«Fred­dy mi or­di­nò di pe­di­nar­la»

Se­con­do Ma­nue­la Cac­co fu il bal­le­ri­no a or­di­na­re lo stal­king con­tro la 55en­ne

Il Gazzetino (Venezia) - - Camponogaramira - Mar­co Al­di­ghie­ri

A po­che ora dall’in­ci­den­te pro­ba­to­rio, che ve­drà il fac­cia a fac­cia tra i tre in­da­ga­ti nel de­lit­to No­ven­ta, l’omi­ci­dio del­la se­gre­ta­ria di Al­bi­gna­se­go è an­co­ra mol­to ric­co di re­tro­sce­na. L’ul­ti­mo è tar­ga­to Ma­nue­la Cac­co, la 53en­ne ta­bac­ca­ia di Cam­po­no­ga­ra.

La don­na è sta­ta iscrit­ta nel re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti, ol­tre che per omi­ci­dio e oc­cul­ta­men­to di ca­da­ve­re, an­che per stal­king. Tra il 2013 e il 2014 avreb­be spe­di­to mes­sag­gi­ni sms in­ti­mi­da­to­ri a Isa­bel­la con tan­to di te­le­fo­na­te di mi­nac­ce. Ma non so­lo, per­chè se­con­do gli in­qui­ren­ti Cac­co avreb­be pu­re pe­di­na­to la se­gre­ta­ria di Al­bi­gna­se­go. E la ta­bac­ca­ia, fin dal gior­no del suo ar­re­sto av­ve­nu­to il 16 febbraio, ha su­bi­to collaborato con gli in­ve­sti­ga­to­ri. Tan­to che avreb­be rac­con­ta­to agli in­qui­ren­ti di ave­re sì se­gui­to Isa­bel­la, ma su or­di­ne di Fred­dy Sor­ga­to. Il bal­le­ri­no di No­ven­ta Pa­do­va­na, mol­to pro­ba­bil­men­te per ge­lo­sia, avreb­be spin­to Cac­co a mo­ni­to­ra­re tut­ti gli spo­sta­men­ti di Isa­bel­la dal 2013 al 2014. Qua­si due an­ni pri­ma del­la scom­par­sa del­la se­gre­ta­ria av­ve­nu­ta nel­la not­te tra il 15 e il 16 gen­na­io di que­st’an­no.

In­tan­to og­gi a par­ti­re dal­le 9.30 ci sa­rà in tri­bu­na­le l’in­ci­den­te pro­ba­to­rio. La ta­bac­ca­ia da­rà nuo­va­men­te la sua ver­sio­ne dei fat­ti da­van­ti al so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re Gior­gio Fal­co­ne, ti­to­la­re del­le in­da­gi­ni, ma so­prat­tut­to guar­dan­do ne­gli oc­chi Fred­dy e De­bo­ra ri­spet­ti­va­men­te ac­com­pa­gna­ti dai lo­ro le­ga­li. In au­la sa­rà pre­sen­te an­che l’av­vo­ca­to Gian Ma­rio Bal­duin, di­fen­so­re di Pao­lo No­ven­ta fra­tel­lo di Isa­bel­la.

Ol­tre al pub­bli­co mi­ni­ste­ro, Cac­co po­trà es­se­re in­ter­ro­ga­ta dai le­ga­li dei due fra­tel­li Sor­ga­to e da Gian Ma­rio Bal­duin. Un fac­cia a fac­cia che do­vreb­be di­ra­da­re la fit­ta neb­bia che da ot­to me­si av­vol­ge il de­lit­to di Isa­bel­la. Al mo­men­to il ca­da­ve­re del­la don­na non è an­co­ra sta­to tro­va­to, così co­me l’ar­ma del de­lit­to. Inol­tre la vil­la di Fred­dy a No­ven­ta in via Sab­bio­ni, è sta­ta pas­sa­ta al se­tac­cio in al­me­no tre mo­men­ti di­ver­si dai po­li­ziot­ti del­la Scien­ti­fi­ca e dal­la bio­lo­ga Lu­cia­na Cae­naz­zo dell’isti­tu­to di me­di­ci­na le­ga­le dell’uni­ver­si­tà di Pa­do­va, ma non è sta­ta tro­va­ta una so­la trac­cia di Dna di Isa­bel­la. Nien­te san­gue, nien­te ca­pel­li, il nul­la to­ta­le. A di­mo­stra­zio­ne che la se­gre­ta­ria nel­la vil­la di Fred­dy quel­la se­ra del 15 gen­na­io non ci è mai ar­ri­va­ta.

Per cui il rac­con­to di Ma­nue­la Cac­co for­ni­to agli in­qui­ren­ti non sem­bra com­ba­cia­re con quan­to real­men­te ac­ca­du­to. La ta­bac­ca­ia con­fes­sò di sa­pe­re che i due fra­tel­li Sor­ga­to uc­ci­se­ro Isa­bel­la a col­pi di maz­zet­ta di mu­ra­to­re nel­la ca­sa del bal­le­ri­no, ma gli in­qui­ren­ti non han­no tro­va­ta al­cu­na trac­cia del­la se­gre­ta­ria. Og­gi Cac­co da­van­ti al pm ri­da­rà la stes­sa ver­sio­ne dei fat­ti? L’uni­ca co­sa cer­ta è che Fred­dy Sor­ga­to da­van­ti al Gip, due gior­ni do­po il suo fer­mo, ha di­chia­ra­to di ave­re stran­go­la­to Isa­bel­la du­ran­te un gio­co ero­ti­co e di aver­ne get­ta­to il ca­da­ve­re nel­le ac­que del fiu­me Bren­ta.

L’IN­CI­DEN­TE PRO­BA­TO­RIO

Que­sta mat­ti­na alle 9.30 il fac­cia a fac­cia tra i tre ar­re­sta­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.