Abu­si sui mi­no­ri, ca­si in au­men­to

Zan­ca­ner (Ulss 12): «Me­di­ci e pe­dia­tri ri­flet­ta­no quan­do ve­do­no le­sio­ni stra­ne o che si ri­pe­to­no»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Ti­zia­no Gra­ziot­tin

«È de­va­stan­te non ca­pi­re che un mi­no­re è sta­to pic­chia­to». È la fra­se for­te con cui Sil­va­no Zan­ca­ner, di­ret­to­re del­la Me­di­ci­na le­ga­le dell'ulss 12, ha in­tro­dot­to ie­ri la ses­sio­ne del con­ve­gno al pa­di­glio­ne Ra­ma dell'an­ge­lo de­di­ca­to al­la vio­len­za do­me­sti­ca e di ge­ne­re, or­ga­niz­za­to dall'or­di­ne dei me­di­ci. "Ope­ra­to­ri del Pron­to soc­cor­so e pe­dia­tri han­no il do­ve­re di pen­sar­ci quan­do ri­scon­tra­no le­sio­ni stra­ne o ri­pe­ti­ti­ve, ho vi­sto an­che 10-15 ac­ces­si sen­za che nes­su­no fa­ces­se un col­le­ga­men­to". Sul­la stes­sa li­nea Gio­van­ni Bat­ti­sta Poz­zan, di­ret­to­re di Pe­dia­tria all'an­ge­lo: «Se un bam­bi­no è sta­to vi­sto più vol­te per trau­mi al pron­to soc­cor­so pe­dia­tri­co bi­so­gna ra­gio­nar­ci so­pra».

Pro­prio le mo­da­li­tà per in­ter­cet­ta­re un di­sa­gio o peg­gio un abu­so in di­ver­si am­bien­ti e am­bi­ti pro­fes­sio­na­li so­no sta­te al cen­tro del­la ta­vo­la ro­ton­da, e il trait d'union del­le re­la­zio­ni è sta­to l'as­so­lu­ta ne­ces­si­tà di cre­sce­re nel­la ca­pa­ci­tà di ascol­to, e non so­lo in un con­te­sto me­di­co. «Gli in­se­gnan­ti - ha os­ser­va­to ad esem­pio il prof. Mi­che­le Vi­sen­tin, pre­si­de dell'isti­tu­to su­pe­rio­re dei Sa­le­sia­ni di Padova - de­vo­no al­za­re la so­glia di in­tel­li­gen­za emo­ti­va, og­gi in­suf­fi­cien­te. È sem­pre più cen­tra­le il te­ma dell'ascol­to, è fon­da­men­ta­le che i ra­gaz­zi pos­sa­no rac­con­ta­re se stes­si, se vo­glia­mo spe­ra­re di po­ter co­glie­re i se­gna­li di di­sa­gio e di abu­so. Il li­vel­lo di do­lo­re di stu­den­ti e ge­ni­to­ri è in au­men­to».

Toc­can­te la te­sti­mo­nian­za di Pao­la Pon­ta­rol­lo, as­si­sten­te so­cia­le del Tri­bu­na­le dei mi­no­ri di Venezia, che ha evi­den­zia­to la ne­ces­si­tà di un la­vo­ro di re­te quan­do il mi­no­re su­bi­sce o as­si­ste al­la vio­len­za (pur­trop­po è di­mo­stra­to che il fi­glio spet­ta­to­re di una ag­gres­sio­ne da par­te del ge­ni­to­re ten­de in se­gui­to a re­pli­car­ne il com­por­ta­men­to). Pon­ta­rol­lo ha rac­con­ta­to la sto­ria di una ra­gaz­za - stu­den­tes­sa ap­prez­za­ta a scuo­la - che ha ac­col­tel­la­to un fa­mi­lia­re, evi­den­zian­do co­me so­lo gra­zie a un ascol­to ve­ro ed ap­pro­fon­di­to è emer­sa la dram­ma­ti­ca ve­ri­tà: da un an­no e mez­zo era vio­len­ta­ta da M., a sua vol­ta vit­ti­ma di vio­len­ze fi­si­che e psi­co­lo­gi­che di ogni ge­ne­re in fa­mi­glia. «Il nu­me­ro di rea­ti com­mes­so da mi­no­ri - ha con­clu­so la dot­to­res­sa Pon­ta­rol­lo - è in cre­sci­ta espo­nen­zia­le. Ma bi­so­gna ri­cor­da­re sem­pre che con le de­nun­ce i ra­gaz­zi si pos­so­no sal­va­re per­ché il pro­ces­so mi­no­ri­le è pri­ma di tut­to un pro­ces­so di aiu­to».

VIO­LEN­ZA An­che ie­ri un pub­bli­co nu­me­ro­so ha se­gui­to il con­ve­gno dell’or­di­ne dei me­di­ci sul­la vio­len­za di ge­ne­re

ABU­SI Al­lar­me abu­si sui

mi­no­ri: i ca­si ri­scon­tra­ti dal per­so­na­le sa­ni­ta­rio

so­no in au­men­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.