Ma­la­gò: «Il no ai Gio­chi è una fe­ri­ta ri­par­tia­mo dai 3 mon­dia­li in Ve­ne­to»

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità - Pao­lo Na­var­ro Di­na

«Nes­sun ri­cor­so. Lo ab­bia­mo det­to e ri­pe­tu­to: non è nel no­stro sti­le. E que­sto cre­do che ci con­trad­di­stin­gua. Ma l’ita­lia è il "pae­se dei ri­cor­si", e one­sta­men­te non mi stu­pi­rei se qual­cu­no ci pen­sas­se». Gio­van­ni Ma­la­gò, nu­me­ro uno del Co­ni, è a Venezia per par­la­re del fu­tu­ro del­lo sport ita­lia­no. Ed è nel tem­pio del­la mu­si­ca li­ri­ca, il Tea­tro La Fe­ni­ce, che gli sta­ti ge­ne­ra­li del Co­mi­ta­to olim­pi­co na­zio­na­le si so­no da­ti ap­pun­ta­men­to do­po il trau­ma e la "scon­fit­ta del­lo sport ita­lia­no" con il no del­la giun­ta Rag­gi al­la can­di­da­tu­ra di Roma per le Olimpiadi 2024.

«Sia­mo per­so­ne di sport, av­ver­te Ma­la­gò -, che san­no fa­re sport e lo ab­bia­mo sem­pre di­mo­stra­to. Rio 2016 è sta­ta una gran­de sod­di­sfa­zio­ne. Sia­mo abi­tua­ti a vin­ce­re, ma an­che a per­de­re. An­che se poi è da di­mo­stra­re se qual­cu­no ha vin­to o qual­cu­no ha per­so. Quel­lo che mi ha fe­ri­to è sta­to il mo­do, per­chè si è scel­to di non en­tra­re nel me­ri­to. É sta­ta una scel­ta tut­ta po­li­ti­ca, de­ma­go­gi­ca, che non pos­sia­mo che ri­spet­ta­re, per­chè in au­to­ma­ti­co, la can­di­da­tu­ra ha per­so di cre­di­bi­li­tà. Ora è tem­po di ri­par­ti­re».

E in que­sto sen­so il pre­si­den­te del Co­ni na­zio­na­le ha ri­cor­da­to i nu­me­ro­si ap­pun­ta­men­ti che at­ten­do­no lo sport ita­lia­no, e quel­lo ve­ne­to co­me la can­di­da­tu­ra per i Mon­dia­li di ci­cli­smo nel 2020 tra Vi­cen­za e Venezia; quel­li di Moun­tain Bi­ke nel 2018 e in­fi­ne i Mon­dia­li di sci al­pi­no per Cor­ti­na nel 2021. «Sa­ran­no gran­di op­por­tu­ni­tà - ha spie­ga­to Ma­la­gò - in stret­ta col­la­bo­ra­zio­ne con le isti­tu­zio­ni lo­ca­li e con Venezia, tan­to che il no­me di Cor­ti­na può es­se­re as­so­cia­to a quel­lo del­la cit­tà la­gu­na­re che di­ven­te­rà un ve­ro e pro­prio "hub"». In­tan­to c’è chi ve­dreb­be con fa­vo­re an­che i Gio­chi del Me­di­ter­ra­neo a Venezia... «Di­rei che è pre­ma­tu­ro - ta­glia cor­to il nu­me­ro uno del Co­ni In­tan­to ve­dia­mo che suc­ce­de­rà a Li­ma l’an­no pros­si­mo, vi­sto e con­si­de­ra­to l’ipo­te­si di una can­di­da­tu­ra Mi­la­no...». Il con­ve­gno, or­ga­niz­za­to dal pre­si­den­te re­gio­na­le Gian­fran­co Bar­del­le, ha ri­chia­ma­to a Venezia i di­ri­gen­ti re­gio­na­li e pro­vin­cia­li del Co­ni e ha vi­sto la par­te­ci­pa­zio­ne di in­di­men­ti­ca­ti cam­pio­ni co­me Ma­nue­la Di Cen­ta, Ore­ste Per­ri, Ga­briel­la Do­rio e Lo­ren­zo Ber­nar­di. Pre­sen­ti an­che gli as­ses­so­ri re­gio­na­li Ele­na Do­naz­zan e Cri­sti­no Co­raz­za­ri, e il sin­da­co di Venezia, Lui­gi Bru­gna­ro. L’ul­ti­mo pen­sie­ro di Ma­la­gò è sta­to Be­be Vio, in­vi­ta­ta al­la ce­na di ga­la al­la Ca­sa Bian­ca. «Per noi è mo­ti­vo di or­go­glio - ha con­clu­so Ma­la­gò - Be­be mi ha con­fi­da­to un so­gno: quel­lo di di­ven­ta­re in fu­tu­ro pre­si­den­te del Co­ni. Io so­no fa­vo­re­vo­lis­si­mo e so­no pron­to, quan­do sa­rà il mo­men­to, a so­ste­ner­la in cam­pa­gna elet­to­ra­le».

Ci­cli­smo in pia­nu­ra mtb e sci a Cor­ti­na

NU­ME­RO UNO DEL CO­NI

Gio­van­ni Ma­la­gò

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.