«Io, zin­ga­rel­la e schia­va sal­va­ta dal­la fa­mi­glia di un ca­ra­bi­nie­re»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestremarcon -

Se fi­no a po­chi an­ni fa più di una don­na ve­ne­ta su tre de­nun­cia­va di aver su­bi­to vio­len­za fi­si­ca o ses­sua­le, la si­tua­zio­ne non sem­bra de­sti­na­ta a mi­glio­ra­re a bre­ve. Ne è con­vin­to Adel­chi D'ip­po­li­to, pro­cu­ra­to­re ag­giun­to del­la Re­pub­bli­ca di Ve­ne­zia, ospi­te del con­ve­gno sul­la vio­len­za do­me­sti­ca e di ge­ne­re or­ga­niz­za­to dall'or­di­ne pro­vin­cia­le dei me­di­ci chi­rur­ghi e odon­to­ia­tri di Ve­ne­zia e in cor­so da ie­ri al pa­di­glio­ne Ra­ma dell'ospe­da­le dell'an­ge­lo. È lui a coor­di­na­re l'at­ti­vi­tà del­la pros­si­ma re­la­zio­ne sul­la vio­len­za con­tro la don­na e può già an­ti­ci­par­ne l'esi­to: «Que­sto ti­po di rea­ti non sta di­mi­nuen­do com­men­ta -: i ri­sul­ta­ti dell'ope­ra­zio­ne di con­tra­sto non so­no buo­ni, non riu­scia­mo a fer­ma­re il trend in sa­li­ta. Serve un mes­sag­gio più for­te, un'at­ti­vi­tà di pre­ven­zio­ne». Og­get­to del di­bat­ti­to è ap­pun­to il po­ten­zia­men­to del pro­to­col­lo, a cui han­no ade­ri­to nel 2014 me­di­ci, for­ze dell'or­di­ne, isti­tu­zio­ni e coo­pe­ra­ti­ve del ter­ri­to­rio dell'asl 12 con l'obiettivo di as­si­cu­ra­re pro­te­zio­ne e as­si­sten­za al­le don­ne che su­bi­sco­no vio­len­ze. E toc­can­te è la sto­ria di Ma­rian­na, un no­me di fan­ta­sia, che ie­ri ha com­mos­so la pla­tea dell'au­di­to­rium.

«Sem­bro non esi­ste­re, non ri­sul­to nean­che na­ta». Il rac­con­to par­te dal­le pa­ro­le del­la let­te­ra in­via­ta qual­che an­no fa al Pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Giorgio Na­po­li­ta­no per chie­de­re la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na. Po­che ri­ghe in cui de­scri­ve un'in­fan­zia di bot­te e mi­nac­ce: una vi­cen­da dram­ma­ti­ca, rac­con­ta­ta con un sor­ri­so che ne sve­la a tra­di­men­to il lie­to fi­ne.

Do­ve Ma­rian­na sia na­ta non lo ri­cor­da. È pro­ba­bi­le che sia sta­ta ven­du­ta dai suoi ge­ni­to­ri, in un paese bal­ca­ni­co. I pri­mi ri­cor­di so­no quel­li nel cam­po no­ma­di del sud Ita­lia. «Ero una zin­ga­rel­la - rac­con­ta -, vi­ve­vo in rou­lot­te senza se­vi­zi igie­ni­ci e in con­di­zio­ni di to­ta­le spor­ci­zia». La sua fa­mi­glia pre­ten­de­va che i bam­bi­ni ru­bas­se­ro nel­le ca­se. Ma lei si ri­fiu­ta­va, ed era­no bot­te. Poi il tra­sfe­ri­men­to

IL PRO­CU­RA­TO­RE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.