Pe­na­ti fre­na Moo­dy’s: po­po­la­ri, nes­sun ri­schio an­che se vin­ce il No

Sec­ca re­pli­ca all’agen­zia Usa del fon­do che con­trol­la Bp­vi e Ve­ne­to Ban­ca E Mion e An­sel­mi in­sie­me: «C’è più fi­du­cia, per noi ri­spon­de­ran­no i fat­ti»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Mau­ri­zio Cre­ma

Ales­san­dro Pe­na­ti ras­si­cu­ra i mer­ca­ti: «Con il no­stro in­ter­ven­to le con­di­zio­ni di li­qui­di­tà di Ve­ne­to Ban­ca e Po­po­la­re di Vi­cen­za si so­no sta­bi­liz­za­te, an­zi stan­no già re­cu­pe­ran­do». Il pre­si­den­te di Quae­stio, che ge­sti­sce il fon­do Atlan­te, re­pli­ca co­sì all'al­lar­me di Moo­dy's se­con­do cui l'even­tua­le vit­to­ria del No al re­fe­ren­dum del 4 di­cem­bre cree­reb­be pro­ble­mi all'au­men­to di ca­pi­ta­le di Mps e al­le ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ni che le ban­che ve­ne­te po­treb­be­ro es­se­re co­stret­te a lan­cia­re su ri­chie­sta del­la Bce. «Moo­dy's ci ha crea­to un pro­ble­ma, per­ché ha det­to che tut­te le ban­che che cu­ria­mo so­no a ri­schio re­so­lu­tion se pas­sa il No. Ora ci toc­ca di­re che il fun­ding plan al 2017 è a po­sto», spie­ga Pe­na­ti ri­ba­den­do che «fi­nal­men­te ab­bia­mo mes­so in sta­bi­li­tà que­ste due ban­che. Non vor­rem­mo che qual­cu­no lan­cias­se al­lar­mi che spa­ven­ta­no gli in­ve­sti­to­ri. Non c'è nes­su­na pre­oc­cu­pa­zio­ne, nes­sun pro­ble­ma. La li­qui­di­tà non è un pro­ble­ma».

Po­po­la­re Vi­cen­za non do­vrà af­fron­ta­re un au­men­to di ca­pi­ta­le da mez­zo mi­liar­do se ven­de­rà le sue sof­fe­ren­ze e al­tri cre­di­ti a ri­schio. Le due ban­che ti­ra­no un so­spi­ro di sol­lie­vo e si al­li­nea­no in un ine­di­to co­mu­ni­ca­to fo­to­co­pia che for­se inau­gu­ra già una fu­sio­ne nel­la co­mu­ni­ca­zio­ne co­me an­ti­pa­sto del­le al­tre si­ner­gie o ag­gre­ga­zio­ni che po­treb­be­ro ar­ri­va­re. «La net­ta di­chia­ra­zio­ne del Pro­fes­sor Pe­na­ti ci so­stie­ne in una lun­ga e ar­dua ope­ra di ri­sa­na­men­to, cer­to non age­vo­la­ta da al­lar­mi co­me quel­lo di Moo­dy's. Per noi ri­spon­de­ran­no i fat­ti: se non cre­des­si­mo nel fu­tu­ro del­le no­stre ban­che, non avreb­be sen­so met­te­re a pun­to, co­me stia­mo fa­cen­do, una pro­po­sta di par­zia­le ri­sto­ro del­le per­di­te su­bi­te da azio­ni­sti, te­sa a ri­co­strui­re il cli­ma di fi­du­cia e sul qua­le già ab­bia­mo se­gni in­co­rag­gian­ti, ad esem­pio nell'an­da­men­to del­la rac­col­ta scri­vo­no in due co­mu­ni­ca­ti di­stin­ti ma ugua­li il pre­si­den­te di Po­po­la­re Vi­cen­za Gian­ni Mion o il lea­der di Ve­ne­to Ban­ca Be­nia­mi­no An­sel­mi -. Il tut­to, ov­via­men­te, nei li­mi­ti con­sen­ti­ti dal­le au­to­ri­tà di re­go­la­zio­ne. Per noi, è que­sta la so­la smen­ti­ta che con­ta».

Pe­na­ti pe­rò non na­scon­de il pro­ble­ma prin­ci­pa­le: i co­sti so­no trop­po al­ti per da­re red­di­ti­vi­tà e ri­pa­ga­re l’azio­ni­sta Atlan­te, che con­trol­la le due ban­che al 98%. «Il co­st/in­co­me ra­tio di una è al 103% e dell'al­tra al 97%. Non so co­sa di­re: una ban­ca con quel co­st/in­co­me ra­tio non può reg­ge­re», av­ver­te Pe­na­ti ai mar­gi­ni di una con­fe­ren­za all’uni­ver­si­tà cat­to­li­ca di Mi­la­no. Il co­st/in­co­me si in­ten­de il rap­por­to tra i co­sti ope­ra­ti­vi (co­me i co­sti am­mi­ni­stra­ti­vi, quel­li per il per­so­na­le e per le pro­prie­tà) e il mar­gi­ne di in­ter­me­dia­zio­ne, che nel bi­lan­cio de­gli isti­tu­ti di cre­di­to è il ri­sul­ta­to del­la som­ma tra mar­gi­ne di in­te­res­se, com­mis­sio­ni net­te, di­vi­den­di e pro­ven­ti si­mi­li, ri­sul­ta­to net­to dell'at­ti­vi­tà di ne­go­zia­zio­ne, uti­li (o per­di­te).

Ma qual è il co­sto più pe­san­te? Ov­via­men­te il per­so­na­le. E su que­sto i pia­ni in­du­stria­li del­le due ban­che pre­sto all’ap­pro­va­zio­ne po­treb­be­ro in­ci­de­re pro­fon­da­men­te se è ve­ro che si par­la di al­me­no 2500 esu­be­ri su 10mi­la ad­det­ti com­ples­si­vi. Pe­san­ti ta­gli di per­so­na­le in vi­sta? «Que­sto non di­pen­de da me. Di­pen­de­rà dai cda, ci sa­rà un pia­no e ci stan­no la­vo­ran­do. Io

Co­sti trop­po al­ti

Ta­gli in ar­ri­vo

fac­cio l'azio­ni­sta», la ri­spo­sta di­plo­ma­ti­ca di Pe­na­ti. Il sin­da­ca­to ri­spon­de sec­co: «L’au­men­to del co­st/in­co­me di­pen­de dal ca­lo del­le mas­se e del­la red­di­ti­vi­tà av­ver­te Giu­lia­no Xau­sa, se­gre­ta­rio Fa­bi Po­po­la­re Vi­cen­za -, se fos­se ri­ma­sto a un an­no fa sa­reb­be mol­to più bas­so. Di cer­to que­sto ca­lo non è col­pa dei la­vo­ra­to­ri, af­fron­te­re­mo il pro­ble­ma quan­do ci pre­sen­te­ran­no i pia­ni in­du­stria­li».

Il pre­si­den­te di Quae­stio Sgr e del fon­do Atlan­te poi non ri­nun­cia a cri­ti­ca­re gli isti­tu­ti di cre­di­to col­pe­vo­li di aver fat­to trop­pe ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ni. «Le ban­che ita­lia­ne han­no enor­mi re­spon­sa­bi­li­tà» per­ché «so­no sta­te fat­te pu­li­zie, au­men­ti ca­pi­ta­li uno do­po l'al­tro ma, que­sto, vuol di­re met­ter­ci una pez­za. Pen­sa­te a quan­ti au­men­ti han­no fat­to Mps e Uni­cre­dit. Il mer­ca­to de­ve cre­de­re che è l'ul­ti­mo au­men­to, al­tri­men­ti gli in­ve­sti­to­ri aspet­ta­no quel­lo suc­ces­si­vo per com­pra­re a prez­zi più bas­si e si but­ta­no so­lo i sol­di de­gli azio­ni­sti». Da Pe­na­ti ar­ri­va an­che una stoc­ca­ta sul­le quat­tro good bank. «Se si fa la bad com­pa­ny e poi si sco­pre che han­no 4 mi­liar­di di cre­di­ti de­te­rio­ra­ti che raz­za di pu­li­zia è».

PO­PO­LA­RE

VI­CEN­ZA Una del­le due ban­che ve­ne­te

di Atlan­te, fon­do ge­sti­to

da Quae­stio

ALES­SAN­DRO PE­NA­TI Il pre­si­den­te di Quae­stio as­si­cu­ra: Bp­vi e Ve­ne­to Ban­ca so­no so­li­de

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.