La "Ca­sa ros­sa" per di­sa­bi­li com­pie 30 an­ni

Il Gazzetino (Venezia) - - San Donà di Piave - Ema­nue­la Fur­lan

FOS­SAL­TA DI PIA­VE - La "Ca­sa ros­sa" di Fos­sal­ta, cen­tro per di­sa­bi­li adul­ti, ha fe­steg­gia­to ie­ri, un com­plean­no im­por­tan­te, a cui non han­no vo­lu­to man­ca­re sin­da­ci e am­mi­ni­stra­to­ri an­che dei vi­ci­ni Co­mu­ni, il vi­ce­go­ver­na­to­re Gian­lu­ca For­co­lin, rap­pre­sen­tan­ti dell'asl 10 e vo­lon­ta­ri, ospi­ti del cen­tro con ami­ci e pa­ren­ti. Tut­ti ad ap­plau­di­re An­na Bot­ter, la fon­da­tri­ce e pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne, che, con co­rag­gio, de­ter­mi­na­zio­ne e te­na­cia, ha crea­to la strut­tu­ra e l'ha svi­lup­pa­ta in 30 an­ni, so­ste­nu­ta da vo­lon­ta­ri e be­ne­fat­to­ri, fi­no a far­lo di­ven­ta­re un pun­to di ri­fe­ri­men­to per il San­do­na­te­se. Era il 1986 quan­do il cen­tro di la­vo­ro diur­no fu inau­gu­ra­to. Al­lo­ra nep­pu­re l'asl ave­va un elen­co dei di­sa­bi­li adul­ti che, con­clu­so il per­cor­so sco­la­sti­co, tor­na­va­no nell'iso­la­men­to fa­mi­lia­re. La "Ca­sa ros­sa" aprì le por­te a tan­ti di lo­ro. Og­gi so­no 28 co­lo­ro che fre­quen­ta­no il cen­tro diur­no. Ma l'as­so­cia­zio­ne non si è fer­ma­ta qui: nel 2003 ha inau­gu­ra­to la co­mu­ni­tà al­log­gio "La ca­sa di Um­ber­ta" in cui so­no ospi­ta­ti 11 di­sa­bi­li e da po­co è sta­to ter­mi­na­to un grup­po di quat­tro ca­se, in cui i di­sa­bi­li po­tran­no svi­lup­pa­re una vi­ta pri­va­ta au­to­no­ma.

«È sta­to un per­cor­so in sa­li­ta, par­ti­to dal nul­la, ri­vol­to al­le per­so­ne più de­bo­li» - ha ri­cor­da­to An­na Bot­ter. «Fon­da­men­ta­le è sta­to il vo­lon­ta­ria­to», han­no sot­to­li­nea­to il sin­da­co Sen­si­ni e il vi­ce­go­ver­na­to­re For­co­lin, che ha pro­mes­so di por­ta­re il pre­si­den­te Za­ia a vi­si­ta­re la "Ca­sa ros­sa".

An­na Bot­ter da­van­ti al­la "sua" Ca­sa ros­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.