?», il 12 no­vem­bre da­van­ti a Cà Far­set­ti, con tan­to di va­li­gie. Par­ti­co­la­re l'ap­pel­lo lan­cia­to da una mam­ma sul­la pro­ba­bi­le chiu­su­ra dell'isti­tu­to An­cel­le di Ge­sù Bam­bi­no. Mar­co Ga­spa­ri­net­ti ha con­clu­so il con­ve­gno.

COM­MER­CIO

GIU­DEC­CA In al­to a si­ni­stra il car­tel­lo in cui si an­nun­cia la

pos­si­bi­le chiu­su­ra del ser­vi­zio, a la­to l’in­gres­so dell’uf­fi­cio ana­gra­fe

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.