Uno spa­reg­gio per l’al­ta clas­si­fi­ca

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport - R. S.

Tra Na­po­li e Ro­ma, nell’an­ti­ci­po di og­gi al San Pao­lo, c’è in bal­lo il fu­tu­ro. Chi do­ves­se per­de­re al­tro ter­re­no dal­la Juventus può già ri­di­men­sio­na­re le am­bi­zio­ni. Non a ca­so Spal­let­ti spro­na la trup­pa, in­vi­tan­do­la a una pre­sta­zio­ne al mas­si­mo in quan­to è «un'oc­ca­sio­ne per ve­de­re co­me an­drà il no­stro fu­tu­ro. Poi ce ne sa­ran­no al­tre, pe­rò poi il li­vel­lo di pos­si­bi­li­tà di­mi­nui­sce o au­men­ta in ba­se a co­me esci da que­ste par­ti­te». L'obiettivo, in­som­ma, è scen­de­re in cam­po per «ten­ta­re di vin­ce­re» con­sci del fat­to che non sa­rà una pas­seg­gia­ta per­ché «il Na­po­li è la mi­glio­re squa­dra del cam­pio­na­to per gio­co espres­so. Per mo­do di sta­re in cam­po, equi­li­brio, qua­li­tà, con­ti­nui­tà e com­ple­tez­za del­le due fa­si so­no i più bra­vi di tut­ti». Spal­let­ti non par­la di for­ma­zio­ne, ma non sa­ran­no del­la par­ti­ta Stroot­man e Bruno Pe­res, nem­me­no con­vo­ca­ti per pro­ble­mi fi­si­ci e Naing­go­lan non è al me­glio: «Ra­d­ja ha pas­sa­to un pe­rio­do do­ve è sta­to al di sot­to del­le sue pos­si­bi­li­tà per­ché in dif­fi­col­tà fi­si­ca, ora si sta al­le­nan­do be­ne. Ma noi ab­bia­mo bi­so­gno di gio­ca­to­ri for­ti».

Mau­ri­zio Sar­ri (nel­la fo­to) è in­ve­ce scet­ti­co sul­la te­si che il vec­chio "der­by del so­le" de­li­nee­rà il pro­fi­lo del­la se­con­da for­za del cam­pio­na­to: «Non cre­do che dall'esi­to di Na­po­li-ro­ma pos­sa di­pen­de­re qua­le sa­rà l’av­ver­sa­ria del­la Ju­ve. All'8˚ gior­na­ta è pre­ma­tu­ro di­re di una par­ti­ta che può pro­iet­ta­re o no in cer­te po­si­zio­ni di clas­si­fi­ca, con tren­ta gior­na­te da gio­ca­re». Un Na­po­li senza Mi­lik, e con un Gab­bia­di­ni (af­fian­ca­to da In­si­gne e Cal­le­jon) che non de­ve far­lo rim­pian­ge­re, ma Sar­ri non non si pre­oc­cu­pa di que­sto: «La par­ti­ta è im­por­tan­te per noi per­ché ve­nia­mo da una brut­ta pre­sta­zio­ne e la squa­dra de­ve rea­gi­re. È una ga­ra dif­fi­ci­le per­ché la Ro­ma ha un po­ten­zia­le of­fen­si­vo ed al­le­na­to­re di gran­dis­si­mo li­vel­lo». E chia­ri­sce ri­sen­ti­to: «Non so­no uno che si ar­ren­de», di­chia­ran­do­si ar­rab­bia­to per co­me le sue di­chia­ra­zio­ni po­st-ata­lan­ta sia­no sta­te in­ter­pre­ta­te co­me una re­sa nei con­fron­ti del­la Ju­ve.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.