Ban­co e Bpm, via al­la gran­de Po­po­la­re

Og­gi le as­sem­blee per la fu­sio­ne che cree­rà il ter­zo grup­po ita­lia­no. E la Bor­sa ap­pro­va: ti­to­li su di ol­tre il 6%

Il Gazzetino (Venezia) - - Economia - Mau­ri­zio Cre­ma

A Ve­ro­na spon­da Ban­co Po­po­la­re, so­no tran­quil­li: il più è sta­to fat­to por­tan­do a ca­sa con suc­ces­so l’au­men­to da un mi­liar­do nel giu­gno scor­so, l’as­sem­blea di og­gi in Fie­ra con ol­tre 4mi­la so­ci fi­le­rà li­scia. È in­ve­ce al­ta ten­sio­ne in Bpm per un’as­si­se che si an­nun­cia com­bat­tu­ta an­che se i sin­da­ca­ti so­no net­ta­men­te schie­ra­ti per la gran­de fu­sio­ne che por­te­rà al­la crea­zio­ne del ter­zo grup­po ban­ca­rio ita­lia­no con 2.500 spor­tel­li, 4 mi­lio­ni di clien­ti e l'obiettivo di rea­liz­za­re 1,1 mi­liar­di di uti­li al 2019. E c’è an­che chi tra­di­sce "un’an­ti­ca ma­lin­co­nia", co­me Vic­tor Mas­siah, con­si­glie­re de­le­ga­to di Ubi: «Non ab­bia­mo mai na­sco­sto il no­stro in­te­res­se per la Bpm, ma que­sto non si­gni­fi­ca che sia­mo in una po­si­zio­ne di gu­fo».

Chi non fa gli scon­giu­ri è il mer­ca­to, che an­che ie­ri ha spin­to de­ci­sa­men­te i ti­to­li fi­no a gua­da­gna­re ol­tre il 6% in Piaz­za Af­fa­ri, con un lie­ve van­tag­gio per Bpm (+ 6,08% a 0,42 eu­ro) ri­spet­to al con­cam­bio di 6,386 con il Ban­co (+ 6,25% a 2,55 eu­ro). Una con­fer­ma che gli oc­chi so­no pun­ta­ti tut­ti su Mi­la­no, do­ve si ter­rà la pro­va più du­ra. Il Con­si­glio ge­ne­ra­le del­la ban­ca, pe­rò, per ve­ni­re in­con­tro al­le ri­chie­ste dei pen­sio­na­ti, con­tra­ri al progetto di fu­sio­ne, ha an­nun­cia­to la na­sci­ta del­la Fon­da­zio­ne Bpm, pre­vi­sta pe­ral­tro dal­lo sta­tu­to del­la nuova hol­ding. Una mos­sa che giun­ge a sor­pre­sa e che in­con­tra l'«ap­prez­za­men­to» del Pat­to per la Bpm, che pe­ral­tro con­fer­ma tut­ta­via la pro­pria po­si­zio­ne con­tra­ria al progetto. Per og­gi in­tan­to si pre­an­nun­cia un'af­fluen­za re­cord in Fie­ra a Rho-pe­ro, stan­do al­le 12.500 ri­chie­ste di par­te­ci­pa­zio­ne per­ve­nu­te, il ri­sul­ta­to più al­to di sem­pre. Dif­fi­ci­le che si pre­sen­ti­no tut­ti, in vir­tù del mec­ca­ni­smo che con­sen­te di rac­co­glie­re fi­no a 10 de­le­ghe per so­cio, ma non ap­pa­re lon­ta­no il tra­guar­do de­gli 8mi­la pre­sen­ti, com­pre­se le de­le­ghe. Ol­tre quat­tro­mi­la azio­ni­sti in­ve­ce so­no at­te­si in Fie­ra a Ve­ro­na si po­treb­be­ro sfio­ra­re il re­cord di 6mi­la pre­sen­ze. I sin­da­ca­ti, gli ana­li­sti e il ma­na­ge­ment so­no da tempo schie­ra­ti per il sì e lo stes­so con­si­glie­re de­le­ga­to di Bpm Giu­sep­pe Ca­sta­gna, in­ter­vi­sta­to dal Fi­nan­cial Ti­mes, si di­ce «ot­ti­mi­sta». Nei gior­ni scor­si si è as­si­sti­to an­che ad un vi­va­ce scam­bio di ve­du­te con i rap­pre­sen­tan­ti dei pen­sio­na­ti del Pat­to per la Bpm, che de­nun­cia­va­no coer­ci­zio­ni per «as­si­cu­ra­re la pre­sen­za dei di­pen­den­ti in as­sem­blea». Ac­cu­se che lo stes­so Ca­sta­gna ha de­fi­ni­to co­me «av­vi­len­ti per la ban­ca». La ten­sio­ne è ri­sa­li­ta poi fi­no all'in­ter­no del con­si­glio di sor­ve­glian­za, che in due se­du­te non è riu­sci­to a tro­va­re una li­nea uni­ta­ria sul­le mo­da­li­tà di re­gi­stra­zio­ne del vo­to che sa­rà pa­le­se - in as­sem­blea.

In­tan­to il Ban­co Po­po­la­re ha per­fe­zio­na­to la ces­sio­ne di un por­ta­fo­glio di sof­fe­ren­ze per 618 mi­lio­ni di eu­ro, smon­tan­do co­sì uno de­gli ar­go­men­ti su cui fa per­no l'ap­pel­lo a vo­ta­re no dell'as­so­cia­zio­ne di pen­sio­na­ti di Bpm Li­sip­po. Bpm e Po­ste da par­te lo­ro han­no sciol­to il pat­to su Ani­ma, per su­pe­ra­re la ri­chie­sta del­la Con­sob di lan­cia­re un'opa sul­la par­te­ci­pa­ta.

Il con­cam­bio è fis­sa­to a 1 azio­ne del­la nuova ca­po­grup­po per ogni azio­ne del Ban­co Po­po­la­re in cir­co­la­zio­ne al mo­men­to dell'ef­fi­ca­cia del­la fu­sio­ne e un'azio­ne del­la nuova ca­po­grup­po per ogni 6,386 azio­ni di Bpm. Il pri­mo con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne sa­rà di 19 mem­bri e gui­de­rà la hol­ding quo­ta­ta in Bor­sa che si chia­me­rà Ban­co Bpm e che coor­di­ne­rà le due real­tà ban­ca­rie. Pre­si­den­te del nuo­vo cda sa­rà Car­lo Frat­ta Pa­si­ni (ex Ban­co) e Ad Giu­sep­pe Ca­sta­gna (da Bpm). Vi­ce pre­si­den­te vi­ca­rio Mau­ro Pao­lo­ni, vi­ce pre­si­den­ti Gui­do Ca­stel­lot­ti e Mau­ri­zio Co­mo­li. Nel nuo­vo cda an­che il vi­ce pre­si­den­te di Con­fin­du­stria, l’im­pren­di­to­re ve­ro­ne­se Giu­lio Pe­drol­lo, e l’at­tua­le Ad del Ban­co Pier Fran­ce­sco Sa­viot­ti, che do­vreb­be di­ven­ta­re il pri­mo pre­si­den­te del co­mi­ta­to ese­cu­ti­vo.

IL DE­LU­SO

Vic­tor Mas­siah: «Mi­la­no ci in­te­res­sa an­co­ra ma non gu­fia­mo»

1,59% 0,51% 0,49% 0,22%

BAN­CO BPM Tut­to pron­to a Ve­ro­na per la fu­sio­ne con Po­po­la­re Mi­la­no. Car­lo Frat­ta Pa­si­ni è il pre­si­den­te de­si­gna­to del nuo­vo grup­po

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.