I ben­ga­le­si si pren­do­no il mer­ca­to

Han­no già ri­le­va­to di­ver­si stand dai me­stri­ni. Sto­ri­co ban­co ac­qui­sta­to po­chi gior­ni fa

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Eli­sio Tre­vi­san Melody Fu­sa­ro

Lo sto­ri­co mer­ca­to fis­so di Me­stre è sem­pre me­no me­stri­no e sem­pre più mul­tiet­ni­co. Da un pa­io di set­ti­ma­ne uno dei ban­chi di frut­ta e ver­du­ra più co­no­sciu­ti ha chiu­so i bat­ten­ti e Iva­no il ti­to­la­re si è tra­sfe­ri­to in via Me­stri­na tra la cioc­co­la­te­ria Pet­te­nò e il pa­ni­fi­cio Gor­ghet­to. Il po­sto che lui e la fa­mi­glia ge­sti­va­no da an­ni, nell’an­go­lo do­ve il Mar­ze­ne­go si di­vi­de in due ra­mi, è sta­to ri­le­va­to da un im­pren­di­to­re ben­ga­le­se che così af­fian­ca un con­na­zio­na­le che già da tem­po ope­ra in via Fa­pan­ni.

È un fe­no­me­no ini­zia­to già da di­ver­so tem­po e che sta pren­den­do pie­de. Nel­la qua­ran­ti­na di stand oc­cu­pa­ti da po­co più di 30 azien­de e che han­no ra­di­ci or­mai qua­si cen­te­na­rie, ci so­no già cin­que ope­ra­to­ri stra­nie­ri: tre di frut­ta e ver­du­ra, uno che ven­de chin­ca­glie­ria va­ria, e uno che pro­po­ne pesce tra cir­ca 12 col­le­ghi me­stri­ni.

Com­ples­si­va­men­te il mer­ca­to fis­so di via Fa­pan­ni, ol­tre a quel­li del pesce, of­fre una quin­di­ci­na di ban­chi di frut­ta e ver­du­ra, due fio­re­rie, al­cu­ne ma­cel­le­rie, un ban­co di for­mag­gi, uno di ga­stro­no­mia (que­st’ul­ti­mo, in con­tro­ten­den­za, è sta­to da po­co ria­per­to da due me­stri­ni pa­dre e fi­glio), uno di chin­ca­glie­ria, e un ar­ro­ti­no che pe­rò è chiu­so per ma­lat­tia del ge­sto­re che ha at­tac­ca­to un car­tel­lo per av­ver­ti­re chiun­que fosse in­te­res­sa­to che l’at­ti­vi­tà è in ven­di­ta.

D’al­tro can­to se quel mer­ca­to è sem­pre sta­to lo spec­chio del­la sua cit­tà, sin dal 1926 quan­do ven­ne aper­to nel­la vi­ci­na via Gi­no Al­le­gri per poi es­se­re tra­sfe­ri­to nell’at­tua­le po­si­zio­ne nel 1992, og­gi il cen­tro di Me­stre è sem­pre più abi­ta­to da cit­ta­di­ni di va­rie na­zio­na­li­tà: i ci­ne­si han­no co­sti­tui­to la lo­ro co­mu­ni­tà nel­la par­te nord del quar­tie­re Pia­ve; i ben­ga­le­si so­no tra San Giu­lia­no, via To­ri­no, Cor­so del Po­po­lo, Pia­ve sud, via­le San Mar­co, din­tor­ni di piaz­za Fer­ret­to e Car­pe­ne­do Ove­st; i mol­da­vi Pia­ve sud, via Cir­con­val­la­zio­ne, via­le San Mar­co nord, Car­pe­ne­do sud e Bis­suo­la; gli al­ba­ne­si scel­go­no so­prat­tut­to via Ca’ Rossa. E da cin­que an­ni la co­mu­ni­tà me­stri­na del Ban­gla­de­sh, in par­ti­co­la­re, è quel­la più nu­me­ro­sa del Ve­ne­to con po­co più di 5 mi­la re­si­den­ti im­pie­ga­ti pre­va­len­te­men­te nel tu­ri­smo in cen­tro sto­ri­co a Ve­ne­zia e nel­lo sta­bi­li­men­to Fin­can­tie­ri.

Di con­se­guen­za, do­po l’epoca dei ci­ne­si che han­no ac­qui­sta­to de­ci­ne di bar e al­tre at­ti­vi­tà eco­no­mi­che, ora è il mo­men­to dei ben­ga­le­si e il mer­ca­to di via Fa­pan­ni (più an­co­ra che la vi­ci­na via Ca­ne­ve o la stes­sa via Pia­ve do­ve i comm­mer­cian­ti stra­nie­ri so­no in ra­pi­da espan­sio­ne) ri­spec­chia i mu­ta­men­ti in at­to, e l’ul­ti­mo cam­bio di ge­stio­ne dell’or­to­frut­ta non re­ste­rà cer­ta­men­te un ca­so iso­la­to.

RI­FOR­ME CO­STI­TU­ZIO­NA­LI

VIA FA­PAN­NI L’ani­ma cit­ta­di­na

sta mu­tan­do e l’im­pren­di­to­ria ne è

un pri­mo se­gna­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.