San Mar­co, Chi­na­to­wn con il val­zer del­le li­cen­ze

Chiu­do­no due sto­ri­ci ne­go­zi di ab­bi­glia­men­to. Co­sì si "ag­gi­ra­no" i li­mi­ti del Co­mu­ne

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - Tul­lio Car­do­na

Venezia Chi­na­to­wn. Con­ti­nua la "ci­ne­siz­za­zio­ne" del com­mer­cio in pie­no cen­tro sto­ri­co, che sop­pian­ta ne­go­zi e bot­te­ghe di vi­ci­na­to per av­via­re pun­ti di ri­sto­ra­zio­ne.

Da po­chi gior­ni, lo sto­ri­co ne­go­zio di ab­bi­glia­men­to "Ce­riel­lo", in cam­po san­ti Fi­lip­po e Gia­co­mo, die­tro piaz­za San Mar­co, è di­ven­ta­to un ri­sto­ran­te di pro­prie­tà ci­ne­se, ma ge­sti­to da ita­lia­ni. Na­ta nel lon­ta­no 1903, la Ce­riel­lo ave­va for­ni­to an­che di­vi­se ai sol­da­ti ita­lia­ni du­ran­te la guer­ra ed era an­no­ve­ra­ta fra le più no­te bou­ti­que del­la cit­tà. Ma non ba­sta, a due pas­si dal cam­po, pro­prio ai pie­di del pon­te del­la Ca­no­ni­ca, fra po­che set­ti­ma­ne chiu­de­rà an­che il ne­go­zio di cal­za­tu­re e pel­let­te­ria "Ma­ria­ni". La con­clu­sio­ne dell'at­ti­vi­tà vie­ne con­fer­ma­ta dal ti­to­la­re, En­ri­co Ma­ria­ni.

«L'azien­da è na­ta ne­gli an­ni Ses­san­ta ma ne ave­va ri­le­va­ta un'al­tra at­ti­va con le cal­za­tu­re dal 1867 - spie­ga - Chiu­do per­ché il no­stro com­mer­cio vie­ne pe­na­liz­za­to, e al­la pic­co­la di­stri­bu­zio­ne scar­seg­gia il pro­dot­to. Il no­stro mon­do com­mer­cia­le non c'è più». An­che per quan­to ri­guar­da la "Ma­ria­ni" si par­la di ci­ne­si, con i qua­li En­ri­co è in trattativa.

Ma co­me è pos­si­bi­le cam­bia­re ti­po­lo­gia com­mer­cia­le in quel­la che il re­go­la­men­to co­mu­na­le de­fi­ni­sce "zo­na ros­sa", ov­ve­ro vin­co­la­ta? Stan­do al­le re­go­le, ces­sa­ta o pas­sa­ta di ma­no un'at­ti­vi­tà, nel­lo stes­so luo­go do­vreb­be sor­ge­re un ne­go­zio dal­la stes­sa gam­ma di pro­dot­ti. Esi­ste, pe­rò, la "mi­gra­zio­ne" del­le li­cen­ze, ov­ve­ro il tra­sfe­ri­men­to con­sen­ti­to dei per­mes­si di ven­di­ta da un luo­go all'al­tro, ap­par­te­nen­te al­la stes­sa zo­na. Co­sì, ba­sta com­pra­re la li­cen­za da un chio­sco di bi­bi­te o da un bar sem­pre in zo­na ros­sa, per apri­re ri­sto­ran­ti al po­sto di ne­go­zi di ab­bi­glia­men­to o di scar­pe. Re­sta da ve­de­re co­me sia pos­si­bi­le ac­qui­si­re co­sì tan­te li­cen­ze nel­la me­de­si­ma zo­na e co­me si rie­sca, co­me nel ca­so dell'ex Ci­riel­lo, ad ot­te­ne­re i per­mes­si di aper­tu­ra in un so­lo me­se. Inol­tre, nel ca­so spe­ci­fi­co gli eser­cen­ti ve­ne­zia­ni di cam­po san­ti Fi­lip­po e Gia­co­mo, si chie­do­no do­ve gli orien­ta­li tro­vi­no i i sol­di per­ché, di­co­no: «Que­sta lo­ro ca­pa­ci­tà di ac­ce­de­re a ca­pi­ta­li di­vie­ne con­cor­ren­za slea­le, dal mo­men­to che noi con ci riu­sci­re­mo mai, at­tra­ver­so i no­stri isti­tu­ti di cre­di­to. For­se esi­ste un flus­so pro­ve­nien­te dal­la Ci­na ver­so l'eu­ro­pa, che di­vie­ne il lo­ro fon­do di ac­can­to­na­men­to per que­ste ope­ra­zio­ni».

«Quan­do una zo­na si po­la­riz­za con un'of­fer­ta com­mer­cia­le di un ti­po so­lo, co­me il cam­po con la ri­sto­ra­zio­ne - ag­giun­go­no gli eser­cen­ti - an­che i ne­go­zi con al­tri ar­ti­co­li si sva­lu­ta­no, fi­no a scom­pa­ri­re per­ché cir­con­da­ti».

DAL­LE SCAR­PE AI CI­NE­SI Il ne­go­zio Ma­ria­ni chiu­de­rà, ar­ri­ve­ran­no i ci­ne­si

DAI VE­STI­TI AL CI­BO L’ex ne­go­zio Ce­riel­lo è di­ven­ta­to ri­sto­ran­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.