Actv, la cor­sia pre­fe­ren­zia­le met­te fuo­ri gio­co gli eva­so­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano - Ro­ber­ta Brunetti

Quat­tro pas­seg­ge­ri su die­ci usa­no gli ac­ces­si prio­ri­ta­ri de­di­ca­ti a re­si­den­ti e pen­do­la­ri. Una buo­na pro­por­zio­ne che sta ga­ran­ten­do il fun­zio­na­men­to del si­ste­ma, senza crea­re in­gor­ghi. La cor­sia "prio­ri­ty" poi ha fat­to an­che au­men­ta­re le bip­pa­tu­re, ri­por­tan­do sul­la ret­ta via tan­ti ab­bo­na­ti che en­tra­va­no dall'usci­ta e pu­re pa­rec­chi eva­so­ri. Non a ca­so, so­no cre­sciu­ti gli ab­bo­na­men­ti.

A quat­tro me­si, dei sei pre­vi­sti di spe­ri­men­ta­zio­ne, Co­mu­ne e Actv stan­no ti­ran­do le pri­me som­me sull'espe­rien­za, da­ti al­la ma­no. E il bi­lan­cio è po­si­ti­vo.

Il da­to più in­te­res­san­te è for­se l'esplo­sio­ne del­le bip­pa­tu­re: più 7% a Ve­ne­zia e Li­do, ad­di­rit­tu­ra più 141% a Mu­ra­no e più 47% a Bu­ra­no, do­ve so­no sta­te chiu­se le usci­te. Stop agli in­gres­si al con­tra­rio, dun­que, ma an­che a tan­ti viag­gi a sbaf­fo. Tant'è che se la ven­di­ta di bi­gliet­ti sin­go­li è sce­sa del 3%, quel­la de­gli ab­bo­na­men­ti è cre­sciu­ta del 5%. Un al­tro pro­ba­bi­le ef­fet­to prio­ri­ty da ve­ri­fi­ca­re nel tempo.

«Se c'è qual­co­sa che fun­zio­na, pur re­stan­do in fa­se spe­ri­men­ta­le, è la prio­ri­ty - com­men­ta l'as­ses­so­re al­la mo­bi­li­tà, Re­na­to Bo­ra­so - la gen­te la ap­prez­za. Ep­pu­re, pri­ma di par­ti­re, po­chi ci cre­de­va­no, do­po le pes­si­me espe­rien­ze de­gli an­ni pre­ce­den­ti. Ma noi ci sia­mo mes­si a te­sta bas­sa, avre­mo fat­to cin­quan­ta riu­nio­ni per tro­va­re que­sta so­lu­zio­ne».

«Con una nor­ma­ti­va sul tra­spor­to pub­bli­co lo­ca­le che vie­ta la di­scri­mi­na­zio­ne, e quin­di li­nee o ac­ces­si de­di­ca­ti - ri­cor­da il di­ret­to­re ge­ne­ra­le di Avm, Gio­van­ni Se­no - ab­bia­mo stu­dia­to un al­tro si­ste­ma per age­vo­la­re chi vi­ve e la­vo­ra in cit­tà e non può per­de­re tempo tra i tu­ri­sti. Non un im­bar­co, ma un ini­zio di im­bar­co prio­ri­ta­rio che an­da­va spe­ri­men­ta­to sul cam­po. Ora do­po que­sti me­si pos­sia­mo di­re che l'espe­rien­za fun­zio­na e qua­si cer­ta­men­te sa­rà con­fer­ma­ta».

Ma ve­dia­mo qual­che nu­me­ro. Ai 220mi­la re­si­den­ti che han­no avu­to la prio­ri­ty in au­to­ma­ti­co, se ne so­no ag­giun­ti 22mi­la dei 50mi­la po­ten­zia­li aven­ti di­rit­to che la po­te­va­no ri­chie­de­re in quan­to pen­do­la­ri. Non c'è sta­ta la cor­sa all'abi­li­ta­zio­ne che ci si aspet­ta­va, ma una cre­sci­ta nel tempo. Nei cin­que var­chi abi­li­ta­ti fi­no­ra (Piaz­za­le Ro­ma, Rial­to, Li­do, Bu­ra­no e Mu­ra­no) le bip­pa­tu­re me­die gior­na­lie­re con prio­ri­ty so­no sta­te 15.858, cor­ri­spon­den­ti al 42% del to­ta­le. Una pro­por­zio­ne che va­ria mol­to tra Ve­ne­zia e Li­do (53% di prio­ri­ty) e iso­le: 13% a Mu­ra­no, 14% a Bu­ra­no, do­ve i nu­me­ri as­so­lu­ti, pe­rò, so­no ov­via­men­te più con­te­nu­ti. Pro­por­zio­ni che non han­no crea­to squi­li­bri ec­ces­si­vi, an­che gra­zie ad un uso at­ten­to del­la ca­te­nel­la da par­te dei pon­to­nie­ri.

«La sod­di­sfa­zio­ne è di gran lun­ga su­pe­rio­re all'in­sod­di­sfa­zio­ne» sot­to­li­nea Bo­ra­so.

Tra le pro­te­ste, quel­le di chi agli im­bar­ca­de­ri con la prio­ri­ty non fa tempo a sa­li­re in va­po­ret­to che il ma­ri­na­io apre su­bi­to la ca­te­nel­la per far en­tra­re an­che chi non ha la cor­sia pre­fe­ren­zia­le, me­sco­lan­do di fat­to i pas­seg­ge­ri fin dal­la sa­li­ta.

«Il si­ste­ma - os­ser­va Se­no pun­ta a non far per­de­re il va­po­ret­to ai pas­seg­ge­ri prio­ri­ty, ma se il mez­zo è vuo­to e c'è po­sto per tut­ti, la sen­si­bi­li­tà del pon­to­nie­re sta nell'apri­le le ca­te­nel­le una do­po l'al­tra».

IL PROGETTO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.