Ve­ne­zia, c’è il Te­ra­mo Og­gi vie­ta­to sba­glia­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Portogruaro - Mar­co De Laz­za­ri

L'uni­co pun­to con­qui­sta­to nel­le ul­ti­me due usci­te met­te «spal­le al mu­ro» il Ve­ne­zia que­sto po­me­rig­gio (ore 16.30) con­tro il Te­ra­mo. Non ul­ti­mo per­ché si trat­ta del­la se­con­da usci­ta con­se­cu­ti­va al Pen­zo, do­ve set­te gior­ni fa gli aran­cio­ne­ro­ver­di so­no riu­sci­ti a ri­sa­li­re dal­lo 0-2 al 2-2 con­tro la Sam­be­ne­det­te­se, evi­tan­do il se­con­do stop di fi­la do­po Pordenone.

«Per co­me si era­no mes­se le co­se sia­mo si­cu­ra­men­te re­du­ci da un pun­to gua­da­gna­to, og­gi pe­rò è fon­da­men­ta­le ri­co­min­cia­re a vin­ce­re le mo­ti­va­zio­ni di Si­mo­ne Ben­ti­vo­glio -. Do­po una scon­fit­ta e un pa­reg­gio non ci so­no al­ter­na­ti­ve, an­che se do­po le pri­me ot­to gior­na­te la clas­si­fi­ca è tal­men­te com­pat­ta che pos­sia­mo di­re di ri­par­ti­re tut­ti quan­ti da ze­ro co­me fos­se la pri­ma di cam­pio­na­to» Nel gi­ro­ne B la Sam­be­ne­det­te­se ha pre­so la te­sta del tor­neo gra­zie al 2-0 nel re­cu­pe­ro col Pa­do­va e il Ve­ne­zia è sem­pre a -2 dal­la vet­ta.

«Non vin­cia­mo da 180'ma non è cam­bia­to nien­te sul pia­no del­le no­stre cer­tez­ze di squa­dra né del­la con­sa­pe­vo­lez­za nei no­stri mez­zi. Pro­prio per­ché è lì da­van­ti a tut­ti, la grin­ta di aver ri­mon­ta­to la Samb non ha fat­to al­tro che con­fer­ma­re il ca­rat­te­re e la ca­pa­ci­tà di rea­zio­ne del Ve­ne­zia. Cer­to, già og­gi con­tro un Te­ra­mo bi­so­gno­so di pun­ti do­vre­mo es­se­re più bra­vi a sfrut­ta­re le oc­ca­sio­ni. Ci aspet­ta l'en­ne­si­mo av­ver­sa­rio chiu­so e vo­ta­to al con­tro­pie­de, sta a noi ave­re la pa­zien­za di sta­nar­li con un gi­ro pal­la an­cor più ra­pi­do con­si­de­ra­to che il cam­po del Pen­zo non è lar­ghis­si­mo».

Ben­ti­vo­glio è re­du­ce dal pri­mo gol in aran­cio­ne­ro­ver­de, suo in­fat­ti il ro­cam­bo­le­sco 2-2 con «ma­ni­na ga­leot­ta» che tan­to ave­va fat­to ar­rab­bia­re la Sam­be­ne­det­te­se.

«Io so so­lo che ero da­van­ti al di­fen­so­re av­ver­sa­rio, ar­ri­va­vo di gran car­rie­ra, lui mi ha sbi­lan­cia­to e fat­to fal­lo: di si­cu­ro ho col­pi­to il pal­lo­ne col pie­de si­ni­stro, se non fos­se en­tra­to in por­ta avreb­be do­vu­to dar­ci il ter­zo ri­go­re, net­to co­me gli al­tri due pe­ral­tro, ed espel­le­re il mio mar­ca­to­re. Ac­qua pas­sa­ta, ciò che con­ta è so­lo bat­te­re il Te­ra­mo, se­gna­re pre­sto sa­rà im­por­tan­tis­si­mo per­ché dob­bia­mo vin­ce­re per re­sta­re in al­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.