Ci­ne­ma a due eu­ro Arrivano in die­ci­mi­la

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Eli­sio Tre­vi­san

L’al­tro ie­ri all’img di Me­stre so­no an­da­te al ci­ne­ma 4700 persone. Un record as­so­lu­to al­me­no da quan­do è sta­to aper­to il mul­ti­sa­la al Can­dia­ni, che bat­te an­che le fe­ste na­ta­li­zie e in par­ti­co­la­re San­to Ste­fa­no che da sem­pre è il gior­no in cui la gen­te va a ve­der­si un film.

Il mer­co­le­dì col bi­gliet­to a 2 eu­ro vo­lu­to dal mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li Da­rio Fran­ce­schi­ni spo­po­la, in­som­ma, tra i me­stri­ni e in par­ti­co­la­re in cen­tro. Per­ché il mul­ti­sa­la di Marghera ha ac­col­to 3 mi­la persone e quel­lo di Mar­con 2800, e il da­to è an­co­ra più no­te­vo­le se si con­si­de­ra che l’img ha 6 sa­le men­tre Marghera ne ha 13 e Mar­con 12.

«Vie­ne da chie­der­si do­ve sia que­sta gen­te tut­ti gli al­tri gior­ni» com­men­ta Gia­nan­to­nio Fur­lan, l’im­pren­di­to­re che ha co­strui­to l’img in­ve­sten­do 16 mi­lio­ni di eu­ro: «Per­ché spes­so ci di­men­ti­chia­mo che Me­stre ha 160 mi­la abi­tan­ti, non è un pae­si­no, ma non fre­quen­ta­no la cit­tà o non ap­prez­za­no quel che of­fre».

Mer­co­le­dì è sta­to tal­men­te un suc­ces­so di pub­bli­co che, riem­pi­te le sa­le con i film più di ri­chia­mo co­me il car­to­ne "Pe­ts - vita da ani­ma­li", si so­no ri­ver­sa­ti nel­le sa­le do­ve pro­iet­ta­va­no i film d’es­sai co­me "Quan­do hai 17 an­ni" di An­dré Té­chi­né che di so­li­to at­ti­ra 15 persone al gior­no e l’al­tro ie­ri ne ave­va 200.

Pie­no­ne, in de­fi­ni­ti­va, an­che se l’ef­fet­to 2 eu­ro si è vi­sto so­lo nel­le sa­le e non nei ser­vi­zi col­le­ga­ti, in par­ti­co­la­re nei bar do­ve gli af­fa­ri non so­no au­men­ta­ti di mol­to ri­spet­to agli al­tri gior­ni. Chi è an­da­to al ci­ne­ma mer­co­le­dì è dun­que en­tra­to di­ret­ta­men­te in sa­la sen­za por­tar­si po­p­corn o dol­cet­ti va­ri.

I ge­sto­ri del­le sa­le, riu­ni­ti nel­le as­so­cia­zio­ni Anec, Anem e Ani­ca han­no ade­ri­to all’ini­zia­ti­va vo­lu­ta dal mi­ni­stro Fran­ce­schi­ni pur con qual­che ti­mo­re, per­ché non so­no cer­ti che scon­ti così for­ti pro­du­ca­no un ef­fet­to tra­sci­na­men­to por­tan­do più gen­te an­che gli al­tri gior­ni. Per­ché tan­te del­le persone che han­no af­fol­la­to le sa­le l’al­tro ie­ri di so­li­to non si muo­vo­no e quin­di non van­no nem­me­no al ci­ne­ma. E se si con­si­de­ra che mer­co­le­dì una fa­mi­glia di 4 persone ha pa­ga­to 8 eu­ro per ve­der­si un film, con­tro i 36 che de­ve sbor­sa­re in un gior­no nor­ma­le, è dif­fi­ci­le che si in­na­mo­ri tal­men­te del­la de­ci­ma ar­te da com­pie­re un ta­le sal­to eco­no­mi­co.

Rimane il fat­to che il "Ci­ne­ma2­day", che era al se­con­do ap­pun­ta­men­to e vie­ne pro­po­sto ogni se­con­do mer­co­le­dì del me­se, a Me­stre ha di­mo­stra­to che le po­ten­zia­li­tà ci sa­reb­be­ro, co­me del re­sto è av­ve­nu­to ve­ner­dì scor­so quan­do mi­glia­ia di persone si so­no ri­tro­va­te in una piaz­za Fer­ret­to so­li­ta­men­te vuo­ta per ri­cor­da­re com’era ne­gli an­ni Set­tan­ta e Ot­tan­ta. Si trat­ta, dun­que, di ca­pi­re co­me sfrut­tar­le.

IN CO­DA La fi­la per pren­de­re un bi­gliet­to l’al­tro ie­ri con­ti­nua­va an­che fuo­ri del ci­ne­ma, in piaz­za­le Can­dia­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.