Al­le­gri, vit­to­ria per la fu­ga

Il tec­ni­co vuo­le al­lun­ga­re ap­pro­fit­tan­do de­gli scon­tri di­ret­ti tra le ri­va­li

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

TO­RI­NO - Un'oc­ca­sio­ne da sfrut­ta­re per ten­ta­re la pri­ma fu­ga-scu­det­to del­la sta­gio­ne. La Juventus vuo­le bat­te­re l'udinese - pri­ma par­ti­ta di un «mese im­por­tan­te, con due scon­tri di­ret­ti con Mi­lan e Na­po­li e la dop­pia sfi­da col Lio­ne in Cham­pions» - per «ru­bac­chia­re qual­che pun­to ad una tra Na­po­li e Ro­ma», pro­ta­go­ni­ste del­lo scon­tro di­ret­to di og­gi po­me­rig­gio. E senza tra­scu­ra­re che an­che al­tre due squa­dre ter­ze a 13 pun­ti, Chie­vo e Mi­lan, si af­fron­ta­no do­ma­ni se­ra. Un pia­no am­bi­zio­so per ri­pren­de­re la sta­gio­ne e tor­na­re con la te­sta al cam­pio­na­to do­po la pau­sa per le na­zio­na­li, che han­no re­sti­tui­to al mi­ster bian­co­ne­ro qual­che gio­ca­to­re ac­ciac­ca­to o stan­co per i vo­li in­ter­con­ti­nen­ta­li.

«Uno an­zi­ché ve­ni­re qui si è in­fi­la­to nel vi­ci­no ip­po­dro­mo», scher­za Al­le­gri. Ol­tre agli in­for­tu­na­ti Ru­ga­ni, Asa­moh e Pja­ca, il tec­ni­co non ha con­vo­ca­to Bo­nuc­ci, che ha go­du­to di un pa­io di gior­ni di per­mes­so ex­tra per sta­re ac­can­to al fi­glio, ri­pre­so­si dai pro­ble­mi di sa­lu­te del­la scor­sa esta­te, e Da­ni Al­ves, che non ha an­co­ra smal­ti­to il jet lag del­la tra­sfer­ta col suo Bra­si­le. «A li­vel­lo di in­fer­me­ria sia­mo mes­si de­ci­sa­men­te me­glio dell'an­no scor­so, ma c'è chi si è sob­bar­ca­to 16 o 18 ore di vo­lo», os­ser­va an­nun­cian­do che «uno tra Dy­ba­la e Hi­guain gio­ca per for­za» e por­tan­do in pan­chi­na ba­by-kean, 16 an­ni ap­pe­na.

Do­po sei me­si si ri­ve­de in pan­chi­na an­che Clau­dio Mar­chi­sio, al­la sua pri­ma con­vo­ca­zio­ne dall'in­for­tu­nio al gi­noc­chio del­lo scor­so apri­le. «L'idea­le sa­reb­be dar­gli spa­zio du­ran­te le par­ti­te, ma di­pen­de da co­me van­no», di­ce Al­le­gri, che chie­de pru­den­za e cau­te­la nell'uti­liz­zo del cen­tro­cam­pi­sta per evi­ta­re l'in­sor­ge­re di al­tri pro­ble­mi.

Le in­si­die con­tro l'udinese, co­mun­que, non man­che­ran­no. «Sba­glia chi di­ce che sia una par­ti­ta fa­ci­le - so­stie­ne il tec­ni­co bian­co­ne­ro - Lo­ro so­no una squa­dra di buo­ni gio­ca­to­ri, con un ot­ti­mo al­le­na­to­re ap­pe­na ar­ri­va­to, Del­ne­ri, senza nul­la to­glie­re al la­vo­ro di Ia­chi­ni. Bi­so­gna ave­re umil­tà e por­ta­re a ca­sa i tre pun­ti». Pre­di­ca con­cen­tra­zio­ne, dun­que, mi­ster Al­le­gri, che di­fen­de Buf­fon (nel­la fo­to) per l'er­ro­re in Na­zio­na­le - «cri­ti­car­lo è una be­stem­mia» - e «si di­ce di­spia­ciu­to per gli in­for­tu­ni di Mon­to­li­vo e Mi­lik».

«La sta­gio­ne è an­co­ra lun­ga, dob­bia­mo vin­ce­re per il cam­pio­na­to e per­ché ad ogni vit­to­ria ne man­ca una in me­no per vin­ce­re», con­clu­de Al­le­gri, che spe­ra di sfrut­ta­re l'as­si­st for­ni­to dal ca­len­da­rio e, con una vit­to­ria con l'udinese, di al­lun­ga­re sul­le in­se­gui­tri­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.