Re­fe­ren­dum, il re­cu­pe­ro di Ren­zi & C.

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinion - DI MA­RIO AJELLO

Spi­ra­va un'aria di pau­ra. Ma ades­so il ven­to sem­bra cam­bia­to. Quel­lo re­fe­ren­da­rio. Mat­teo Ren­zi e la squa­dra del Sì si sen­ti­va­no in svan­tag­gio e lo era­no ri­spet­to ai so­ste­ni­to­ri del No. I son­dag­gi per me­si e me­si so­no sta­ti se­ve­ri nei lo­ro con­fron­ti. Pa­re­va che l'ar­ma­ta (Bran­ca­leo­ne?) del­la de­stra, del­la si­ni­stra, dei gril­li­ni e dei ce­spu­gli mul­ti­co­lo­ri fie­ra­men­te con­tra­ri al­la ri­for­ma Bo­schi (lo­ro la chia­ma­no Bo­schi-ver­di­ni) fos­se ir­rag­giun­gi­bi­le. Ma ora, il son­dag­gio Ixé dà per la pri­ma vol­ta in pa­reg­gio (37 a 37 per cen­to) il Sì è il No e gli al­tri isti­tu­ti di ri­cer­ca so­no con­cor­di nel di­re che il Sì sta re­cu­pe­ran­do. I mo­ti­vi del re­cu­pe­ro so­no so­stan­zial­men­te tre. Il pri­mo: Ren­zi ha de­ci­so di gio­ca­re da one man show nel­la bat­ta­glia e la per­so­ni­fi­ca­zio­ne pa­ghe­reb­be in­sie­me al­la ca­pa­ci­tà del pre­mier di mo­stra­re tut­ta la sua spa­smo­di­ca vo­glia di vin­ce­re e l'ini­zio del tour de for­ce te­le­vi­si­vo (al­la tra­smis­sio­ne di Gi­let­ti, da Sem­pri­ni a Po­li­tics e nei pros­si­mi gior­ni sa­rà dap­per­tut­to) è sta­to giu­di­ca­to po­si­ti­va­men­te sia dal­lo share sia da­gli esper­ti. Tra do­ma­ni e do­po­do­ma­ni i nuo­vo son­dag­gi di­ran­no quan­ti pun­ti per­cen­tua­li in più han­no por­ta­to al Sì le esi­bi­zio­ni di Ren­zi. Se­con­da mo­ti­va­zio­ne. La pro­pa­gan­da del Sì - me­no spe­se e me­no pol­tro­ne per la po­li­ti­ca, se­mi-abo­li­zio­ne del Se­na­to, ve­lo­ciz­za­zio­ne dei tem­pi del­la de­mo­cra­zia, me­no as­sem­blea­ri­smo e più de­ci­sio­ne - è più fa­ci­le da vei­co­la­re per­ché mol­to in sin­to­nia con gli umo­ri col­let­ti­vi. Ter­za mo­ti­va­zio­ne. I gril­li­ni si so­no vi­sti scip­pa­re da Ren­zi le lo­ro pa­ro­le d'or­di­ne an­ti-ca­sta e fa­ti­ca­no dun­que a en­tra­re in par­ti­ta. In più il lo­ro elet­to­ra­to, se­con­do i son­dag­gi, se ne in­fi­schia del re­fe­ren­dum. Ul­ti­ma mo­ti­va­zio­ne. Ber­lu­sco­ni è tie­pi­do e as­sen­te nel­la cam­pa­gna per il No, men­tre la san­ta al­lean­za tra In­gro­ia e Bru­net­ta, D'ale­ma e Ci­ri­no Po­mi­ci­no, Di­ni, Ce­sa e gli ex co­mu­ni­sti e gli ex fa­sci­sti è ap­par­sa un eser­ci­to uni­to so­lo dall'av­ver­sio­ne ver­so Ren­zi. E vo­glio­so di ria­pri­re i gio­chi po­li­ti­ci - go­ver­no di lar­ghe in­te­se do­po la cac­cia­ta del Moc­cio­so? - guar­dan­do più in­die­tro che avan­ti. Ma la cor­sa re­fe­ren­da­ria è an­co­ra lun­ga pie­na di trap­po­le e di pos­si­bi­li col­pi di sce­na. E guai ad az­zar­da­re ades­so i pro­no­sti­ci.

Gli show del pre­mier

e la fa­ti­ca de­gli av­ver­sa­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.