Actv, par­te la cro­cia­ta con­tro la puz­za a bor­do

Va­po­ret­ti e bus sem­pre più pie­ni, i pas­seg­ge­ri con­vi­vo­no con i cat­ti­vi odo­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - Gior­gia Pra­do­lin

«Scu­si può chiu­de­re il fi­ne­stri­no che en­tra l'aria fred­da?». «Si­gno­ra ma non sen­te che puz­za c'è qui den­tro?».

Una sce­na, quel­la di ie­ri mat­ti­na a bor­do di un va­po­ret­to Actv di­ret­to al Li­do, a cui ca­pi­ta di as­si­ste­re sem­pre più fre­quen­te­men­te. Con l'ar­ri­vo dell'in­ver­no e l'ab­bas­sa­men­to del­le tem­pe­ra­tu­re la mag­gior par­te dei viag­gia­to­ri si ac­cal­ca all'in­ter­no dei mez­zi pub­bli­ci la­men­tan­do­si spes­so di ef­flu­vi sgra­de­vo­li, do­vu­ti vuoi a scar­sa igie­ne per­so­na­le, vuoi ad abi­tu­di­ni ali­men­ta­ri "et­ni­che".

«Nel­le no­stre cu­ci­ne - spie­ga Ar­ri­go Cipriani, ti­to­la­re dell'har­ry's Bar - la­vo­ra­no 6 per­so­ne e con i fil­tri ri­cam­bia­mo 12mi­la me­tri cu­bi d'aria. Ven­go­no gli ispet­to­ri a far­ci le ve­ri­fi­che, e se le fa­ces­se­ro a bor­do dei mez­zi Actv do­vreb­be­ro fer­mar­li a cau­sa del­la pes­si­ma qua­li­tà dell'aria. D'al­tra par­te - scher­za Cipriani - il pri­mo si­ste­ma di ri­scal­da­men­to è pro­prio quel­lo "uma­no" e in in­ver­no chis­sà, po­treb­be an­che far co­mo­do».

Se­con­do il di­ret­to­re dell'as­so­cia­zio­ne pub­bli­ci eser­ci­zi (Ae­pe) Er­ne­sto Pan­cin, va tro­va­to un ri­me­dio: «Non si può puz­za­re al­le 8 del mat­ti­no - sbot­ta Pan­cin - Su bus e bat­tel­li sal­go­no cir­ca 200 per­so­ne in 30 se­con­di, quin­di il pro­ble­ma è la pres­sio­ne uma­na che si vie­ne a crea­re su que­sti mez­zi: ma­ri­nai e pi­lo­ti do­vreb­be­ro chiu­de­re l'ac­ces­so pri­ma, man­te­nen­do un mi­ni­mo di spa­zio vi­ta­le per i viag­gia­to­ri. Inol­tre, si de­vo­no ipo­tiz­za­re nuo­ve so­lu­zio­ni al­ter­na­ti­ve a que­sti si­ste­mi di tra­spor­to che og­gi non so­no più ade­gua­ti per la mo­le di uten­ti». Il pro­ble­ma è quin­di ri­con­du­ci­bi­le al­la ge­stio­ne dei flus­si, e non so­lo.

«Si po­treb­be mi­glio­ra­re la pu­li­zia sui mez­zi che og­gi è pre­ca­ria, sa­reb­be già un buon ini­zio per con­tra­sta­re i cat­ti­vi odo­ri - af­fer­ma il ge­sto­re del­la Lo­can­da Cipriani a Tor­cel­lo Bonifacio Brass - La puz­za si sen­te in in­ver­no co­me in esta­te, spes­so sem­bra di viag­gia­re su car­ri be­stia­me, non c'è mol­ta qua­li­tà in un ser­vi­zio che i tu­ri­sti pa­ga­no a prez­zo sa­la­to. Vi so­no me­tro­po­li­ta­ne in al­cu­ne cit­tà che si pre­sen­ta­no pu­li­te, e co­sì do­vreb­be es­se­re an­che a Venezia». Più il mez­zo di tra­spor­to è di di­men­sio­ni ri­dot­te, e più il pro­ble­ma si fa "sen­ti­re". «Pren­do ogni mat­ti­na il mo­to­sca­fo 4.1 - spie­ga Lau­ra Fac­ci­ni, pre­si­den­te del­la Pie­tà - e mi ca­pi­ta di do­ver­mi al­za­re e spo­sta­re per­ché vi­ci­no a me si sie­do­no per­so­ne che odo­ra­no pe­san­te­men­te. Si ri­schia di es­se­re tac­cia­ti per di­scri­mi­na­zio­ne e raz­zi­smo ma non è co­sì. Fil­tri o deo­do­ran­ti a bor­do? Pri­ma i ma­ri­nai po­treb­be­ro ac­cer­tar­si che nel­le ca­bi­ne al­cu­ni fi­ne­stri­ni ri­man­ga­no sem­pre aper­ti, per ga­ran­ti­re una mi­ni­ma cir­co­la­zio­ne dell'aria».

AR­RI­GO CIPRIANI «Se fa­ces­se­ro con­trol­li all’aria co­me da noi li fer­me­reb­be­ro»

BONIFACIO BRASS «Tal­vol­ta sem­bra di viag­gia­re su car­ri ba­stia­me Ser­ve pu­li­zia»

CAL­CA A BOR­DO Mez­zi pub­bli­ci

sem­pre più pie­ni e que­sto si ri­per­cuo­te an­che sul­la sa­lu­bri­tà

dell’aria spe­cie in

in­ver­no quan­do i fi­ne­stri­ni de­vo­no re­sta­re

chiu­si

L’IMBARCADERO

L’ap­pro­do di Sam Zac­ca­ria, do­ve è sta­ta

fer­ma­ta la don­na sa­li­ta a bor­do sen­za

bi­gliet­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.